La Russia apre il mercato del caffè ugandese

La Russia è pronta a stringere un accordo con il consorzio di investimento nel caffè dell’Uganda per vendere caffè ugandese con valore aggiunto in Russia. Questo accordo arriva in seguito al secondo summit Russia-Africa tenutosi a San Pietroburgo nel mese di luglio, durante il quale il presidente Museveni ha chiesto alla Russia di sostenere il continente per porre fine all’esportazione continua di materie prime dall’Africa, compreso il caffè.

Il 16 dicembre 2023, a Mosca, è stato annunciato un futuro accordo di cooperazione strategica a lungo termine che sarà sancito con la firma di un memorandum d’intesa tra l’Uganda e la Russia. Alla cerimonia di firma hanno partecipato funzionari del Ministero degli Affari Esteri di entrambi i paesi, tra cui Moses Kizige, ambasciatore dell’Uganda in Russia, Nelson Tugume, presidente del Coffee Investment Consortium Uganda, Maria Zakharova, rappresentante del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, e Olesya Nosova, editor e CEO del giornale Komsomolskaya Pravda KP.

L’accordo prevede la promozione del caffè ugandese direttamente dagli agricoltori ugandesi ai supermercati, agli hotel e ai caffè russi. L’evento è iniziato con una degustazione di caffè per far conoscere ai padroni di casa russi la varietà e l’aroma dei migliori caffè dell’Uganda.

La rappresentante Maria Zakharova ha sottolineato che l’Africa ha nutrito e abbeverato l’Occidente per secoli, ma ora è il momento di porre fine a questo squilibrio nelle entrate globali derivanti dal caffè. Attualmente, i paesi produttori di caffè del mondo beneficiano solo di 25 miliardi di dollari dei 460 miliardi di dollari generati annualmente dal business globale del caffè, mentre il continente africano ne guadagna solo 2,5 miliardi di dollari a causa dell’esportazione di caffè non lavorato.

Il presidente del consorzio di investimento nel caffè dell’Uganda, Nelson Tugume, ha colto l’occasione per illustrare ai russi il caffè dell’Uganda e il percorso verso il valore aggiunto. Questo accordo rappresenta una grande opportunità per i prodotti di valore aggiunto dell’Uganda, come il caffè tostato e macinato, che verranno consegnati agli utenti europei.

Secondo l’Autorità di sviluppo del caffè dell’Uganda, nell’anno 2020/21 l’Uganda ha esportato 6,5 milioni di sacchi da 60 kg di caffè, registrando una crescita record del 23% nelle entrate dall’esportazione di caffè. Tuttavia, il valore delle esportazioni di caffè dell’Uganda verso la Russia è sceso da 7 milioni di dollari nel 2020 a 3 milioni di dollari nel trimestre fino a giugno 2022, a causa della guerra con l’Ucraina.

Con questo accordo, si prevede una ripresa delle esportazioni di caffè ugandese verso la Russia, contribuendo a rafforzare l’economia dell’Uganda e a creare opportunità di sviluppo nel settore.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito