Il panorama degli investimenti nel carbon credit in Tanzania e il suo percorso verso la sostenibilità

La Tanzania sta attualmente intraprendendo un viaggio trasformativo verso lo sviluppo sostenibile, guidato da iniziative innovative nel mercato del carbon credit. Un protagonista fondamentale in questo scenario è Carbon Tanzania, un’organizzazione che da quando è stata fondata nel 2011 è stata all’avanguardia delle soluzioni basate sulla natura. Operando in base a un contratto trentennale con partner delle comunità locali e in collaborazione con il National Carbon Monitoring Centre (NCMC), la visione di Carbon Tanzania va oltre i soli guadagni economici, aspirando a creare un futuro in cui la preservazione ambientale e la prosperità economica si rafforzino reciprocamente.

Uno dei successi notevoli di Carbon Tanzania risiede nei suoi ampi progetti che coprono una superficie di 16.700 km2 di terreni gestiti dalle comunità, con l’obiettivo di realizzare progetti in sei parchi nazionali, per un totale impressionante di 1,8 milioni di ettari. Tuttavia, l’impatto di Carbon Tanzania si estende anche al distretto di Kiteto, nella regione di Manyara, dove il progetto Makame Savannah, gestito dall’Associazione di Gestione della Fauna Selvatica della comunità (WMA), è diventato un faro di reddito sostenibile per oltre 26.000 abitanti dei villaggi. Questo reddito ha sostenuto i mezzi di sussistenza, ha permesso ai Masai di continuare a praticare il loro stile di vita tradizionale in armonia con la natura e ha rafforzato servizi essenziali come la salute, l’approvvigionamento idrico e l’istruzione, esemplificando l’impegno dell’organizzazione per la sostenibilità olistica.

Uno dei maggiori successi di Carbon Tanzania è la capacità di replicare il proprio modello su paesaggi diversi con comunità diverse e di vendere i crediti risultanti sul mercato volontario del carbonio. Questo introduce una nuova e affidabile fonte di entrate per i partner delle comunità. In modo importante, ciò consente il flusso diretto di finanziamenti dal nord globale alle comunità in Tanzania, un risultato significativo considerando che i popoli indigeni ricevono meno dell’1% dei finanziamenti per il clima, come riportato dalla Rainforest Foundation Norway.

La sinergia collaborativa di Carbon Tanzania può essere recentemente osservata attraverso un Memorandum di Intesa (MoU) per uno studio di fattibilità con sei parchi nazionali della Tanzania (TANAPA), collaborazioni con comunità locali, governi dei villaggi e dei distretti per sottolineare l’importanza di lavorare insieme per raggiungere obiettivi ambientali ed economici.

Questo spirito collaborativo si allinea anche all’invito recente della Presidente Samia Suluhu a una posizione unita all’interno della Comunità dell’Africa Orientale (EAC) contro la dominanza straniera nel settore del commercio di carbonio. L’organizzazione naviga attivamente nel panorama normativo, garantendo il rispetto degli standard nazionali e internazionali. Questo approccio proattivo non solo migliora la credibilità dei suoi progetti, ma crea anche un ambiente favorevole agli investitori che cercano stabilità e aderenza alle pratiche etiche. Ciò che distingue ulteriormente Carbon Tanzania è il suo impegno nel fornire crediti di carbonio di alta qualità. Utilizzando standard di certificazione come Verra e Plan Vivo, assicura che i suoi progetti rispettino rigorosi standard internazionali, contribuendo anche agli obiettivi ambientali globali e posizionando Carbon Tanzania come un partner affidabile e credibile per gli investitori che prioritizzano iniziative impattanti e sostenibili.

La posizione strategica di Carbon Tanzania all’interno del mercato volontario del carbonio della Tanzania si allinea alla crescente domanda globale di crediti di carbonio. Il suo track record di successi, i progetti guidati dalla comunità e l’impegno per elevati standard qualitativi lo rendono un’opzione allettante per gli investitori che cercano rendimenti finanziari intrecciati a un impatto ambientale e sociale positivo.

Secondo il Global Carbon Business Investment Report per il 2023 di Trove Research, gli investimenti in progetti tra il 2012 e il 2022 hanno raggiunto la cifra impressionante di 36 miliardi di dollari, con la metà degli investimenti effettuati negli ultimi tre anni. Carbon Tanzania contribuisce a questo panorama, attirando investitori che riconoscono il potenziale per rendimenti finanziari e tutela ambientale.

Oltre ai crediti di carbonio, il mercato globale emergente della biodiversità offre alla Tanzania diverse opportunità nello spettro delle soluzioni basate sulla natura per canalizzare finanziamenti alle comunità di prima linea che proteggono la biodiversità. Oltre ai crediti di carbonio, gli investimenti nella biodiversità contribuiscono alla resilienza degli ecosistemi, un fattore cruciale per mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici. I crediti di biodiversità, un potenziale fondamento del mutevole scenario delle soluzioni basate sulla natura in Tanzania, rappresentano una svolta chiave nella conservazione ambientale e nello sviluppo sostenibile. Questi crediti vanno oltre le iniziative tradizionalmente incentrate sul carbonio, riconoscendo il valore intrinseco degli ecosistemi diversi.

I crediti di biodiversità, un quadro progettato per includere il valore economico della biodiversità nei mercati globali, operano come unità misurabili, validate e verificate. Questa rappresentazione digitale riflette la perdita evitata o l’aumento della biodiversità di un’area. Stanno emergendo numerosi standard per definire e stabilire protocolli per la standardizzazione e la misurazione della biodiversità a livello mondiale, migliorando la credibilità e l’efficacia di tali iniziative. Durante la COP28, Azaria Kilimba, responsabile operativo di Carbon Tanzania, ha sottolineato il valore della biodiversità e della natura. Pur riconoscendo l’importanza dei crediti di carbonio, ha sostenuto una prospettiva più ampia sui crediti di biodiversità, sottolineando: “Questi crediti dovrebbero comprendere una comprensione più approfondita delle situazioni sul campo, incorporando il ruolo delle comunità locali nella costruzione del vero valore della natura. In questo scenario in evoluzione, la distinzione tra crediti di carbonio e crediti di biodiversità diventa secondaria rispetto al loro obiettivo condiviso di generare finanza equa per le comunità locali, salvaguardando e realizzando il vero valore dell’ambiente protetto”.

Mentre la Tanzania si posiziona come un attore chiave nel mercato globale del carbonio, Carbon Tanzania rappresenta un esempio delle possibilità che sorgono quando impegno, collaborazione e investimenti consapevoli convergono per il bene comune. Navigando le sfide regolatorie e abbracciando i mercati emergenti, la Tanzania apre la strada a un futuro in cui le ricchezze della natura diventano una fonte di prosperità sostenibile per tutti. Mentre il mondo si muove collettivamente verso un futuro positivo per la natura, i progressi della Tanzania nei mercati del carbonio e della biodiversità la posizionano come un attore chiave nella sfida globale di armonizzare lo sviluppo economico con la tutela ambientale.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito