La medicina tradizionale cinese sta diventando popolare in Africa

In attesa della comunicazione di ammissione al corso di laurea, gli studenti ruandesi Fabrice Kayitare e Gracia Uwitonze hanno elaborato un buon piano di studi per intensificare la pratica dei termini medici in cinese.
Dopo aver conseguito la laurea in medicina clinica presso la Facoltà di Educazione Internazionale dell’Università di Medicina di Changsha, entrambi si iscriveranno agli studi di specializzazione presso la Central South University il prossimo autunno.
A livello universitario, la facoltà offre corsi di medicina tradizionale cinese, come agopuntura e moxibustione, massaggi e altri corsi di medicina cinese pensati appositamente per gli studenti internazionali. Per il loro tirocinio finale, Kayitare e Uwitonze hanno trascorso un anno presso il Quarto Ospedale di Changsha, dove hanno ruotato tra 13 reparti.
Il corso e il tirocinio li hanno introdotti in un campo della medicina completamente nuovo. Kayitare ricorda un paziente di 45 anni con un calcolo renale, che si è sottoposto al trattamento di agopuntura perché non voleva sottoporsi a un intervento chirurgico. Dopo soli tre trattamenti, il dolore si è attenuato notevolmente e, poiché i calcoli erano relativamente piccoli, l’ospedale gli ha solo consigliato di bere più acqua e di fare esercizio fisico prima di rimandarlo a casa.
“Ho visto molti pazienti ottenere un sollievo efficace dalle loro malattie adottando la medicina tradizionale cinese o una combinazione di medicina cinese e occidentale. Questo mi ha spinto a interessarmene”, ha detto Kayitare, aggiungendo che intende tornare in Ruanda e aprire una clinica di agopuntura cinese dopo aver completato i suoi studi.
Aspirando a diventare chirurgo fin dall’infanzia, Uwitonze è stato testimone della natura complementare della medicina tradizionale cinese e occidentale.
Uwitonze ricorda che un paziente diabetico, che versava in gravi condizioni, ricevette un consulto congiunto da un endocrinologo e da un medico tradizionale cinese. I medici suggerirono di assumere la medicina occidentale come complemento alla medicina tradizionale cinese. Con diversi trattamenti e un’attenta osservazione, i livelli di zucchero nel sangue del paziente furono ben controllati e il disagio fu notevolmente alleviato.
Negli ultimi anni, la medicina tradizionale cinese ha portato più “soluzioni cinesi” e “contributi cinesi” all’assistenza medica in Africa e nel mondo.
Nel 2020, nella capitale dello Zimbabwe, Harare, è stato istituito il più grande centro di agopuntura dell’Africa meridionale, con l’aiuto della provincia cinese di Hunan. Nel 2022 è stata organizzata la prima serie di corsi di formazione per i talenti zimbabwani dell’agopuntura e i farmaci con brevetto cinese sono entrati in Zimbabwe.
Allo stesso tempo, molti studenti africani sono venuti in Cina per studiare la medicina tradizionale cinese e hanno scelto di tornare nei loro Paesi d’origine per lavorare nel settore medico.
Dopo nove anni di studi alla Guangxi Medical University, nel sud-ovest della Cina, Gopaul Roodrajeetsing è tornato in patria ed è diventato neurochirurgo al Victoria Hospital di Mauritius. Nel 2018 ha fondato la clinica “l’Acu care pain & rehab center” nella città centrale di Ebene e offre ai pazienti cure mediche cinesi, diffondendo al contempo il concetto di trattamento medico cinese.
Secondo Roodrajeetsing, la combinazione di medicina cinese e occidentale porta a risultati terapeutici migliori. “La medicina occidentale tratta i sintomi, mentre la medicina cinese tratta la causa principale. La medicina occidentale può eliminare rapidamente la malattia, ma dopo aver eliminato i sintomi evidenti, la medicina cinese svolge un ruolo importante nell’aiutare il paziente a tornare alla vita normale il più rapidamente possibile e a migliorare la sua qualità di vita”.
Negli ultimi anni, con il crescente riconoscimento della medicina tradizionale cinese da parte del pubblico africano, la coppettazione, il massaggio e l’agopuntura sono diventati popolari tra gli africani.
“La medicina cinese e la medicina occidentale non sono opposte, ma si completano a vicenda. Per essere un buon medico, bisogna conoscere sia la medicina occidentale che quella tradizionale cinese e imparare a combinarle per servire meglio i pazienti”, ha detto Uwitonze.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito