Uganda si Avvicina all’Energia Nucleare: Un Passo Verso lo Sviluppo Sostenibile






Uganda si Avvicina all’Energia Nucleare: Un Passo Verso lo Sviluppo Sostenibile

Introduzione

L’Uganda sta facendo passi significativi verso l’adozione dell’energia nucleare come risposta alla crescente domanda di energia elettrica nel paese. Con la collaborazione dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA), il Ministero dell’Energia e dello Sviluppo Minerario ugandese sta esplorando le risorse di uranio per garantire una fornitura sostenibile di combustibile nucleare.

Sviluppo del Progetto Nucleare

Irene Batebe, segretaria permanente del ministero, ha sottolineato l’importanza dell’uranio come combustibile nucleare principale per i futuri impianti di energia nucleare e reattori di ricerca in Uganda. Si prevede che la capacità nucleare progettata richiederà circa 4.000 tonnellate di uranio all’anno una volta pienamente operativa.

“Il combustibile nucleare più ampiamente utilizzato negli impianti nucleari e nei reattori di ricerca è l’uranio, essenziale per il programma nucleare ugandese,” ha dichiarato Batebe durante l’apertura dell’incontro di nove giorni con gli esperti dell’IAEA.

Con il supporto dell’IAEA, il governo sta modificando il “Atomic Energy Act” del 2008 per rafforzare il quadro giuridico relativo all’esplorazione, estrazione e lavorazione delle risorse di combustibile nucleare.

Il Ruolo dell’Energia Nucleare nella Visione 2040

L’Uganda sta mirando a raggiungere gli obiettivi della “Vision 2040”, un ambizioso piano di sviluppo che richiede un significativo incremento della capacità di generazione elettrica. Attualmente, le potenzialità di generazione da fonti idroelettriche, biomassa, geotermiche e torba, anche se completamente sviluppate, non sarebbero sufficienti a soddisfare questi obiettivi.

“Per raggiungere i nostri obiettivi di sviluppo, l’energia nucleare deve essere integrata nel mix di generazione elettrica,” ha affermato Batebe.

Nel mese di aprile 2023, il Consiglio dei Ministri ha adottato la “Energy Policy for Uganda, 2023” che prevede lo sviluppo di una capacità di generazione di 52.481 MW nel lungo termine, di cui 24.000 MW saranno rappresentati da energia nucleare.

Conclusione

Il progresso dell’Uganda verso l’energia nucleare rappresenta un passo cruciale per il futuro energetico e lo sviluppo sostenibile del paese. L’integrazione dell’energia nucleare nel mix energetico non solo aiuterà a soddisfare la crescente domanda di energia, ma contribuirà anche a garantire una fornitura energetica stabile e sostenibile. Questo sviluppo è significativo non solo per l’Uganda, ma anche come esempio per altri paesi africani che cercano di diversificare le loro fonti di energia e promuovere lo sviluppo economico e tecnologico.


Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito