Il solare è il petrolio del 21° secolo

L’energia solare è il “petrolio del XXI secolo” e le economie più potenti saranno quelle che dispongono dell’energia più economica, sostiene il famoso banchiere e imprenditore africano Tidjane Thiam.
“Se non partecipiamo a questa rivoluzione (solare), l’America avrà l’energia più economica e pulita del mondo. È in corso una rivoluzione nell’economia mondiale. Il costo di un watt solare nel 1975 era di 115,30 dollari; nel 2010 era di 2,70 dollari, oggi è di 27 centesimi. Si è passati da 115 dollari a 0,27 dollari”, ha dichiarato Thiam, ex amministratore delegato del Credit Suisse e di Prudential Plc e ora presidente esecutivo di Freedom Acquisition Corp 1.
Thiam è intervenuto il 3 luglio a Lome, in Togo, in occasione dell’assemblea degli azionisti 2023 del finanziatore africano di infrastrutture Africa50.
Ha paragonato la rivoluzione energetica a quella di Internet, notando che la produzione è diventata decentralizzata e quindi più accessibile e molto più economica.
L’amministrazione Biden ha stanziato 380 miliardi di dollari per sostenere la produzione di energia solare.
“La produzione di energia sta diventando decentralizzata… e questo è rivoluzionario, perché è economica e pulita… Se metti un impianto solare sul tetto e compri un’auto elettrica, guiderai gratis”, ha detto.
Ai suoi sentimenti ha fatto eco il dottor Ajay Mathur, direttore generale dell’International Solar Alliance (ISA), un partner strategico di Africa50.
Mathur ha osservato che l’Africa ha il miglior potenziale solare al mondo, con un potenziale pratico di 4,5 chilowattora di picco al giorno, che rende il solare una valida alternativa per soddisfare il fabbisogno energetico del continente.
Ma hanno notato che gli investimenti nel settore sono ancora trascurabili.
“L’anno scorso, anche se a livello globale sono stati investiti 250 miliardi di dollari nel solare, solo il 2% di questi è arrivato in Africa. Perché? Sebbene il premio di rischio per l’Africa fosse relativamente alto, ciò è in contrasto con la realtà: i tassi di insolvenza sono inferiori al due per cento!”.
Ha sfidato l’Africa a ridurre il rischio percepito per attrarre capitali internazionali nel settore.
### Fattorie solari Hanno esortato a concentrarsi sulle start-up.
È stata lanciata una sfida tra start-up per identificare 20 aziende in Africa che forniranno energia alla base, ponendo l’accento sulle fattorie solari per fornire mini reti solari.
Thiam ha detto che la sua azienda sta cercando un pilota in Africa per la produzione di pannelli solari.
Freedom Acquisition, una società per acquisizioni speciali quotata in borsa, ha completato una joint venture con la californiana Complete Solaria e sta cercando di quotarsi al Nasdaq Stock Market negli Stati Uniti il 14 luglio.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito