I progetti energetici dell’UE da 150 miliardi di dollari destinati ad essere ospitati in Africa

Concorrente della Belt and Road Initiative cinese, l’UE ha promesso di destinare all’Africa metà del suo piano di infrastrutture da 300 miliardi di euro (324 miliardi di dollari).

Il portavoce ha dichiarato che il fondo sta studiando il carburante per l’aviazione sostenibile (SAF) e che in precedenza ha sostenuto progetti di energia rinnovabile, iniziative di idrogeno verde, vaccinazioni e programmi di istruzione in Africa.

“Nel contesto del Global Gateway, la Commissione sta attualmente esaminando possibili meccanismi di cofinanziamento e strumenti di garanzia”, ha dichiarato Stefan De Keersmaecker, portavoce della Commissione europea. “La produzione di SAF nel continente africano ha un grande potenziale”, ha aggiunto.

I SAF sono carburanti sostitutivi a basse emissioni di carbonio per il settore dell’aviazione che possono essere prodotti utilizzando una varietà di colture come materia prima. Entro il 31 dicembre, l’UE avvierà un programma di rafforzamento delle capacità da 4 milioni di euro per sostenere la certificazione e le valutazioni di fattibilità dei SAF in 11 Paesi africani e in India.

I progetti selezionati potranno ottenere finanziamenti dal Global Gateway dopo le valutazioni di fattibilità, secondo De Keersmaecker. Oltre il 2% delle emissioni energetiche mondiali proviene dal settore dell’aviazione e l’UE sta imponendo obiettivi di riduzione delle emissioni che costringeranno le compagnie aeree a utilizzare più SAF.

Secondo l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo, ciò contribuirà a un aumento della domanda annuale di SAF a livello mondiale di 450 miliardi di litri entro il 2050, il che ha aumentato l’interesse per gli enormi tratti di terreno agricolo sottoutilizzato dell’Africa.

La produzione di SAF non avviene attualmente in Africa. Inoltre, la creazione di catene di approvvigionamento di materie prime sarebbe difficile in Africa, dove la debolezza delle infrastrutture, la limitata capacità di raffinazione e le normative insufficienti potrebbero causare ritardi e far aumentare i prezzi, secondo gli esperti.

“Il modo migliore per ridurre il costo del SAF nel continente africano e per avere un SAF prodotto in modo sostenibile è la produzione locale”, ha dichiarato Allan Kilavuka, amministratore delegato di Kenya Airways (KQNA.NR).

Tuttavia, aziende come la tedesca Linde (LIN.DE), l’italiana Eni (ENI.MI), la sudafricana Sasol (SOLJ.J) e la danese Topsoe stanno investendo nel SAF e nei biocarburanti africani.

La Commissione africana per l’aviazione civile vuole che la produzione di SAF inizi in almeno due Paesi africani entro pochi anni, con la possibilità di un terzo, secondo Frankline Omondi, responsabile ambientale dell’organizzazione. Ha detto che Sudafrica, Kenya ed Etiopia sono opzioni plausibili.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito