Perché l’Africa non dovrebbe schierarsi con le superpotenze

Nei tre decenni trascorsi dalla fine della Guerra Fredda, l’ordine mondiale ha subito una profonda trasformazione, con gli Stati Uniti, un tempo dominanti, che si trovano ad affrontare sfide alla loro egemonia. Le forze trainanti di questo riallineamento sono la Russia e la Cina, entrambe sempre più scontente di quella che considerano un’eccessiva influenza americana sulla scena globale. La recente invasione russa dell’Ucraina nel 2022, come ha osservato Fiona Hill, specialista di affari esteri britannico-americana, è un esempio vivido di questa ribellione contro il dominio statunitense.

Mentre questo cambiamento globale si sviluppa, il continente africano sta emergendo come un attore significativo. Le grandi potenze hanno diverse ragioni per corteggiare l’Africa durante questo riallineamento.

In primo luogo, l’Africa occupa una posizione significativa all’interno delle Nazioni Unite, rappresentando circa il 28% di tutti i voti dell’Assemblea generale. Sebbene a volte il continente faccia fatica a rispondere in modo coeso, la storia ha dimostrato che quando le nazioni africane si uniscono, la loro influenza collettiva può essere formidabile. Il voto del 1971 che ha portato la Cina continentale all’interno delle Nazioni Unite, sostituendo Taiwan, ne è un esempio lampante, con 27 voti favorevoli su 76 provenienti da Stati membri africani. In un mondo in cui il Consiglio di Sicurezza dell’ONU è spesso bloccato dai membri permanenti con diritto di veto, la struttura dell’Assemblea Generale con un solo membro e un solo voto acquista importanza.

Anche se simbolici, i voti dell’Assemblea Generale offrono una visione del sentimento internazionale e possono esercitare un’influenza morale. Inoltre, le abbondanti risorse naturali dell’Africa sono una prospettiva allettante per le grandi potenze. Con la transizione del mondo verso fonti energetiche alternative, queste risorse, compresi minerali vitali come il cobalto, svolgono un ruolo cruciale nell’innovazione tecnologica.

Inoltre, le rotte commerciali dell’Africa rivestono un’importanza strategica. La rotta del Mar Rosso, che collega l’Africa nord-orientale all’Oceano Indiano, rappresenta il 10% del commercio globale annuale. I Paesi lungo questa rotta, come l’Eritrea e la Somalia, sono corteggiati da potenze come la Russia e la Cina, che considerano queste rotte commerciali fondamentali per i loro interessi.

La giovane età demografica dell’Africa è un altro fattore di attrazione per le grandi potenze. Poiché si prevede che il continente rappresenterà il 42% dei giovani del mondo entro il 2030, il suo potenziale come mercato futuro, in particolare nei settori della tecnologia e dell’istruzione, è notevole.

Per quanto riguarda i legami commerciali, l’Africa si trova a un bivio. Nel 2022, la Cina è emersa come il principale partner commerciale dell’Africa, grazie a decenni di sforzi diplomatici e commerciali attraverso il Forum sulla cooperazione Cina-Africa. Questo impegno è stato guidato dal desiderio della Cina di contrastare gli Stati Uniti e di sfruttare il potenziale non sfruttato dell’Africa. D’altro canto, la Russia si concentra sul diventare un partner di sicurezza a causa del suo volume commerciale minimo con il continente.

In questo contesto di riallineamento, le nazioni africane si trovano di fronte a una scelta cruciale: rimanere neutrali o allinearsi con determinate grandi potenze. L’idea prevalente che i Paesi più piccoli debbano “scegliere da che parte stare” in un contesto globale polarizzato è messa in discussione da recenti ricerche. I migliori interessi dell’Africa risiedono nel diversificare i partenariati e le relazioni commerciali piuttosto che rimanere invischiati nelle lotte di potere dei principali attori.

Mentre l’Europa cerca di “de-rischiare” dalla Cina e gli Stati Uniti esplorano nuove strade per l’influenza, la neutralità dell’Africa le permette di mantenere una posizione di agenzia. Piuttosto che essere confinata in un solo campo, la capacità dell’Africa di impegnarsi con tutte le opzioni garantisce che la sua voce sia ascoltata nell’ordine multipolare in evoluzione.

In questa intricata rete di dinamiche globali, il futuro dell’Africa sta nel bilanciare le proprie relazioni, sfruttare le proprie risorse e garantire i propri interessi sulla scena internazionale. Mentre le grandi potenze si contendono l’influenza, la neutralità strategica del continente gli consente di navigare nelle complesse correnti del mutevole panorama globale.

Fonte: asiatimes.com

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito