Bloomberg considera Aliko Dangote l’uomo più ricco d’Africa con 15,6 miliardi di dollari

Aliko Dangote, presidente del Dangote Group, rimane l’uomo più ricco d’Africa, nonostante la volatilità della valuta nigeriana rispetto al dollaro.
Bloomberg, nella sua classifica quotidiana dei migliori miliardari, pubblicata martedì, ha rivelato che Dangote, con un patrimonio di 15,6 miliardi di dollari, ha superato gli altri africani presenti nell’indice.
Secondo Bloomberg, Dangote, che rimane l’uomo più ricco d’Africa per il 12° anno consecutivo, è l’unico nigeriano presente nella lista dei primi 500 miliardari.
L’uomo più ricco d’Africa, con un patrimonio netto di 15,6 miliardi di dollari, controlla la Dangote Industries, un conglomerato strettamente controllato.
La società con sede a Lagos, in Nigeria, possiede il più grande produttore di cemento dell’Africa subsahariana, Dangote Cement. Ha anche interessi nei settori dello zucchero, del sale, dei fertilizzanti e degli alimenti confezionati. Dangote ha anche recentemente commissionato l’impianto di raffinazione del petrolio da 19 miliardi di dollari, che ora è la più grande raffineria dell’Africa.
Dangote è stato anche recentemente nominato tra gli uomini più caritatevoli del mondo da Richtopia, un periodico digitale che si occupa di affari, economia e notizie finanziarie, con sede nel Regno Unito.
Questo riconoscimento è arrivato dopo che la sua fondazione, la Aliko Dangote Foundation (ADF), è stata dotata di 1,25 miliardi di dollari.
Aliko Dangote ha avviato la sua fondazione nel 1981, con la missione di aumentare le opportunità di cambiamento sociale attraverso investimenti strategici che migliorino la salute e il benessere, promuovano un’istruzione di qualità e amplino le opportunità di emancipazione economica.
La Aliko Dangote Foundation è stata tuttavia costituita nel 1994 come ente di beneficenza a Lagos, in Nigeria. 20 anni dopo, la fondazione è diventata la più grande fondazione privata dell’Africa subsahariana, con la più grande dotazione di un singolo donatore africano.
L’obiettivo principale della Aliko Dangote Foundation è la salute e la nutrizione, supportate da interventi di contorno nel campo dell’istruzione, dell’empowerment e degli aiuti umanitari.
Tra gli altri africani presenti nell’ultima classifica dei 500 miliardari mondiali per l’anno 2023 figurano il sudafricano Johann Rupert e famiglia, con un valore di 13,3 miliardi di dollari, mentre Nicky Oppenheimer, sudafricano, Nassef Sawiris, egiziano, Natie Kirsh, sudafricano, e Naguib Sawiris valgono rispettivamente 9,0 miliardi di dollari, 7,47 miliardi di dollari, 7,37 miliardi di dollari e 5,93 miliardi di dollari.
Questi sono gli unici altri cinque africani presenti nella lista.
Il Bloomberg Billionaires Index è una classifica giornaliera delle persone più ricche del mondo. Nel calcolare il patrimonio netto, Bloomberg News si sforza di fornire i calcoli più trasparenti possibili e ogni singolo profilo di miliardario contiene un’analisi dettagliata di come viene calcolata la fortuna di quella persona.
L’indice è una misura dinamica della ricchezza personale basata sui cambiamenti dei mercati, dell’economia e dei rapporti di Bloomberg.
Ogni cifra del patrimonio netto viene aggiornata ogni giorno lavorativo dopo la chiusura delle contrattazioni a New York. Le partecipazioni in società quotate in borsa sono valutate in base al prezzo di chiusura più recente dell’azione. Le valutazioni sono convertite in dollari statunitensi ai tassi di cambio correnti.
Ellon Musk e Bernard Arnault sono i più ricchi del mondo con rispettivamente 219 e 194 miliardi di dollari in tasca, mentre Jeff Bezos e Bill Gates seguono rispettivamente con 151 e 130 miliardi di dollari. Larry Ellison è il quinto più ricco con 130 miliardi di dollari nella classifica dei miliardari del mondo.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito