Nachtigal: Un Nuovo Capitolo per l’Energia Idroelettrica in Camerun





Il Progetto Nachtigal: Una Rivoluzione Energetica in Camerun

Introduzione

Dopo cinque anni di intenso lavoro, il progetto idroelettrico Nachtigal inizia finalmente a immettere elettricità nella rete nazionale del Camerun. La cerimonia di inaugurazione della prima turbina si è tenuta il 10 maggio 2024, segnando un momento storico per il paese. Questo articolo esplorerà i dettagli del progetto, le sue implicazioni per l’energia in Camerun e nei paesi vicini, e l’impatto globale sullo sviluppo dell’Africa.

Un Progetto di Grande Portata

Il progetto Nachtigal non è solo una grande impresa ingegneristica, ma rappresenta anche una risorsa cruciale per l’approvvigionamento energetico del Camerun. La prima unità ha già immesso 60 MW nel Réseau Interconnecté Sud (RIS), fornendo energia alle regioni del Centro, Sud, Littoral, Ovest, Nord-Ovest e Sud-Ovest del paese.

“Il Nachtigal rafforza la capacità di produzione di elettricità del Camerun per soddisfare le esigenze dell’industria e delle famiglie”, ha dichiarato il Ministro dell’Acqua e dell’Energia Gaston Eloundou Essomba.

Espansione e Prospettive Future

Oltre a soddisfare la domanda interna, il Camerun ha piani ambiziosi per esportare energia ai paesi vicini. Già entro il 2027, è prevista la vendita di 100 MW di elettricità al Ciad, nell’ambito del progetto di interconnessione delle reti elettriche Camerun-Ciad (PIRECT).

La nuova centrale idroelettrica Nachtigal non si ferma ai primi 60 MW. Secondo il Ministero dell’Acqua e dell’Energia del Camerun, le altre sei unità verranno progressivamente messe in funzione, raggiungendo una capacità totale di 420 MW entro dicembre 2024. Questa aggiunta aumenterà del 30% la capacità di generazione di elettricità del Camerun.

Una Collaborazione Internazionale

Il progetto Nachtigal è il risultato di una significativa collaborazione internazionale. La struttura sarà gestita dalla Nachtigal Hydro Power Company (NHPC), una società veicolo speciale partecipata da Électricité de France (EDF, 40%), International Finance Corporation (IFC, 20%), Stato del Camerun (15%), piattaforma di investimento Africa50 (15%) e il gestore patrimoniale francese STOA Infra & Energy. Questi azionisti hanno mobilitato 1,2 miliardi di euro per finanziare il progetto, che include una diga di 1,455 km sul fiume Sanaga e un canale di alimentazione di 3,3 km, situato a 70 km dalla capitale politica Yaoundé.

Conclusione

L’avvio del progetto idroelettrico Nachtigal segna un passo fondamentale nello sviluppo energetico del Camerun e dell’Africa centrale. Non solo migliorerà l’accesso all’energia per milioni di persone, ma stimolerà anche lo sviluppo economico e industriale della regione. La cooperazione internazionale e l’investimento in infrastrutture sostenibili come questa centrale idroelettrica rappresentano una strada promettente per il futuro energetico del continente.


Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito