Oro guida l’export ghanese nel 2023: $7,6 miliardi di entrate nonostante la contrazione generale del commercio estero

Nel corso dell’anno 2023, il Ghana ha consolidato la propria reputazione economica grazie alle esportazioni di oro, elemento trainante dell’economia nazionale. Con una cifra imponente, 7,6 miliardi di dollari sono stati generati dalle vendite di questo prezioso metallo. Nonostante una generale contrazione del settore delle esportazioni di merci del 4,9%, attestatisi a 16,6 miliardi di dollari, l’oro ha registrato una crescita del 15%. Questo incremento è riconducibile sia all’aumento del volume di esportazione che al rialzo dei prezzi, posizionando così l’oro come principale fonte di valuta estera per il paese.

La Bank of Ghana, massima autorità finanziaria del paese, ha diffuso un comunicato in data 29 gennaio 2024, a seguito della riunione del Comitato di Politica Monetaria, nel quale si analizzano i dettagli delle performance dell’esportazione delle principali merci. Le notizie sono state meno rosee per altri settori: il cacao, altra importante voce dell’export ghanese, ha subito una leggera flessione dell’1,1%, conseguenza di una riduzione tanto in termini di volume quanto di prezzo, per un totale di 1,3 miliardi di dollari.

Ancora più marcata è stata la contrazione delle esportazioni di petrolio greggio, con un calo impressionante del 29,3% e un guadagno che si è fermato a 3,8 miliardi di dollari; una dinamica imputabile a una riduzione sia nel volume che nel prezzo del greggio sul mercato globale. Anche altre categorie merceologiche, incluse quelle non tradizionali, hanno subito un leggero arretramento, calando dell’1,9% per un valore stimato di 3,1 miliardi di dollari.

Per quanto riguarda le importazioni, l’istituto bancario ha constatato una diminuzione del 4,2%, con un dispendio complessivo di 14 miliardi di dollari, dovuto principalmente ai cali registrati sia nelle importazioni di beni non petroliferi sia in quelle di petrolio e gas. Il valore delle importazioni al di fuori del comparto petrolifero si è attestato a 9,5 miliardi di dollari, con un decremento del 4,6%, mentre il settore olio e gas ha visto una decrescita del 3,3%, toccando il valore di 4,5 miliardi di dollari.

Il delicato equilibrio del commercio estero ghanese è stato influenzato dalle fluttuazioni di prezzo delle principali esportazioni, nonché dai ridotti livelli produttivi di cacao e petrolio. Di conseguenza, la bilancia commerciale ha evidenziato un lieve declino. Il saldo commerciale del 2023 ha mostrato un avanzo di 2,63 miliardi di dollari, inferiore rispetto a quello del 2022, che aveva raggiunto 2,87 miliardi di dollari. Tale diminuzione dell’avanzo è direttamente riconducibile al calo più marcato dei guadagni derivanti dalle esportazioni in rapporto al volume delle importazioni.

Queste cifre ed analisi sono risultato di un’acuta osservazione dell’economia del Ghana, che rivela come le sorti di una nazione possano essere influenzate da variabili globali e dal dinamismo di mercati specifici quali quelli dell’oro e del petrolio. Il commento esperto della Banca del Ghana fornisce uno spaccato dettagliato di come stanno mutando gli scenari economici e commerciali, fornendo indicazioni preziose per investitori, policy makers e osservatori economici interessati alle dinamiche finanziarie dell’Africa occidentale e in particolare del Ghana.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito