Un’azienda coreana completa una fabbrica per la lavorazione degli anacardi da 5 milioni di dollari

Tanzania: una nuova frontiera per la produzione e l’esportazione di anacardi

La Tanzania si prepara a un nuovo capitolo nella sua industria degli anacardi con l’annuncio della conclusione di una fabbrica di lavorazione di anacardi e di liquido di guscio di anacardo (CNSL) da parte di una società coreana. Con un investimento di 5 milioni di dollari, la Mirae Green Chemical Co. Ltd. ha dato vita a questa struttura nel distretto di Mkuranga, nella regione della costa.

L’obiettivo principale della Tanzania è quello di esportare anacardi lavorati, al fine di garantire maggiori entrate per il governo e per i produttori locali di anacardi. Questo nuovo impianto, situato nel Dundani Industrial Park, avrà la capacità di processare tra 3.000 e 4.000 tonnellate metriche di anacardi grezzi all’anno e di produrre da 2.500 a 3.000 tonnellate metriche di CNSL.

Secondo il CEO di Mirae Green, il signor Hee Sung Cho, la fabbrica avrà anche la capacità di produrre da 2.500 a 3.000 tonnellate metriche di scaglie di carbone all’anno. Questo rappresenta un passo significativo per l’industria locale degli anacardi, in quanto si mira a sfruttare appieno il potenziale di questo prezioso raccolto.

Il liquido di guscio di anacardo è una materia prima chiave per il bio-olio pesante, un carburante ecologico che ha effetti riduttivi sull’inquinamento atmosferico. In Corea, questo tipo di carburante gode di una forte domanda, incoraggiata dalle sovvenzioni finanziarie offerte dal governo agli utilizzatori di bio-olio pesante, nell’ambito della politica a zero emissioni di carbonio.

L’Export Processing Zone Authority (EPZA) e altre agenzie governative locali hanno collaborato attivamente con la Mirae Green, dimostrando un ambiente accogliente e favorevole allo sviluppo di questo progetto. Questa sinergia è stata sottolineata dal direttore della promozione degli investimenti dell’EPZA, il signor James Maziku, che ha apprezzato il valore sostanziale degli indicatori chiave di prestazione del progetto, in termini di creazione di posti di lavoro, investimenti totali e proiezioni di vendite all’estero.

Il segretario permanente del Ministero della Pianificazione e degli Investimenti, il dottor Tausi Mbaga, ha elogiato l’importante investimento, sottolineando come questo possa migliorare significativamente la filiera del valore degli anacardi in Tanzania e contribuire in modo rilevante all’economia complessiva del paese.

La produzione di anacardi in Tanzania ha registrato una media annua di 220.000 tonnellate metriche negli ultimi dieci anni, con l’obiettivo finale di raggiungere 1.000.000 di tonnellate metriche all’anno entro il 2030. Questo rappresenta una sfida importante, considerando che attualmente circa il 90% degli anacardi prodotti viene esportato allo stato grezzo, ottenendo prezzi inferiori rispetto alla versione lavorata. La nuova fabbrica di lavorazione potrebbe rappresentare una svolta significativa per affrontare questa sfida e potenziare ulteriormente il settore degli anacardi in Tanzania.

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito