Le centrali idroelettriche africane saranno potenziate per aumentare la produzione – ET EnergyWorld

AFDB: Un miliardo di dollari per l’aggiornamento delle centrali idroelettriche in Africa

La Banca Africana di Sviluppo (AfDB) sta pianificando un investimento di 1 miliardo di dollari per l’aggiornamento di una dozzina di centrali idroelettriche in Africa, hanno dichiarato funzionari della banca lunedì, incrementando la capacità che spesso non riesce a soddisfare le crescenti necessità energetiche del continente.

Le centrali, che vanno dalla più grande centrale di Kainji in Nigeria con una potenza di 760 megawatt (MW), alla centrale di Sol Plaatje da 2,7 MW in Sudafrica, si prevede che gli aggiornamenti forniranno un ulteriore 570 MW attraverso i 12 progetti. I lavori sulle prime centrali dovrebbero iniziare entro giugno dell’anno prossimo.

Beneficeranno delle migliorie le centrali in Sudan, Zambia, Angola e Repubblica Democratica del Congo. Gli aggiornamenti dovrebbero “accelerare la transizione energetica” lontano dai combustibili fossili, ha dichiarato Joao Cunha, responsabile della divisione di energia rinnovabile presso l’AfDB. Sebbene solo una frazione del suo potenziale sia sfruttata, l’energia idroelettrica è un pilastro delle energie rinnovabili e della gestione dell’acqua in Africa, dove il cambiamento climatico sta aggravando siccità e inondazioni e centinaia di milioni di persone non hanno accesso all’elettricità.

Ma la mancanza di pezzi di ricambio, componenti obsoleti e scarsa manutenzione ha colpito l’idroelettricità del continente. Alcune centrali, costruite negli anni ’50, sono cadute in disuso. Uno studio commissionato dall’AfDB ad agosto dall’Associazione Internazionale dell’Idroelettricità (IHA) ha rivelato che su 87 centrali in Africa, 21 con una capacità totale di 4.600 MW necessitano di un’urgente riabilitazione del valore di 2 miliardi di dollari. Nei prossimi dieci anni, altre 31, per un totale di 10.000 MW, avrebbero bisogno di interventi.

“L’Africa sta affrontando una crisi energetica, con una fornitura limitata, specialmente di energie rinnovabili”, ha detto Anton-Louis Olivier, presidente dell’IHA, a Reuters. Ha aggiunto che oltre il 60% della capacità idroelettrica africana proviene da centrali con più di 20 anni che necessitano di aggiornamenti mentre si perseguono progetti a lungo termine.

Il piano mira ad aumentare la produzione presso la centrale idroelettrica di Shiroro in Nigeria, con un’aggiunta di 100 MW grazie all’utilizzo di pannelli fotovoltaici solari galleggianti. Un funzionario senior dell’operatore di Shiroro, la North South Power Company, ha rifiutato di commentare poiché si stanno negoziando con la Banca Mondiale, ha riferito un funzionario senior a Reuters.

In Africa ci sono circa 300 nuovi progetti idroelettrici in fase di pianificazione. Tuttavia, Matthias Wildemeersch, ricercatore senior presso l’Istituto di Cambiamenti Ambientali di Oxford, ha affermato che le carenze idriche legate al cambiamento climatico nuoceranno “alla sostenibilità economica dei nuovi progetti idroelettrici in tutta l’Africa”.

Pubblicato il 5 dicembre 2023 alle 11:46 AM IST

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito