La Cina “fa la parte del leone” nei progetti di costruzione in Africa

Negli anni ’90, circa otto contratti su 10 per la costruzione di infrastrutture in Africa sono stati vinti da aziende occidentali.

La situazione è cambiata quando la Cina si è spinta in modo aggressivo nel continente, con una strategia di “uscita” che ha incoraggiato le aziende cinesi ad avventurarsi oltreoceano alla ricerca di mercati e materie prime.

Nel 2013, quando Xi Jinping è diventato presidente della Cina, le aziende occidentali gestivano il 37% dei progetti infrastrutturali africani contro il 12% delle aziende cinesi, secondo un nuovo rapporto della Fondazione Hinrich, un’organizzazione filantropica con sede in Asia.

Ora le cose sono cambiate. Secondo lo studio sul crescente peso dell’Africa nel commercio globale e nella geopolitica, le aziende cinesi si aggiudicheranno il 31% dei contratti infrastrutturali africani per un valore pari o superiore a 50 milioni di dollari nel 2022, rispetto al 12% delle aziende occidentali.

Le aziende cinesi hanno costruito progetti multimiliardari in tutto il continente, tra cui porti, ferrovie, autostrade, ponti e dighe idroelettriche, alimentati dalla vasta Belt and Road Initiative di Pechino.

“Secondo lo studio condotto da Keith Rockwell, ricercatore senior ed ex direttore dell’Organizzazione mondiale del commercio, si tratta di un grande cambiamento rispetto al 1990, quando le imprese statunitensi ed europee si aggiudicavano l’85% dei contratti di costruzione africani.

Rockwell ha affermato che nell’ambito della strategia “belt and road”, lanciata nel 2013, la Cina ha finanziato mega progetti del valore di miliardi di dollari, come le ferrovie in Kenya ed Etiopia e i porti a Gibuti e in Nigeria.

In 10 anni, l’impegno attraverso l’iniziativa ha superato i mille miliardi di dollari a livello globale, secondo le stime del Green Finance and Development Centre della Fudan University di Shanghai.

Rockwell ha osservato che la Cina è anche il più grande partner commerciale dell’Africa, con 250 miliardi di dollari di scambi nel 2021, rispetto ai 62 miliardi di dollari degli scambi USA-Africa.

Lo studio ha rilevato che i progetti infrastrutturali cinesi nell’Africa subsahariana hanno totalizzato 155 miliardi di dollari negli ultimi due anni e che tali investimenti hanno consentito a Pechino di esercitare un’influenza sui governi africani. Per contro, il totale degli investimenti diretti esteri degli Stati Uniti in Africa è stato di 44,8 miliardi di dollari nel 2021.

“Con relazioni commerciali e imprenditoriali così strette, non sorprende che la Cina si stia aggiudicando la parte del leone nei contratti per i progetti infrastrutturali”, ha dichiarato Rockwell.

Aly-Khan Satchu, analista geoeconomico dell’Africa subsahariana, ha affermato che la Cina è stata più innovativa nei suoi finanziamenti e “significativamente più veloce” nel fare il suo perno strategico verso il continente.

“Naturalmente, ci sono state delle sfumature in questo pivot. Nella fase iniziale il bilancio dell’Africa stava uscendo da una ristrutturazione e da una remissione del debito e quindi c’era una quantità significativa di spazio e i prestiti della Cina riflettevano questo nella sua fase iniziale ‘aggressiva’”, ha detto Satchu.

Tuttavia, Rockwell ha osservato che la Cina sta incontrando alcuni ostacoli nei suoi rapporti con l’Africa. Ha detto che i progetti, tra cui una ferrovia in Kenya e un progetto di illuminazione stradale in Ghana, sono stati controversi e hanno generato reazioni pubbliche negative.

Ha affermato che i prestiti per la cintura e la strada sono diminuiti del 55% dal 2021 al 2022, scendendo a 7,5 miliardi di dollari, mentre i prestiti complessivi sono scesi da 28,4 miliardi di dollari nel 2016 a 1,9 miliardi di dollari nel 2020. “In parte ciò è dovuto alle difficoltà che alcuni Paesi africani hanno incontrato nell’onorare i loro obblighi di debito”, ha aggiunto Rockwell.

La centrale idroelettrica costruita dalla Cina in Angola entra nella fase principale di costruzione
Tuttavia, ha affermato che le relazioni della Cina con l’Africa sono “ampie e profonde” e probabilmente rimarranno forti per molti anni.

Secondo lo studio, la Cina è in netto vantaggio nella competizione tra grandi potenze per le relazioni politiche ed economiche in Africa. Durante l’era di Donald Trump, gli Stati Uniti hanno voltato le spalle all’Africa, mentre le relazioni tra l’Europa e le sue ex colonie africane si sono deteriorate e la Cina si è “affrettata a riempire il vuoto”.

Ciò include l’esplorazione e l’estrazione di metalli critici come il cobalto e il litio, materie prime essenziali per la produzione di batterie ricaricabili che alimentano veicoli elettrici e pannelli solari.

Lo studio ha rilevato che le aziende cinesi hanno fatto passi da gigante rispetto ai loro rivali statunitensi ed europei nella conversione dei metalli in materie prime per le batterie. Le aziende cinesi si riforniscono di litio dallo Zimbabwe e dalla Namibia, mentre la Repubblica Democratica del Congo e lo Zambia sono le principali fonti di cobalto.

La quota della Cina nella capacità globale di raffinazione del litio è pari al 58% e fino a quando non saranno operativi impianti simili in Europa, negli Stati Uniti o in Africa, la Cina sarà il principale cliente del litio africano, secondo lo studio, che cita l’Agenzia Internazionale dell’Energia.

Ma ha osservato che Bruxelles e Washington stanno giocando al rialzo. Per contrastare il progetto Belt and Road della Cina, l’anno scorso gli Stati Uniti e i partner del Gruppo dei Sette si sono impegnati a stanziare 600 miliardi di dollari in cinque anni per il Partenariato per le infrastrutture e gli investimenti globali. L’Africa sarà probabilmente il principale destinatario di questi fondi.

Gli Stati Uniti si sono impegnati a finanziare la costruzione della linea ferroviaria del corridoio di Lobito per il trasporto di minerali dalla RDC e dallo Zambia al porto sulla costa atlantica dell’Angola.

L’Unione Europea nel 2021 ha inoltre presentato il Global Gateway, che mira a mobilitare fino a 300 miliardi di euro (330 miliardi di dollari) in investimenti tra il 2021 e il 2027 per contrastare gli investimenti cinesi nei Paesi in via di sviluppo, anche in Africa.

Satchu ha affermato che la Cina ha un “vantaggio inattaccabile” in Africa, con “risorse” significative sul terreno dopo oltre due decenni di impegno.

“Sia gli Stati Uniti che l’Europa devono intervenire nel contesto della battaglia per i minerali, che alimenteranno la nuova economia”, ha aggiunto.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito