Corridoi Commerciali e Integrazione Africana: Il Ruolo Chiave della Tanzania Entro il 2035

- Advertisement -
Nel cuore dell’Africa, l’intreccio delle vie commerciali riveste un ruolo fondamentale per il tessuto economico regionale e, in questa cornice dinamica, alcuni corridoi commerciali emergono per il loro potenziale strategico. Particolarmente rilevanti sono le arterie che collegano la Tanzania alla Repubblica Democratica del Congo (DRC) e quest’ultima al Kenya. Queste rotte sono destinate a diventare il motore del commercio all’interno dell’area dell’Africa orientale entro il 2035. Al centro di questa prospettiva sta un obiettivo ampio: la realizzazione di una connettività infrastrutturale sempre più fitta tra gli stati africani, che si prevede sarà il principale fattore di successo per l’Area di Libero Scambio Continentale Africana (AfCFTA).

All’interno della regione dell’Africa meridionale, si prospetta che un’integrazione sempre più stretta possa portare la quota di esportazioni intraregionali ad oltre il 30% nei prossimi dieci anni. Non meno significativo sarà il contributo dei corridoi che interconnettono il Medio Oriente, il Nord Africa e l’Africa Orientale: si stima che il volume complessivo del commercio attraverso queste rotte possa avvicinarsi alla cifra di 200 miliardi di dollari a metà del prossimo decennio. Tali previsioni cadono in un periodo in cui alcuni stati membri dell’AfCFTA hanno espresso preoccupazioni per la stagnazione del sistema di commercio africano, rimasto inchiodato al 14-15% negli ultimi tre-quattro anni.

Fondamentale nell’ambito dello sviluppo infrastrutturale dell’Africa orientale è il ruolo pionieristico della Tanzania che sta diventando il principale corridoio di trasporto del continente. Guidata dalle politiche dell’attuale presidente Mama Samia Suluhu Hassan, la Tanzania sta attuando imponenti sviluppi nel settore dei trasporti, con l’obiettivo di incrementare la crescita economica, potenziare il commercio regionale e promuovere l’integrazione regionale.

Il cosiddetto Corridoio Centrale è un asse commerciale di vitale importanza che connette la Tanzania con il DRC, il Ruanda, il Burundi e l’Uganda; questa rete rappresenta un punto di snodo per altri corridoi economici e porti marittimi del continente. L’attuale trasformazione sotto la guida dell’amministrazione di Samia Suluhu Hassan poggia su investimenti di vasta portata nel settore infrastrutturale dei trasporti, includendo iniziative relative a ferrovie, strade, aviazione e collegamenti marittimi. Questa imprescindibile strategia infrastrutturale è vista come uno dei pilastri portanti del successo dell’AfCFTA, fungendo da volano per l’attuazione pratica dell’atto liberale.

In conclusione, la Tanzania, con il sostegno del suo governo e la visione lungimirante dei suoi leader, si propone come un attore chiave nello scacchiere regionale africano, con il suo impegno nello sviluppo infrastrutturale destinato a supportare e accelerare la creazione di una più vasta e libera zona di scambio commerciale nel continente. Un obiettivo ambizioso che, se realizzerà le sue promesse, non solo potenziare il commercio intra-africano ma influenzerà positivamente la crescita economica e lo sviluppo sostenibile dell’intera regione.

- Advertisement -

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito