La società olandese N-Sea contribuisce allo sviluppo del gasdotto Nigeria-Marocco con operazioni di sondaggio

N-Sea, fornitore di soluzioni subacquee con sede nei Paesi Bassi, sta contribuendo allo sviluppo del progetto Nigeria-Morocco Gas Pipeline (NMGP) attraverso operazioni di rilevamento.

L’azienda ha collaborato strettamente con l’armatore Rederij Groe per trasformare la nave di supporto sismico 7-Waves in una nave da ricerca dotata di attrezzature avanzate per questo progetto.

Secondo N-Sea, il progetto viene condotto con un equipaggio ridotto a bordo della nave, mentre tutti i dati vengono trasferiti al centro dati di N-Sea a terra.

Ogni giorno si tengono riunioni con il rappresentante del cliente, l’ingegnere FEED, il cliente e gli elaboratori di dati della società per valutare la qualità dei dati e l’allineamento delle rotte, ha dichiarato N-Sea in un comunicato.

“La N-Sea ha esteso la sua area operativa all’Africa occidentale iniziando le operazioni di rilevamento a supporto del prestigioso progetto del gasdotto Nigeria-Marocco”, ha sottolineato la N-Sea.

N-Sea ha sottolineato l’importanza del progetto, osservando che il gasdotto è destinato a collegare più Paesi e a fornire rendimenti onshore intermittenti per la compressione come caso base. Il gasdotto Nigeria-Marocco è un progetto ambizioso che mira ad aiutare l’Africa a diventare autosufficiente in termini di fabbisogno energetico e a beneficiare oltre 400 milioni di persone nell’Africa occidentale. Collegherà 11 Paesi della regione alle fonti di gas nigeriane.

Il Marocco ospiterà 1.672 chilometri del gasdotto, lungo 5.600 chilometri. Il progetto ha raccolto il sostegno di numerosi Paesi e sono stati stipulati accordi per garantirne l’attuazione. A giugno, l’Ufficio idrocarburi e miniere del Marocco ONHYM, insieme alla Nigerian National Petroleum Corporation (NNPC), ha firmato dei memorandum d’intesa con gli operatori petroliferi di vari Paesi, tra cui Guinea, Liberia, Benin e Costa d’Avorio.

Accordi simili sono stati firmati l’anno precedente con altri Paesi, tra cui Mauritania, Senegal, Gambia, Guinea Bissau, Sierra Leone e Ghana. Gli accordi riflettono l’impegno comune di questi Paesi a realizzare questo progetto energetico strategico.

Una volta completato, il gasdotto dovrebbe diventare il più lungo gasdotto offshore del mondo e il secondo in assoluto.

La NNPC ha confermato di aver ricevuto un finanziamento dalla Banca islamica di sviluppo (BID) per lo sviluppo del NMGP nel giugno 2023.

L’NNPC ha espresso l’intenzione di utilizzare una parte dei proventi per i pagamenti relativi ai contratti di servizi di sondaggio offshore e onshore nel Sud.

La società ha indetto una gara d’appalto per la realizzazione di rilievi ricognitivi e oceanografici, nonché di rilievi topografici e geotecnici a terra, relativi al segmento offshore dalla Nigeria al Senegal, compresi gli approdi e le rotte onshore verso le stazioni di compressione (CS).

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito