Firma dell’accordo di unitizzazione del gas tra Tanzania e Mozambico

L’accordo di unitizzazione del gas tra Tanzania e Mozambico: un nuovo capitolo per l’energia in Africa orientale

L’accordo di unitizzazione del gas tra Tanzania e Mozambico è ancora in attesa di essere firmato dall’Autorità di regolamentazione petrolifera (Pura) e dall’Istituto nazionale del petrolio (INP) del Mozambico e prevedrà una ripartizione equa della riserva di gas naturale situata nella zona di confine tra i due paesi. Secondo l’accordo di unitizzazione che sarà firmato, la gestione di Pura sta per plasmare il panorama energetico della regione dell’Africa orientale e avere implicazioni di ampia portata sia per la Tanzania che per il Mozambico. L’unitizzazione è il processo mediante il quale una riserva petrolifera o di gas che si estende su più regioni con licenza viene sviluppata congiuntamente dai titolari di ciascuna licenza.

Il direttore generale di Pura, Charles Sangweni, ha dichiarato che l’essenza di questo accordo di unitizzazione del gas tra Tanzania e Mozambico deriva dalla particolare posizione geografica delle riserve di gas al confine dei due paesi. I depositi di gas situati nella zona di confine si estendono su una vasta area che supera entrambi i confini dei paesi. Questa questione cruciale della condivisione delle risorse ha portato sia la Tanzania che il Mozambico a condurre negoziati e riconoscere il potenziale sovrapposizione delle riserve di gas nella zona di confine. Attualmente, la ricerca di entrambi i paesi si è estesa fino alla parte meridionale della Tanzania, dove il blocco 4/1B e il blocco 4/1C si sovrappongono al confine del paese confinante, il Mozambico.

Inoltre, il Mozambico ha recentemente scoperto una massiccia riserva di 172 trilioni di piedi cubi di gas naturale nella zona settentrionale, soprattutto nel blocco 5/A e 5/B. Si prevede che queste riserve di gas possano sovrapporsi al territorio della Tanzania, innescando ulteriori esplorazioni delle riserve di gas. La Tanzania e il Mozambico stanno mantenendo lo spirito collaborativo tra di loro e attualmente un team di esperti sta lavorando per accelerare l’accordo e le implicazioni economiche di questo accordo non possono essere sottovalutate.

Inoltre, la Tanzania prevede di diventare un attore cruciale nell’approvvigionamento di gas ai suoi paesi confinanti come lo Zambia, il Malawi, l’Uganda e il Kenya. La prospettiva di sfruttare l’infrastruttura del gas del Mozambico per trasmettere le proprie risorse al Kenya è un perfetto esempio della collaborazione regionale che l’accordo può raggiungere, beneficiando così entrambi i paesi coinvolti.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito