Solo l’11% dell’enorme potenziale di energia idroelettrica dell’Africa viene sfruttato: un’occasione mancata per la crescita e lo sviluppo del continente.

Solo l’11% dei 340 gigawatt di energia idroelettrica dell’Africa è sfruttato. Le parti interessate sollecitano il governo a affrontare gli ostacoli e aprire il settore ai privati.

La capacità idroelettrica della Nigeria, che supera i 14.000 megawatt, potrebbe rimanere inutilizzata a causa della crisi energetica che affligge il paese, in quanto il governo federale mantiene il controllo del settore. Infatti, in occasione della Giornata internazionale dell’Idroelettrico, gli stakeholder del settore hanno discusso della necessità per la Nigeria di sfruttare l’energia idroelettrica per garantire l’approvvigionamento elettrico, aumentare la capacità di elettricità e promuovere le energie rinnovabili, diversificandosi dai combustibili fossili.

L’Associazione internazionale dell’Idroelettrico ha osservato che mentre la capacità installata totale della Nigeria è di 12.522 MW, senza considerare la generazione off-grid, di cui 2.062 MW sono di energia idroelettrica, il potenziale sfruttabile totale dell’energia idroelettrica è stimato oltre i 14.120 MW, che equivalgono a oltre 50.800 GWh di elettricità all’anno.

Gli stakeholder del settore hanno sottolineato che la Nigeria non migliorerebbe l’approvvigionamento di energia elettrica se l’energia idroelettrica fosse prioritaria, ma che questa mossa fornirebbe un modo sostenibile per gestire le alluvioni, stimolando gli investimenti e affrontando la povertà nelle comunità rurali.

Parlando dello sviluppo, il Direttore Generale di Mainstream Energy, che sovraintende le operazioni delle dighe di Jebba, Kainji e Zungeru, Lamu Audu, ha affermato che l’energia idroelettrica sostenibile consentirebbe non solo di controllare le alluvioni, ma anche di generare energia elettrica, irrigazione, approvvigionamento idrico e navigazione. Lamu ha sottolineato che permettere all’acqua di scorrere a valle senza controllo potrebbe comportare gravi conseguenze, aggiungendo che, dati i livelli di povertà e la necessità di sviluppo economico nel paese, è fondamentale investire in progetti di dighe che possano gestire efficacemente le alluvioni, ridurre gli impatti ambientali sulle comunità e offrire opportunità per l’agricoltura, la pesca, l’irrigazione, l’approvvigionamento idrico e la navigazione.

“Le dighe svolgono un ruolo cruciale nella regolazione del livello dell’acqua lungo i letti dei fiumi e la loro presenza è fondamentale. L’empowerment è strettamente legato alla quantità di energia che una società genera e consuma. Attualmente, un terzo delle persone nel mondo senza accesso all’elettricità vive in Africa, nonostante il nostro abbondante potenziale idroelettrico. L’energia idroelettrica non è solo pulita, ma anche sostenibile ed economica”, ha affermato Lamu.

Per sbloccare il potenziale, ha affermato che sono necessari investimenti, una struttura governativa adeguata e politiche e regolamentazioni adeguate per attrarre gli investimenti. Secondo lui, la sfida non è semplicemente la mancanza di fondi; ci sono investitori disposti in tutto il mondo, purché siano garantiti rendimenti sui loro investimenti.

Lamu ha affermato che la necessità cruciale è che i governi stabiliscano un ambiente politico favorevole, spesso in collaborazione con organizzazioni multinazionali, per favorire lo sviluppo. “Questo sforzo non dovrebbe limitarsi solo al livello nazionale; la collaborazione a livello regionale è altrettanto importante. Organizzazioni come la CEDEAO o l’Unione Africana (UA) dovrebbero lavorare insieme per formulare politiche deliberate. Se l’UA e organizzazioni simili possono creare politiche di ampia portata dove le risorse sono aggregate e politiche comuni stabilite, si incoraggeranno gli investimenti e l’attuazione transfrontaliera di queste politiche”, ha dichiarato.

Lamu ha rivelato che attualmente la sua organizzazione è in discussioni con la Banca Mondiale per stabilire un modello di partenariato pubblico-privato (PPP), sottolineando che fino ad ora il governo aveva costruito unicamente le dighe in Nigeria e in Africa. “Stiamo ora proponendo accordi in cui i privati possono finanziare la costruzione di queste dighe, liberando le risorse governative per altri scopi. Stiamo lavorando con la Banca Mondiale per creare un modello in cui la banca globale possa fornire impianti al governo per gestire gli aspetti sociali come l’irrigazione, l’approvvigionamento idrico e la navigazione, mentre noi, come azienda di produzione di energia, ci concentriamo sulla produzione di energia elettrica”, ha affermato.

Lamu ha affermato che mentre l’Africa ha attualmente un potenziale idroelettrico di 340 gigawatt, solo l’11% è stato sviluppato.

La Società per le Imprese Pubbliche (BPE) ha dichiarato che saranno concesse 12 piccole centrali idroelettriche, come ha affermato il Direttore Generale dell’agenzia, Alex Okoh, aggiungendo che l’organizzazione ha inaugurato un team di progetto per la concessione delle strutture, ma il piano è rimasto sulla carta.

Con risorse limitate da investire nel settore, progetti idroelettrici come il progetto Mambilla sono rimasti sulla carta per decenni senza risultati tangibili.

Sebbene il settore energetico in Nigeria sia stato parzialmente privatizzato, la maggior parte delle centrali idroelettriche è ancora in mano al governo, ma concesse a gestori che generano entrate per il governo, che tuttavia deve indebitarsi per finanziare progetti legati all’idroelettrico.

Un esperto energetico, Madaki Ameh, ha osservato che l’energia idroelettrica rappresenta il futuro dell’energia in Nigeria, considerando i vasti fiumi e corsi d’acqua che si trovano in tutto il paese. “La tecnologia per fornire energia idroelettrica in modo efficiente e a basso costo è disponibile a livello globale! Perché la Nigeria non ne sta approfittando appieno, supera la mia immaginazione. Il futuro è nelle energie verdi e la Nigeria ha molto da guadagnare se integra questa fonte di energia facilmente disponibile, attraverso grandi progetti idroelettrici e mini-griglie. Una politica nazionale focalizzata in questo senso è da tempo necessaria”, ha detto.

Il Direttore Esecutivo di Green Growth Africa Sustainability Network (Green Growth Africa), Dr. Adedoyin Adeleke, ha sottolineato che l’energia idroelettrica fornisce la fonte più economica per la generazione di elettricità, aggiungendo che il paese ha sufficienti potenzialità idriche in diverse zone per una sfruttamento e generazione decentralizzati. Adeleke ha sottolineato che, sebbene ci sia stata una forte enfasi sull’uso domestico del gas per la generazione di energia, l’energia idroelettrica offre vantaggi economici, sociali ed ambientali comparativi.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito