Regolamentazione prestiti digitali in Tanzania: BoT interviene







Regolamentazione prestiti digitali in Tanzania: BoT interviene

La Banca Centrale della Tanzania non permetterà più a prestatori digitali non autorizzati di operare nel paese e ha informato i clienti di prestare attenzione alle licenze valide prima di rivolgersi a società di prestiti.

Le nuove restrizioni della Banca della Tanzania (BoT) sono ritenute connesse a pratiche di prestito discutibili come la vergogna dei debitori morosi e tassi di interesse elevati.

La direttiva influenzerà oltre 100 app digitali non registrate che forniscono prestiti istantanei a circa il 30% degli utenti di telefonia mobile adulti che non dispongono di reddito regolare o rapporti con istituzioni finanziarie tradizionali come banche, saccos e cooperative.

“In accordo con l’Articolo 16 (1) della Legge [Legge sul Microcredito 2018], è un reato esercitare l’attività di prestito senza una licenza valida. Il divieto di esercitare l’attività di prestito senza una licenza include la concessione di prestiti attraverso varie piattaforme come prestiti digitali”, ha dichiarato la BoT in un avviso.

Come parte delle riforme, le piattaforme autorizzate dovranno rilasciare agli acquirenti accordi di prestito firmati che dettagliano i termini e le condizioni, inclusi i costi totali dei prestiti, i tassi di interesse e le penali per i pagamenti in ritardo.

Attualmente, le app non forniscono accordi dettagliati poiché gli utenti ottengono i prestiti con un semplice clic.

“Il pubblico è quindi invitato a esaminare l’accordo di prestito che sta per essere stipulato, comprendere e accettare i termini e le condizioni del prestito, e assicurarsi che il prestatore abbia una licenza valida rilasciata dalla Banca della Tanzania”, ha avvertito la BoT.

La decisione della BoT segue una mossa simile del vicino Kenya che ha vietato oltre 100 fornitori di credito digitale non autorizzati, riducendo il numero di app di prestiti mobili autorizzate a 50.



Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito