Perché i progetti petroliferi onshore dell’Africa orientale incontrano difficoltà di finanziamento

I progetti greenfield onshore per l’esplorazione, lo sviluppo e la commercializzazione del petrolio nella regione dell’Africa orientale sono in ritardo o in fase di stallo senza finanziamenti, principalmente a causa delle difficoltà o della mancanza di volontà da parte di investitori e finanziatori di impegnare le decisioni finali di investimento.
Anche i nuovi blocchi di esplorazione onshore offerti hanno problemi a trovare acquirenti. Specifico “onshore” perché i progetti offshore in acque profonde, siano essi di petrolio o di gas, stanno effettivamente attirando partecipazione e finanziamenti, come sta accadendo in Tanzania e Mozambico.
Due ragioni spiegano la ritrosia del capitale a finanziare progetti petroliferi onshore. In primo luogo, gli attivisti per il clima e gli investitori stanno utilizzando la classifica dell’impronta di carbonio dei progetti petroliferi per bloccare gli investimenti.
Si assiste anche all’opposizione agli investimenti da parte di attivisti che agiscono come protettori delle comunità direttamente impattate dai progetti petroliferi.
Tuttavia, è la transizione energetica globale in corso a dissuadere gli investitori dal partecipare a nuovi progetti petroliferi onshore, dato che la domanda futura di petrolio diventa incerta.
In particolare, gli investitori non sono disposti a finanziare costose infrastrutture petrolifere onshore con tempi lunghi. Preferiscono progetti petroliferi e di gas offshore in acque profonde che utilizzano infrastrutture galleggianti multifunzionali, più economiche e veloci da installare, riducendo così i costi e le tempistiche di attuazione del progetto e migliorando il ritorno economico.
L’oleodotto che attraversa l’Uganda e la Tanzania sta subendo ritardi nel raggiungimento della FID, soprattutto a causa del ritiro dei finanziamenti da parte delle banche europee, apparentemente sotto la pressione degli attivisti per il clima e l’ambiente.
La forte partecipazione della multinazionale TotalEnergies, dell’azienda governativa cinese CNOOC e dei governi di Uganda e Tanzania porterà sicuramente il progetto a compimento, con un probabile finanziamento a debito da parte delle più pragmatiche fonti cinesi.
Tuttavia, il progetto della raffineria dell’Uganda occidentale sembra destinato ad avere problemi di finanziamento, poiché i partner di investimento non rispettano le scadenze critiche.
Il progetto petrolifero di Turkana, in Kenya, si trova di fronte a veri e propri problemi di finanziamento, poiché due investitori (TotalEnergies e Africa Oil) hanno ridotto le perdite e si sono ritirati, lasciando Tullow Oil, che non dispone di capitali, a cercare investitori strategici per finanziare lo sviluppo della produzione e l’oleodotto di esportazione.
La mia sensazione è che i kenioti si siano rassegnati a lasciare il petrolio di Turkana come un bene incagliato, vista la scarsa priorità data al progetto dal governo.
Il Sud Sudan si trova in una situazione patetica per un Paese con le maggiori riserve petrolifere della regione. Il Paese finanzia l’80% del bilancio nazionale con i proventi del petrolio, che negli ultimi 10 anni si sono dimezzati a circa 170.000 barili al giorno.
Non ci sono acquirenti pronti per una serie di blocchi di esplorazione in offerta, per le stesse ragioni che ostacolano i nuovi investimenti petroliferi onshore.
Per la sostenibilità economica e politica, il Paese dovrebbe sviluppare risorse economiche alternative.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito