Le centrali idroelettriche africane potrebbero ricevere 1 miliardo di dollari per il loro aggiornamento

L’Africa investe nell’energia idroelettrica per una transizione energetica sostenibile

L’Africa sta facendo passi avanti significativi nel settore dell’energia idroelettrica, con la prospettiva di ricevere un miliardo di dollari dalla Banca Africana per lo Sviluppo (AfDB) per l’aggiornamento degli impianti e l’incremento della produzione di energia. Secondo quanto riferito da un funzionario dell’AfDB a Reuters lunedì scorso, dodici progetti in Sudafrica, Nigeria, Sudan, Zambia, Angola e Repubblica Democratica del Congo beneficeranno di questo finanziamento.

Gli investimenti mirano a “accelerare la transizione energetica” lontano dalle fonti fossili, come ha dichiarato João Cunha, responsabile della divisione per le energie rinnovabili presso l’AfDB. Si prevede che tali progetti giochino un ruolo chiave nel soddisfare la crescente domanda di energie rinnovabili, come è emerso durante il Forum sull’Energia in Africa gestito dal Fondo per l’Energia Sostenibile per l’Africa (SEFA) dell’AfDB.

Un rapporto congiunto della banca e dell’Associazione Internazionale dell’Energia Idroelettrica (IHA) ha evidenziato che su 87 centrali idroelettriche in Africa esaminate, 21 necessitano di interventi urgenti e 36 di interventi di media entità. Questo rappresenta una capacità installata di rispettivamente 4,6 GW e 10 GW per la modernizzazione.

Il SEFA si impegna a fornire supporto tecnico e finanziario prioritario a questi progetti, coordinandosi strettamente con altre istituzioni partner per ottenere ulteriore sostegno, ha affermato l’AfDB all’inizio di quest’anno.

Daniel Schroth, Direttore dell’African Development Bank per le Energie Rinnovabili ed l’Efficienza Energetica, ha sottolineato che la modernizzazione degli impianti idroelettrici non riguarda solo l’aggiornamento delle infrastrutture, ma è un passo cruciale verso la decarbonizzazione e il potenziamento della flessibilità e della resilienza dei sistemi energetici.

Durante il summit sul clima COP28, le banche multilaterali di sviluppo hanno riaffermato il loro impegno per un’azione globale concertata, comprendente anche un maggiore coinvolgimento del settore privato per affrontare il cambiamento climatico, che si fa sempre più pressante in Africa.

Questi investimenti nell’energia idroelettrica rappresentano un passo significativo verso una transizione energetica sostenibile e potrebbero contribuire in modo sostanziale al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni e dell’adozione di fonti energetiche rinnovabili nel continente africano.

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito