Il carro armato indiano a basso costo solcherà le sabbie africane, la Russia ha lasciato il vuoto

L’Ordnance Factory Board (OFB) ha ricevuto un ordine dall’esercito indiano per 118 unità del Main Battle Tank (MBT) Arjun di produzione nazionale, segnando quello che potrebbe essere l’ultimo ordine per questo pesante veicolo da combattimento.

La Russia è pronta a condividere la tecnologia del T-14 Armata con l’India
Avete mai sentito parlare del carro armato Zorawar? L’India potrebbe acquistarne 700
La guerra non sembra essere un fattore dopo che l’Algeria ha ottenuto i TOR-M2K russi
L’evasione dell’ordine è prevista entro il 2025-26. Nel frattempo, l’India sta cercando attivamente potenziali acquirenti globali per mantenere la produzione dell’MBT, colloquialmente chiamato “cacciatore-killer”.

L’esercito indiano dispone attualmente di 124 MBT Arjun che, con le loro formidabili 68,25 tonnellate, sono tra i carri armati più pesanti al mondo. L’attuale contratto con l’OFB è finalizzato alla produzione di 118 modelli Mk-1A potenziati.

Dopo l’accordo firmato nel 2021, il primo lotto di cinque MBT dovrebbe essere consegnato all’esercito in un arco di tempo di 30 mesi. Successivamente, 30 MK-1A dovrebbero essere consegnati ogni anno fino al trasferimento delle rimanenti 113 piattaforme, per equipaggiare completamente due reggimenti corazzati entro il 2025-26.

Potenziali acquirenti
“L’investimento indiano nel Main Battle Tank (MBT) sta attirando potenziali acquirenti dall’Africa. La linea di produzione viene mantenuta con successo”, ha spiegato un funzionario della difesa. Tuttavia, l’uso dei carri armati Arjun è attualmente limitato alla regione desertica del Rajasthan in India.

L’Arjun Mk1, un colosso da 62 tonnellate, vanta un cannone da 120 millimetri, una corazza composita avanzata, un motore turbo che genera 1.400 cavalli e un controllo del fuoco e dei mirini termici all’avanguardia. L’Organizzazione indiana per la Ricerca e lo Sviluppo della Difesa (DRDO) ha incorporato i principi di progettazione occidentali nello sviluppo dei carri armati Arjun, in particolare la protezione corazzata pesante.

L’introduzione dei carri armati Arjun nell’esercito indiano ha fatto entrare l’India in un club esclusivo di 10 nazioni che hanno progettato e sviluppato in modo indipendente i propri carri armati principali. Questo gruppo d’élite comprende Regno Unito, Francia, Germania, Stati Uniti, Israele, Corea del Sud, Russia, Giappone e Cina.

Per le nazioni africane che necessitano di carri armati, il carro armato indiano rappresenta un’alternativa conveniente e superiore. Tradizionalmente, la Russia è stata il principale fornitore di armi per l’Africa. Tuttavia, a causa del conflitto in corso con l’Ucraina, si è aperto un vuoto nel mercato.

T-90 vs Arjun
Un rapporto rivelatore del Comptroller and Auditor General (CAG) indiano, presentato al Parlamento indiano nel 2014, ha rivelato una prova comparativa tra l’Arjun e i carri armati russi importati T-90 condotta dall’esercito indiano nell’aprile 2010. Il rapporto ha evidenziato che, nonostante la definizione di parametri più severi per l’Arjun rispetto al T-90, l’Arjun ha superato il T-90 in diversi aspetti. Le prove si sono basate su quattro parametri chiave: potenza di fuoco, sopravvivenza, affidabilità e questioni varie.

Molte nazioni africane dispongono di consistenti flotte di carri armati. Per esempio, l’Egitto ha un totale di 4.295 carri armati, seguito dall’Algeria con 1.195 carri e dal Sudan con 465 carri. In media, i Paesi africani dispongono di una flotta di carri armati di circa 166,5 carri.

L’impegno attivo dell’India nel mercato della difesa africano è anche una mossa strategica per contrastare la crescente influenza della Cina nel continente.

Pronti per l’esportazione
In occasione del DefExpo 2020, il ministro della Difesa indiano Rajnath Singh ha annunciato che l’India intende esportare hardware militare per un valore di 5 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni, con una parte significativa destinata ai Paesi africani. Singh ha dichiarato: “L’India è pronta a fornire alle nostre controparti africane navi da pattugliamento offshore, barche veloci da intercettazione, armature per il corpo e per i veicoli, visori notturni, veicoli aerei senza pilota, aerei Dornier, armi e munizioni”. L’annuncio è stato fatto in occasione della prima Conferenza dei ministri della Difesa indo-africani, alla quale hanno partecipato 12 ministri della Difesa africani e rappresentanti di 38 nazioni.

La conferenza è sfociata in una dichiarazione congiunta che auspica una maggiore cooperazione nel settore della difesa, comprese joint venture per lo sviluppo di hardware e software militari.

Dopo questa conferenza, l’India ha esteso una linea di credito di circa 14 miliardi di dollari a 42 Paesi dell’Unione Africana. Sebbene la maggior parte di questa linea di credito sia destinata allo sviluppo delle infrastrutture, l’India ha manifestato la volontà di utilizzarla anche per operazioni di difesa. All’inizio del 2023, l’India ha ospitato a Pune il conclave inaugurale dei capi d’armata India-Africa.

In tale occasione, l’India ha presentato i suoi equipaggiamenti militari indigeni, come il carro armato Arjun e i lanciarazzi Pinaka. I produttori indiani di veicoli militari, tra cui Tata Motors e Ashok Leyland, forniscono vari veicoli militari come porta truppe, camion, autobus e altri veicoli a diversi Paesi africani, tra cui Zimbabwe, Tanzania, Kenya, Gibuti, Seychelles e Botswana.

L’Arjun potrebbe emergere come concorrente?
Per quanto riguarda il peso, il Main Battle Tank (MBT) Arjun eguaglia il Challenger 2 del Regno Unito, il Leopard 2A6M del Canada e l’Abrams M1A1 degli Stati Uniti, con un peso rispettivamente di 62,5 tonnellate, 62,5 tonnellate e 67,5 tonnellate. Queste misure tengono conto del peso in assetto di combattimento di 75 tonnellate.

Concepito negli anni ’70, il progetto del carro armato Arjun incorporava la corazza Kanchan, una miscela composita progettata localmente che conferisce al carro armato un peso significativo e una protezione robusta. Tuttavia, questa maggiore protezione va a scapito della mobilità tattica e operativa. Il carro armato è alimentato da un motore diesel MTU raffreddato ad acqua di produzione tedesca, con una potenza di 1.400 cavalli. Il rapporto cavalli/peso è di 22,5 a 1.

Sebbene l’Arjun fosse inizialmente destinato a sostituire i carri armati T-72 di costruzione sovietica, il suo peso elevato e l’incompatibilità delle infrastrutture esistenti nel settore occidentale hanno impedito all’esercito indiano di procurarsi ulteriori unità.

Limitazione significativa
Al di là delle considerazioni sul peso, la pressione nominale al suolo (NGP) dei carri armati Arjun pone un limite significativo alla loro mobilità sul territorio. Questa limitazione preclude di fatto il suo impiego nel Punjab e in altre regioni che sono state teatro di importanti battaglie corazzate durante le guerre che l’India ha combattuto con il Pakistan nel 1965 e nel 1971.

Un ufficiale anonimo dell’esercito indiano ha espresso preoccupazioni riguardo all’NGP, ovvero la pressione esercitata sul terreno durante il movimento. “L’NGP è più preoccupante del peso”, ha detto l’ufficiale.

Vale la pena notare che la maggior parte dei ponti del Punjab è stata costruita per sopportare un carico di circa 50 tonnellate. Nonostante l’Arjun Mk-1A sia dotato di ampi cingoli per distribuire uniformemente il suo peso, il suo NPG di 0,85 kg/cmq rende difficile l’attraversamento dell’area. Inoltre, il suo corpo largo ostacola il trasporto su rotaia.

La riluttanza dell’esercito indiano a introdurre l’MBT Arjun in grandi quantità può essere attribuita principalmente all’incompatibilità del terreno e delle infrastrutture. Sul fronte orientale contro la Cina, dominato dalle colline e dalle isole Andamane e Nicobare, l’esercito indiano preferisce carri armati leggeri.

Tuttavia, l’ingresso nel mercato africano potrebbe rappresentare una vittoria significativa per l’MBT. “Il carro armato ha operato finora solo in India. L’esperienza di ambienti operativi diversi potrebbe portare a ulteriori miglioramenti del carro armato”, ha sottolineato l’ufficiale dell’esercito indiano.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito