Rosetti Marino ottiene un importante contratto per un progetto offshore in Libia

Rosetti Marino ottiene un importante contratto per un progetto offshore in Libia

Rosetti Marino, azienda italiana specializzata in ingegneria e costruzioni, ha annunciato martedì di aver vinto un contratto con Saipem, società italiana di servizi per l’industria energetica, per attività di EPC (Engineering, Procurement, and Construction) nel Mar Mediterraneo al largo della Libia, del valore di oltre 300 milioni di euro.

Saipem ha assegnato il progetto a Rosetti Marino per la costruzione di un modulo di recupero del gas (GRM) di circa 5.000 tonnellate da installare sulla struttura offshore DP4 al largo della costa libica. Il committente finale del progetto è Mellitah Oil & Gas B.V. Libya Branch, un consorzio composto dalla National Oil Corporation della Libia e da Eni North Africa.

Il lavoro assegnato a Rosetti Marino comprende l’ingegneria, l’approvvigionamento dei materiali, la costruzione e il carico (EPC) per la consegna del GRM, nonché le attività di modifica della piattaforma DP4 in modo che possa ricevere gas dal GRM e la ristrutturazione del modulo di alloggio della piattaforma.

Le attività inizieranno immediatamente e si prevede che saranno completate all’inizio del 2026. Questo progetto rappresenta un’importante opportunità per Rosetti Marino nel settore offshore, confermando la capacità e l’esperienza dell’azienda nel fornire soluzioni ingegneristiche e di costruzione di alta qualità.

L’industria energetica è di fondamentale importanza per l’economia italiana e la collaborazione tra Rosetti Marino e Saipem testimonia l’eccellenza del settore italiano nel fornire servizi e competenze a livello internazionale.

La realizzazione di un modulo di recupero del gas nella regione del Mediterraneo contribuirà a sfruttare le risorse energetiche presenti in questo territorio e a garantire una maggiore sicurezza e indipendenza energetica per il paese.

Rosetti Marino è nota per la sua capacità di realizzare progetti complessi e ambiziosi nel campo dell’ingegneria e della costruzione. L’azienda vanta una solida reputazione e un track record di successi nel settore offshore, grazie alla sua competenza tecnica e alla collaborazione con importanti partner internazionali.

Questo contratto rappresenta un importante passo avanti per Rosetti Marino e conferma la sua posizione di leader nel settore, offrendo una prospettiva di crescita economica e occupazionale sia per l’azienda che per il paese nel suo insieme.

In conclusione, il contratto tra Rosetti Marino e Saipem per le attività di EPC nel Mar Mediterraneo rappresenta un’importante opportunità per l’economia italiana e testimonia l’eccellenza del settore energetico del paese. Questo progetto contribuirà a valorizzare le risorse energetiche presenti nella regione e a consolidare la posizione di Rosetti Marino come leader nel settore dell’ingegneria e delle costruzioni offshore.


Iscriviti al nostro canale Telegram per aggiornamenti in tempo reale e discussioni.


About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 2071 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Gibuti: accordo da 1 miliardo di dollari per la costruzione della base spaziale con un’azienda di Hong Kong

Il presidente di Gibuti Ismail Omar Guelleh ha firmato un accordo di cooperazione tecnologica con la società cinese Hong Kong Aerospace Technology per la costruzione di un sito di lancio

Africa Occidentale

Etiopia: EU destina 540M di Euro per la costruzione di nuove strade

La delegazione dell’Unione Europea in Etiopia ha dichiarato che erogherà finanziamenti per 540 milioni di euro al governo etiope nel corso dei prossimi cinque anni per sostenere lo sforzo del paese per costruire

Economia

Ruanda, un alto tasso di successo per le Start-Up

Globalmente la maggior parte delle start-up fallisce, ma in Ruanda sembra essere diverso, secondo le statistiche, circa il 90 per cento delle start-up fallisce a livello globale, ma non nel paese. Julienne