La Nigeria smetterà di importare carburante entro il 2024 dopo l’avvio della produzione delle raffinerie locali

Il governo nigeriano guidato dal presidente Bola Tinubu ha promesso di sistemare le raffinerie di Port Harcourt e Warri per porre fine alle importazioni di carburante del Paese entro il 2024.

Lo ha dichiarato il Ministro di Stato per le Risorse Petrolifere, Heineken Lokpobiri, durante una visita di lavoro alla Port Harcourt Refining Company di Eleme, nello Stato di Rivers.

Il ministro, che è stato raggiunto nella visita dal Ministro di Stato per le Risorse del Gas, Ekperikpe Ekpo, ha espresso soddisfazione per la qualità del lavoro svolto, osservando che il progetto di riabilitazione da 1,5 miliardi di dollari, una volta terminato entro la fine del 2023, lavorerà fino a 60.000 barili di petrolio al giorno.

Ha sottolineato che la raffineria di Port Harcourt inizierà ad operare prima della fine del 2023, precisamente a dicembre, e che la raffineria di Warri, anch’essa in fase di ristrutturazione, inizierà a raffinare prodotti petroliferi a febbraio.

Ha insistito sulla data di completamento del dicembre 2023 per la ristrutturazione della raffineria di Port Harcourt, esprimendo soddisfazione per la qualità del lavoro svolto nell’impianto.

Ha dichiarato che lo scopo dell’ispezione era quello di garantire che la raffineria di Port Harcourt fosse riabilitata in tempo e che le altre raffinerie del Paese fossero completate in tempo.

Secondo quanto riportato da Vanguard, il Ministro ha dichiarato che: “L’essenza dell’ispezione di oggi è di venire a vedere l’entità del lavoro svolto nella Raffineria di Port Harcourt e siamo soddisfatti del livello di lavoro svolto qui.

“Da quello che abbiamo visto qui, crediamo che il progetto sarà completato come previsto. La raffineria di Port Harcourt sarà pienamente operativa entro la fine di quest’anno, nel 2023. Warri entrerà in funzione entro il primo trimestre del prossimo anno e Kaduna verso la fine del prossimo anno.

“La raffineria di Port Harcourt, una volta completata, dovrebbe produrre circa 54-60 barili al giorno, mentre quella di Warri, quando entrerà in funzione entro febbraio 2024, produrrà 75 barili di petrolio al giorno. Se aggiungiamo questo alla raffineria di Dangote, saremo in grado di interrompere l’importazione di carburante e la Nigeria potrà godere dei benefici della completa deregolamentazione”.

“Faremo il giro di tutte le raffinerie del Paese, da Port Harcourt, a Warri, a Kaduna. Andremo anche alla raffineria Dangote per vedere il livello di lavoro.

“Il nostro obiettivo è fare in modo che nei prossimi anni la Nigeria smetta di importare carburante, ed è per questo che siamo qui per vedere il livello di lavoro svolto, e siamo soddisfatti di quello che stiamo vedendo qui”.

“I nigeriani dovrebbero aspettarsi una migliore fornitura di carburante e una migliore economia. Ma posso assicurarvi che la Nigeria avrà un accordo migliore in questa rinnovata amministrazione di speranza del presidente Bola Ahmed Tinubu”.

Ekperikpe Ekpo, Ministro di Stato per le Risorse di Gas, ha dichiarato che il governo è ansioso di produrre gas e di generare elettricità nel Paese.

Ekpo ha dichiarato che l’amministrazione è impegnata a porre fine al gas flaring nel Paese.

Ha proseguito: “Sapete che il gas è molto importante e ne abbiamo in abbondanza, quindi la questione della raccolta del gas per generare energia elettrica e altre aree che necessitano di gas nel Paese è molto importante”.

Il governo è molto interessato a questo tema perché porterà investitori stranieri a investire nel settore del gas”.

“Con il briefing che abbiamo ricevuto oggi, c’è speranza per la Nigeria che il gas flaring si fermi e che la produzione di gas aumenti, e con questo avremo un’alimentazione elettrica ininterrotta nel Paese”.

Ekpo ha commentato la posizione del governo sull’uso del gas naturale compresso, o CNG, nelle automobili.

Ha detto: “La politica è molto semplice e stiamo incoraggiando gli investitori in questo settore in modo da averne in abbondanza, i veicoli saranno convertiti per apprezzare l’uso del CNG che sarebbe vantaggioso per tutti”.

“Quindi, ci sono sforzi disperati e dedicati per assicurarsi che il gas sia disponibile, il che ovviamente ridurrà il costo del gas nei veicoli, oltre a ridurre il costo dell’uso del carburante”.

Fonte: saharareporters.com

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito