Glencore e Anglo si uniscono al Sudafrica in un piano idrico da 1,5 miliardi di dollari

Glencore e Anglo si uniscono al Sudafrica in un piano idrico da 1,5 miliardi di dollari

Alcune delle più grandi compagnie minerarie del mondo stanno collaborando con il governo sudafricano a un progetto idrico da 27 miliardi di rand (1,5 miliardi di dollari) per rifornire di acqua potabile le principali attività di platino e cromo e diverse centinaia di migliaia di persone.
Glencore Plc e Anglo American Platinum Ltd. sono tra le aziende che stanno cercando di ottenere la metà di questa somma in finanziamenti entro la fine dell’anno, mentre il resto dei fondi dovrà essere reperito dai comuni e dal governo.
Secondo Bertus Bierman, amministratore delegato dell’Associazione degli utenti dell’acqua di Lebalelo, le aziende coinvolte sono in trattative con circa 10 banche locali e internazionali per ottenere finanziamenti. Il progetto si estende per circa 170 chilometri (106 miglia) attraverso la provincia di Limpopo, nel nord-est del Sudafrica, e dovrebbe essere completato entro il 2030.
Il piano non ha precedenti in Sudafrica, dove quasi tutte le infrastrutture idriche, soprattutto le iniziative di questa portata, sono state gestite dallo Stato. Ora, dopo anni di incuria e cattiva gestione, il governo sta cercando di investire nelle infrastrutture e di aiutare a gestire le operazioni, dalle centrali elettriche alle linee ferroviarie e alle strutture idriche.
“Questo potrebbe portare in Sudafrica un nuovo modello in cui il governo agisce come regolatore e le entità private, in collaborazione con le istituzioni governative, fanno più lavoro sul campo”, ha detto Bierman in un’intervista a Pretoria, la capitale, questa settimana. “Vorremmo iniziare la costruzione all’inizio del prossimo anno”.
La Glencore, che gestisce una fonderia di cromo nell’area, è una società globale di estrazione e commercio di carbone e metalli, mentre Anglo Platinum, controllata da Anglo American Plc, è il più grande produttore di platino al mondo.
Lebalelo prevede di costruire 400 chilometri di condutture e di fornire 250 milioni di litri (66 milioni di galloni) di acqua al giorno, circa un terzo del consumo di Città del Capo, che conta più di quattro milioni di abitanti.
L’acqua sarà fornita anche agli abitanti della città di Polokwane e di Mookgophong, una città a nord di Johannesburg. Tra i 16 membri di Lebalelo figurano anche Impala Platinum Holdings Ltd. e Northam Platinum Ltd., oltre al Dipartimento dell’acqua e dei servizi igienici, al Comune distrettuale di Sekhukhune e al Comune locale di Mogalakwena.
Il progetto sarà realizzato per fasi e PricewaterhouseCoopers LLP si occuperà di organizzare i finanziamenti, ha dichiarato Bierman, rifiutandosi di identificare le banche con cui il gruppo è in trattativa in quanto le trattative sono riservate.
Il progetto è solo una delle iniziative promosse dal governo sudafricano per cercare di migliorare le fatiscenti infrastrutture idriche del Paese.
La Banca di sviluppo dell’Africa australe, di proprietà dello Stato, sta creando una struttura da 1,4 miliardi di dollari che includerà investitori privati per finanziare progetti di riutilizzo dell’acqua. Aziende statali olandesi e spagnole stanno collaborando con le controparti sudafricane per finanziare le costruzioni nel Paese.
Se il piano dell’associazione avrà successo, il modello potrebbe essere replicato altrove nel Paese, ha detto Bierman. Alcune delle aziende coinvolte in Lebalelo stanno iniziando a discutere di un’iniziativa energetica simile per generare elettricità per le miniere e le comunità, che potrebbe costare circa 40 miliardi di rand.


Iscriviti al nostro canale Telegram per aggiornamenti in tempo reale e discussioni.


About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 2071 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Cina

I legami commerciali tra Cina e Africa sono destinati a rafforzarsi

Sia la Cina che l’Africa possono lavorare per un vantaggio reciproco, poiché il notevole successo della Cina nel perseguire uno sviluppo di alta qualità e nel raggiungere una crescita economica

Africa Sub Sahariana

In Africa l’impennata del dollaro USA si somma alla crescente crisi alimentare

Gli importatori di generi alimentari dall’Africa all’Asia sono alla ricerca di dollari per pagare le loro fatture, mentre l’impennata della valuta statunitense fa salire ulteriormente i prezzi per i Paesi

Sud Africa

Sudafrica: Cyril Ramaphosa annuncia la ripresa del REIPPPP

Il più vecchio programma di costruzione di impianti di energia rinnovabile da parte di produttori privati sta per ripartire. Il presidente Cyril Ramaphosa ha posto di fatto l’energia al centro