Il percorso della Tanzania verso un Re-Engagement

La Tanzania è notoriamente un paese con una importante storia di leadership continentale iniziata con il suo fondatore Julius Nyerere. Con Nyerere il paese influenzò paese – ad esempio -i membri del Commonwealth a respingere la riammissione del Sudafrica dell’apartheid e sacrificò un sostanziale impegno di aiuto per rompere le relazioni diplomatiche con il Regno Unito dal 1965 al 1968 sulla questione dell’indipendenza della Rhodesia.
Molto dopo sotto la presidenza di John Magufuli, la Tanzania ha vissuto un periodo di un certo isolazionismo che ha avuto un impatto sulle sue relazioni internazionali e sulle sue prospettive economiche. Questa fase è stata segnata da un’attenzione alle politiche orientate verso l’interno e da una certa riluttanza a impegnarsi con i partner internazionali, che portò in parte a un rallentamento degli investimenti stranieri e della sua reputazione storica di leader regionale.La scomparsa del presidente Magufuli nel 2021 ha segnato l’inizio di un nuovo capitolo sotto la guida della presidente Samia Suluhu Hassan che ha intrapreso una missione per rilanciare la posizione della Tanzania sulla scena globale.

Samia Suluhu Hassan, sta di fatto realizzando una revisione ufficiale della
strategia di politica estera, promuovendo un primo aggiornamento della politica internazionale da oltre due decenni.

Questa revisione offre l’opportunità di consolidare la rinascita della Tanzania come leader economico e diplomatico.

Basti pensare che se Magufuli in sei anni si è recato in visita fuori dal paese solo otto volte e solo in altri paesi africani, Samia Suluhu Hassan tra il 2021 e il 2023, ha effettuato 47 viaggi all’estero di cui 23 al di fuori dell’Africa : una scelta senza
precedenti.

Il piano quinquennale dal 2021/22 al 2025/26 prevede tra l’altro almeno due obiettivi ambiziosi: quintuplicare il numero di investitori stranieri e aprire 10 nuove ambasciate all’estero.

Nel 2023, la Tanzania ha aperto la sua prima ambasciata a Vienna, in Austria, e sempre lo stesso anno in estate è stata aperta una nuova ambasciata della Tanzania in Indonesia mentre sono allo studio anche alcune proposte per aprire ambasciate sia in Iran che in Pakistan.

Negli ultimi due anni, la Tanzania ha assistito a una significativa trasformazione nel suo panorama politico e politico. Il cambiamento di politica ha aperto le porte alla Tanzania per rivendicare il suo ruolo di potenza regionale. Il paese è pronto a sfruttare la sua crescita economica completando ambiziosi progetti infrastrutturali transfrontalieri, come gli sviluppi ferroviari ed energetici, che richiedono un impegno più attivo con i paesi vicini.

Ad esempio due importanti progetti infrastrutturali della Tanzania stanno plasmando la sua politica estera regionale Il primo è l’ East African Crude Oil Pipeline (EACOP) che trasporterà il petrolio ugandese al porto tanzaniano di Tanga, come progetto congiunto tra le compagnie petrolifere nazionali ugandesi e tanzaniane, insieme alla società francese Total Energies e alla China National Offshore Oil Corporation.
Il secondo progetto è la Standard Gauge Railway (SGR) della Tanzania , che collegherà Dar es Salaam con linee che si estendono fino al Burundi, alla Repubblica Democratica del Congo e al Ruanda.

Anche gli sforzi diplomatici del presidente sono stati degni di nota. L’accordo della Tanzania per sostenere la strategia di sicurezza della Somalia è una testimonianza del suo rinnovato impegno per la stabilità e la cooperazione regionale. Tali scelte segnalano l’intenzione della Tanzania di reclamare il suo ruolo di potenza regionale, contribuendo alla pace e allo sviluppo oltre i suoi confini.

Il viaggio però non è privo di sfide. L’eredità del passato ha lasciato il segno e saranno necessarie altre misure proattive per garantire il percorso che la Tanzania ha intrapreso.
La nuova strategia di politica estera sottolinea l’importanza di un impegno per consolidare il re-engagement del paese come attore chiave sulla scena Africana.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito