LA TANZANIA SI PREPARA AD ATTIVARE IL SECONDO TURBINE ALLA CENTRALE IDROELETTRICA JULIUS NYERERE



La Tanzania si prepara ad attivare il secondo turbine alla centrale idroelettrica Julius Nyerere

Un passo avanti per l’energia e l’economia nazionale

Il governo è pronto ad attivare il secondo turbina presso la centrale idroelettrica Julius Nyerere entro la fine di aprile, nonostante le sfide provocate dall’elevato livello delle acque. Dopo aver completato i test a secco e quelli a umido, sono attualmente in corso i test elettrici che apriranno la strada all’attivazione del secondo impianto. Le piogge El Nino continuano a riempire la diga ad una velocità impressionante, ma il progetto proseguirà generando 2.115 megawatt una volta completato.

Tre cose da sapere:

  1. Contributo energetico significativo: La centrale ha già iniziato a contribuire con 235 megawatt alla rete nazionale, riducendo notevolmente i tagli di corrente e si prevede l’eliminazione totale dei razionamenti con l’attivazione del secondo turbine.
  2. Impegno del governo: Il governo tanzaniano conferma il proprio impegno nel progetto per garantire elettricità necessaria al paese. Si sottolinea l’importanza della sostenibilità idrica e il piano di diversificare le fonti energetiche.
  3. Trasformazione del settore energetico: Con nove turbine operative, la Julius Nyerere Hydropower Plant potrebbe portare ad un surplus di elettricità, favorendo ulteriore crescita economica nel paese.

Il mese scorso, la centrale ha iniziato a contribuire con 235 megawatt alla rete nazionale, riducendo notevolmente i tagli di corrente e si prevede l’eliminazione totale dei razionamenti con l’attivazione del secondo turbine. Il governo ha evidenziato come questa centrale possa portare benefici eclatanti all’economia nazionale. Il Vice Primo Ministro e Ministro dell’Energia, Mr Doto Biteko, ha sottolineato l’importanza di future progetti idroelettrici rispettosi dei principi di sostenibilità idrica, oltre a pianificare investimenti in gas, solare, eolico e geotermico per diversificare le fonti energetiche del paese. Con nove turbine operative, la Julius Nyerere Hydropower Plant si candida a rivoluzionare il panorama energetico tanzaniano, aprendo la strada a una possibile eccedenza di elettricità e alla crescente crescita economica.

Conclusioni:

Le implicazioni economiche di questa attivazione sono significative, con una maggiore disponibilità di energia che potrebbe stimolare la produttività e l’industria nel paese. Sul fronte politico, il governo dimostra un impegno tangibile nel settore energetico, sottolineando l’importanza di progetti sostenibili e diversificati. Dal punto di vista geopolitico, la crescita dell’infrastruttura energetica potrebbe conferire alla Tanzania una maggiore stabilità economica e potenzialmente una posizione di maggior rilievo a livello regionale. L’attivazione del secondo turbine alla Julius Nyerere Hydropower Plant segna un passo significativo nella crescita e nello sviluppo del paese in termini di energia e economia.


Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito