L’ONU termina la missione di pace in Mali, gli USA incolpano la Russia di Wagner

Venerdì il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha votato all’unanimità la fine della decennale missione di pace in Mali, dopo che la giunta militare del Paese dell’Africa occidentale ha chiesto bruscamente alla forza di 13.000 uomini di andarsene – una mossa che, secondo gli Stati Uniti, è stata architettata dal gruppo mercenario russo Wagner.
La fine dell’operazione, nota come MINUSMA, segue anni di tensioni e restrizioni governative che hanno ostacolato le operazioni di peacekeeping aeree e terrestri da quando il Mali si è alleato nel 2021 con il gruppo russo Wagner, che è stato dietro un ammutinamento armato abortito in Russia lo scorso fine settimana.
Le forze di pace dell’ONU sono accreditate di svolgere un ruolo vitale nel proteggere i civili da un’insurrezione islamista che ha ucciso migliaia di persone. Alcuni esperti temono che la situazione della sicurezza possa peggiorare con la partenza della missione, lasciando l’esercito del Mali, poco equipaggiato, con circa 1.000 combattenti Wagner per combattere i militanti che controllano ampie porzioni di territorio nel nord e nel centro del deserto.
Il Consiglio dei 15 membri ha adottato una risoluzione redatta dalla Francia in cui si chiede che la missione inizi sabato “la cessazione delle sue operazioni, il trasferimento dei suoi compiti, nonché il ritiro ordinato e sicuro del suo personale, con l’obiettivo di completare questo processo entro il 31 dicembre 2023”.
Mentre il Consiglio di Sicurezza votava, la Casa Bianca ha accusato il leader di Wagner, Yevgeny Prigozhin, di aver contribuito a organizzare la partenza delle forze di pace dell’ONU dal Mali e ha dichiarato di essere in possesso di informazioni che indicano che le autorità del Mali hanno pagato più di 200 milioni di dollari a Wagner dalla fine del 2021.
“Ciò che non è altrettanto noto è che Prigozhin ha contribuito a organizzare quella partenza per favorire gli interessi di Wagner”, ha dichiarato ai giornalisti il portavoce per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby. Sappiamo che alti funzionari maliani hanno lavorato direttamente con i dipendenti di Prigozhin per informare il segretario generale delle Nazioni Unite che il Mali aveva revocato il consenso alla missione MINUSMA”.
Un portavoce del governo del Mali non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.
Anna Evstigneeva, vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite, ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza che il Mali ha preso una “decisione sovrana”.
“Vorremmo confermare il nostro sostegno a Bamako nella sua aspirazione ad assumersi la piena responsabilità e a svolgere il ruolo di guida nella stabilizzazione dello Stato maliano”, ha dichiarato. “La Russia continuerà a fornire un sostegno globale al Mali per normalizzare la situazione nel Paese su base bilaterale”.
VIGILE Il governo del Mali ha preso atto dell’adozione della risoluzione e “sarà vigile nel garantire il rispetto” della tempistica del ritiro, ha dichiarato l’ambasciatore del Mali alle Nazioni Unite Issa Konfourou al Consiglio di Sicurezza.
“Il governo si rammarica che il Consiglio di Sicurezza continui a considerare la situazione in Mali come una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale”, ha dichiarato Konfourou. Il Mali rimane aperto alla cooperazione con tutti i partner che desiderano lavorare con lui, a condizione di rispettare i principi guida delle nostre politiche statali”.
La risoluzione del Consiglio di Sicurezza autorizza la MINUSMA a rispondere – “nelle sue immediate vicinanze” – a minacce imminenti di violenza contro i civili e a contribuire alla fornitura sicura e guidata dai civili di assistenza umanitaria fino al 30 settembre.
Chiede al Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres di lavorare con le autorità maliane su un piano per trasferire i compiti della MINUSMA e di presentarlo al Consiglio di sicurezza entro il 15 agosto. Invita il Mali a cooperare pienamente con le Nazioni Unite durante il ritiro della MINUSMA.
Konfourou ha dichiarato giovedì che il Mali collaborerà strettamente con le Nazioni Unite.
Quando due settimane fa ha chiesto che la MINUSMA se ne andasse, il ministro degli Esteri maliano Abdoulaye Diop ha detto al Consiglio di Sicurezza che c’era una “crisi di fiducia” tra l’operazione delle Nazioni Unite e le autorità maliane.
Fino al 31 dicembre, la MINUSMA è autorizzata a garantire la sicurezza del personale delle Nazioni Unite, delle strutture, dei convogli, delle installazioni e delle attrezzature e del personale associato; a eseguire operazioni di estrazione del personale delle Nazioni Unite e degli operatori umanitari in pericolo e a fornire evacuazioni mediche.
Il Mali ha lottato per arginare l’insurrezione islamista che ha messo radici dopo una rivolta nel 2012. Il Consiglio di sicurezza ha dispiegato la MINUSMA nel 2013 per sostenere gli sforzi stranieri e locali per ripristinare la stabilità. La frustrazione per l’insicurezza crescente ha stimolato due colpi di stato in Mali nel 2020 e nel 2021.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito