Il Kenya ignora l’alleanza BRICS a suo rischio e pericolo

Il recente vertice dei BRICS, tenutosi in Sudafrica dal 22 al 24 agosto 2023, ha accolto sei nuovi membri in una mossa che ha inclinato significativamente l’equilibrio del potere globale verso il Sud del mondo e ha cambiato irreversibilmente il nostro mondo.

La partecipazione atipica e in sordina del Kenya alla storica festa dei BRICS rivela i pericoli della competizione geopolitica tra il campo America-Europa e la distensione Cina-Russia, con l’Africa come nuovo campo di battaglia. Secondo noi, il Kenya può ignorare i BRICS solo a suo rischio e pericolo.

I BRICS – acronimo di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica – descrivono le economie in più rapida crescita del mondo che collettivamente domineranno l’economia globale entro il 2050.

Noti per la loro significativa influenza sugli affari regionali e globali, tutti e cinque gli Stati membri dei BRICS sono anche membri del G20. Durante il vertice appena concluso, il raggruppamento delle principali economie emergenti ha invitato sei Paesi (Argentina, Egitto ed Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti) ad aderire e ad ingrossare i propri ranghi entro il 1° gennaio 2024.

Fondato nel 2009 e con sede a Shanghai, in Cina, il BRICS si è battuto per un mondo equo, giusto, inclusivo e prospero, cercando di affrontare le rimostranze dei Paesi in via di sviluppo nei confronti di un ordine mondiale che ritengono giustamente truccato a loro sfavore.

Per molti versi, il Vertice dei BRICS del 2023 è stato un vertice africano cruciale, a cui il Kenya ha apparentemente prestato poca attenzione. È stato ospitato sul suolo africano da una nazione africana: Il Sudafrica. Il tema “BRICS e Africa: Partenariato per una crescita reciprocamente accelerata, uno sviluppo sostenibile e un multilateralismo inclusivo” era incentrato sull’Africa. Il vertice ha invitato due Paesi africani – Egitto ed Etiopia – ad aderire al gruppo. Per 13 anni, il Sudafrica, seconda economia africana, è stata l’unica potenza regionale africana nel club Sud-Sud dal 2010.

Nel recente passato, la potenza economica dell’Africa orientale ha espresso la stessa posizione dei BRICS, spingendo per un sistema finanziario internazionale equo, compreso l’uso di valute locali nel commercio internazionale regionale e nelle transazioni finanziarie.

Due decenni fa, sotto il presidente Mwai Kibaki, il Kenya è emerso come un’imponente nazione panafricana e una potenza nel Sud globale.

Il Paese ha adottato una solida politica di sguardo verso l’Oriente per riequilibrare il suo tradizionale orientamento “verso l’Occidente”, guidato da una politica estera assertiva e sostenuta dall’interesse nazionale. Tutto questo sembra stia cambiando.

Finora oltre 40 Paesi hanno espresso interesse a entrare nei BRICS e 22 hanno chiesto formalmente di essere ammessi. Una battuta comune è che la parola BRICS è “scritta male” – dovrebbe essere BRICKS, e la “K” dovrebbe essere Kenya! In Africa, Algeria, Comore, Repubblica Democratica del Congo (RDC), Egitto, Etiopia e Gabon hanno chiesto di diventare membri del BRIC. Di certo, il Kenya non è tra questi.

Il Presidente William Ruto ha saltato il vertice dei BRICS del 2023 a cui hanno partecipato oltre 50 capi di Stato e di governo.

Il Kenya è stato tipicamente muto sulla sua posizione nei confronti dei BRICS. Il Ministro degli Esteri, Alfred Mutua, che ha rappresentato il Capo di Stato del Kenya alla manifestazione, non ha ancora mantenuto la promessa di delineare la posizione del Kenya sul coinvolgimento del “Sud globale”.

Manca la Nigeria
Con l’Egitto e l’Etiopia ora membri dei BRICS, il Kenya è una delle potenze regionali rimaste fuori dai BRICS.

Curiosamente, tra i BRICS manca anche la Nigeria, il Paese più popoloso del continente che, secondo le previsioni, diventerà la 14esima economia mondiale entro il 2050, con un valore stimato di 4.348 trilioni di dollari.

Nairobi e Abuja potrebbero entrare nel gruppo nel prossimo ciclo di espansione.

Ma la loro assenza la dice lunga sull’attuale orientamento della loro politica estera.

Mentre il resto dell’Africa si sta orientando verso il Sud globale, la Nigeria e il Kenya sono diventati virulentemente occidentali nella loro politica estera.

I BRICS sono stati attraenti per l’Africa, e per buone ragioni. In primo luogo, la pandemia COVID-19 ha messo a nudo il ventre dei Paesi ricchi dell’Occidente, che hanno fatto incetta di vaccini salvavita.

In secondo luogo, il continente condivide l’insoddisfazione dei Paesi in via di sviluppo per l’ordine internazionale liberale globale dominato dall’Occidente.

Il Kenya non può ignorare i BRICS. Il suo sviluppo è inestricabilmente legato al blocco. Inoltre, l’espansione dei nuovi membri ha aumentato notevolmente il peso globale dei BRICS.

Politica estera
I responsabili della politica estera del Kenya devono prendere a cuore l’idea che i BRICS sono il futuro della potenza economica – se non militare – del mondo.

Il rapporto del gigante dei servizi professionali PwC, intitolato “The long view: how will the global economic order change by 2050?”, analizza quali saranno le economie più grandi e potenti del mondo entro il 2050.

Nei prossimi 27 anni, il panorama economico e finanziario del nostro pianeta sarà cambiato così drasticamente rispetto a quello che conosciamo oggi che solo l’America potrà far parte delle sette maggiori economie mondiali, popolarmente note come “G7”.

In base al loro PIL/PPA, i membri del G7 entro il 2050 includeranno, nell’ordine, Cina (58.499 trilioni di dollari), India (44.128 trilioni di dollari), Stati Uniti (34.102 trilioni di dollari), Indonesia (10.502 trilioni di dollari), Brasile (7.540 trilioni di dollari), Russia (7.131 trilioni di dollari) e Messico (6.863 trilioni di dollari).

Con l’aggiunta di sei Paesi ai BRICS, il Prodotto interno lordo del gruppo è ora pari al 36% del PIL globale e al 47% della popolazione mondiale. Le due popolazioni più numerose aggiunte ai BRICS sono l’Etiopia (126,5 milioni) e l’Egitto (112,7 milioni). È possibile che i BRICS superino il 50% della popolazione mondiale, dato che molti altri Paesi hanno espresso il desiderio di aderire.

L’aggiunta di Arabia Saudita, Iran ed Emirati Arabi Uniti è destinata a più che raddoppiare la quota dei BRICS nella produzione globale di petrolio, che passerà dal 20,4% al 43,1%.

Inoltre, l’Arabia Saudita, il più grande esportatore di greggio al mondo, si troverà nello stesso blocco economico del più grande importatore di petrolio al mondo, la Cina. Anche la quota di esportazioni globali dei BRICS aumenterà.

Questa dura realtà sta generando una nuova competizione geopolitica tra l’asse America-Europa e la distensione Cina-Russia. Lo sviluppo del Kenya potrebbe deragliare se venisse coinvolto nella “nuova contesa” per l’Africa.

Recentemente, il Kenya si è orientato verso l’Occidente conservatore, ideologicamente influenzato in gran parte dalla ristrettezza soffocante della “Bible Belt” americana, una regione degli Stati Uniti meridionali in cui un’etica protestante intensamente conservatrice gioca un ruolo tragicamente perverso nella società.

È chiaro che Nairobi deve tornare alla ragione e ancorare la nostra politica estera ai nostri interessi nazionali, in particolare alla creazione di ricchezza per porre fine alla povertà estrema, e non alla difesa di un ordine globale liberale in decadenza.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito