Etiopia: Il birr crolla con l’aggravarsi della crisi valutaria, ponendo serie sfide all’economia

La valuta locale, il birr, è da tempo in declino rispetto alle principali valute internazionali, in particolare il dollaro USA. Tuttavia, l’attuale situazione ha raggiunto livelli senza precedenti, con un’impennata del tasso di cambio. Con un tasso ufficiale che attualmente si aggira intorno ai 55 birr per dollaro, la scarsità di valuta forte ha portato il valore di un dollaro sul mercato nero a superare i 110 birr. Questo premio esorbitante di oltre il 100% segna un evento significativo nella storia economica del Paese.
L’Etiopia è tra i Paesi che, a livello globale, stanno affrontando un sostanziale declino del valore della propria valuta. Dati recenti del Troubled Currencies Project, che tiene traccia dei tassi di cambio nei mercati neri e a pronti, rivelano che il birr etiope si è deprezzato di quasi il 40% rispetto al dollaro statunitense dal gennaio 2022.
“La cattiva gestione economica ha distrutto il Paese”, ha twittato un mese fa Steve H. Hanke, noto professore di economia applicata e direttore del Troubled Currencies Project.
L’Etiopia è stata anche classificata al 13° posto tra i Paesi con valute in difficoltà, secondo la currency watchlist compilata dal Troubled Currencies Project. Il progetto, avviato dal Cato Institute, un think tank di ricerca sulle politiche pubbliche con sede a Washington, evidenzia che diversi Paesi africani, tra cui lo Zimbabwe e il Sud Sudan, sono tra le prime dieci nazioni in cui si è verificato un rapido deprezzamento della valuta nell’ultimo anno. Nel periodo dal gennaio 2022, il dollaro dello Zimbabwe ha subito uno sconcertante deprezzamento del 95% rispetto al dollaro USA, mentre la sterlina sudanese si è svalutata del 55%.
Hanke suggerisce che diversi Paesi lottano per mantenere una valuta nazionale stabile per una serie di ragioni, tra cui la cattiva gestione politica, la guerra civile e le sanzioni economiche. L’Etiopia è un esempio emblematico dell’analisi di Hanke, in quanto si allinea perfettamente alle condizioni da lui descritte. Negli ultimi anni, il Paese è stato colpito in modo significativo da un conflitto che ha causato scompiglio in diverse regioni, compresa la parte settentrionale del Paese. Di conseguenza, le sue riserve di valuta estera si sono notevolmente impoverite. Secondo un rapporto pubblicato nel maggio 2022 da Cepheus Growth Capital, una società di gestione degli investimenti, le riserve valutarie dell’Etiopia hanno raggiunto un livello critico di 1,3 miliardi di dollari.
Oltre a sottolineare la gravità di questa situazione precaria, gli esperti hanno sollevato preoccupazioni riguardo alla riserva di valuta estera, affermando che non è solo sfavorevole ma anche motivo di allarme. Tewodros Makonnen (PhD), economista nazionale dell’International Growth Centre (IGC) Etiopia, ha dichiarato che l’instabilità e il conflitto hanno ostacolato l’afflusso di valuta estera, limitando il turismo e gli investimenti diretti esteri. L’IGC, fondato nel 2008, è un centro di ricerca economica con sede presso la London School of Economics.
Il secondo Paese più popoloso dell’Africa è da tempo alle prese con la carenza di valuta estera. Tuttavia, il problema si è recentemente aggravato a causa del ritiro dei fondi promessi da parte dei partner per lo sviluppo. Durante la presentazione della proposta di bilancio per l’attuale anno fiscale etiope, il ministro delle Finanze Ahmed Shide ha sottolineato che una parte significativa dei fondi promessi dai partner di sviluppo è stata sospesa. Negli ultimi due anni, l’assistenza esterna ha rappresentato meno del 22% dell’importo previsto, contribuendo alla crisi valutaria.
L’esistenza di un doppio tasso di cambio ha incoraggiato le rimesse a fluire soprattutto attraverso vie non ufficiali. L’anno scorso le rimesse in Etiopia sono state pari a 7,1 miliardi di birr, secondo un rapporto della Banca Nazionale d’Etiopia (NBE). Ma in base alle stime della Banca Mondiale per il 2017, un massimo del 78% delle rimesse totali viene inviato attraverso canali informali.
Gli addetti ai lavori sostengono che la disparità tra il mercato formale e quello parallelo è causata principalmente dalla crescente domanda di acquisto e vendita di valuta forte sul mercato parallelo. Fikru Yadeta (nome cambiato su richiesta), una figura chiave del mercato nero illecito nei pressi del Teatro Nazionale Etiope, ha rivelato che il mercato nero sta registrando un aumento degli acquirenti, soprattutto importatori, che non sono in grado di soddisfare il loro fabbisogno di valuta estera attraverso i normali canali bancari. Fikru ha dichiarato: “Questi acquirenti sono disposti a pagare un premio sostanziale per soddisfare il loro fabbisogno di valuta estera.
La grave carenza di valuta estera è diventata un problema critico per gli importatori di vari settori. Industrie come quella manifatturiera, l’agricoltura e l’edilizia sono state particolarmente colpite da questa crisi. Purtroppo, anche chi si occupa di importare beni di prima necessità, come farmaci e attrezzature mediche, non è stato risparmiato dal suo impatto. Negli ultimi cinque anni, Biruhtesfa Pharmaceuticals Import PLC ha importato medicinali e attrezzature mediche dall’estero e li ha distribuiti ai grossisti. Tuttavia, negli ultimi anni l’azienda ha dovuto affrontare delle difficoltà per ottenere una quantità adeguata di valuta forte per sostenere le proprie attività.
Abebaw Gessesse, consulente per gli affari regolatori farmaceutici di Biruhtesfa Pharmaceuticals, ha rivelato: “Sono passati due anni da quando abbiamo avviato il processo di apertura di una lettera di credito presso la Banca Commerciale d’Etiopia.
Da allora, l’azienda non è riuscita a ottenere una lettera di credito del valore di 50.000 dollari.
Oltre all’aumento della domanda, il mercato nero è ulteriormente alimentato da pratiche speculative dilaganti, innescate da instabilità e conflitti. Secondo Tewodros, ex funzionario di ricerca junior della NBE con oltre 15 anni di esperienza, “quando il mercato ufficiale funziona male, il ruolo del mercato nero diventa dannoso.
Fikru concorda con questa analisi, raccontando come il tasso di cambio sul mercato nero sia salito a livelli senza precedenti nel giro di pochi giorni dopo la presa di Mekelle da parte della Forza di Difesa Nazionale etiope, a fine novembre 2020. “Molti si sono affrettati a convertire le loro attività finanziarie, per lo più denominate in valuta locale, con conseguente impennata del mercato parallelo”, ricorda.
Indipendentemente dalle fonti del problema, gli esperti indicano che l’impatto del deprezzamento della valuta è avvertito da tutti sotto forma di prezzi più alti. Questo perché gli importatori, che acquistano forex dal mercato nero a costi gonfiati, finiscono per trasferire le loro perdite ai consumatori attraverso l’aumento dei prezzi.
Un rapporto del Servizio Statistico Etiope rivela statistiche preoccupanti, con un’inflazione media annua che ha superato il 20% dal 2019. A maggio 2023, l’indice dei prezzi al consumo (CPI) ha registrato un aumento impressionante del 30,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I prodotti alimentari essenziali come pomodori, cipolle, patate, carne, latte e uova hanno subito le maggiori impennate dei prezzi, mentre i prodotti non alimentari come abbigliamento, calzature, materiali da costruzione e carburante hanno subito anch’essi notevoli aumenti.
Per far fronte alla carenza di valuta estera, il governo ha attuato diverse misure. Nell’ottobre 2022 sono stati congelati oltre 1.000 conti bancari e sono stati chiusi i negozi sospettati di essere coinvolti nel mercato nero. A ciò ha fatto seguito il divieto di importazione di 38 beni non essenziali, ordinando alle banche commerciali di non emettere più lettere di credito per articoli come sigarette e whisky. Tuttavia, gli esperti sottolineano l’importanza di concentrarsi su riforme economiche globali, piuttosto che affrontare solo i problemi immediati.
L’agenda di riforme economiche nazionali è stata una delle principali iniziative lanciate nel 2019 dall’amministrazione del Primo Ministro Abiy Ahmed (PhD). L’obiettivo è quello di trovare soluzioni sostenibili agli squilibri forex, eliminando le distorsioni politiche nel mercato forex e consentendo al tasso di cambio di essere determinato sulla base dei fondamentali economici. Tuttavia, molti di questi compiti rimangono incompleti a causa della pandemia COVID-19 e dei conflitti interni nella parte settentrionale del Paese.
“Se queste riforme fossero state pienamente attuate, l’attuale situazione macroeconomica sarebbe diversa”, ha affermato Tewodros.
Ciononostante, il governo si sta preparando a riprendere la seconda fase dell’agenda di riforme economiche nazionali. Due settimane fa si sono tenute le consultazioni tra il governo e il comitato esecutivo del Development Assistance Group (DAG) sulle riforme economiche che si prevede di attuare nei prossimi tre anni.
Fonti vicine alla questione hanno rivelato ad Addis Standard che i negoziati tra il governo e le istituzioni di Bretton Woods includono discussioni sulla necessità di svalutare la moneta locale. Gli esperti della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale (FMI) spingono per una maggiore svalutazione, mentre i funzionari governativi sono scettici a causa delle preoccupazioni sull’inflazione e sull’aumento della spesa pubblica. L’ultima svalutazione del birr è avvenuta nell’ottobre 2017, per un valore di circa il 15%.
Naturalmente, secondo l’esperto, qualsiasi svalutazione del birr sarà dolorosa per l’intera nazione. Ma a prescindere dal dolore, dobbiamo mordere il freno e procedere ad affrontare il disallineamento del tasso di cambio in modo sostenibile”.
Attualmente, l’Etiopia mantiene un tasso di cambio controllato per la sua valuta locale, indebolendola gradualmente rispetto alle principali valute mondiali. Tuttavia, la Banca Mondiale e il FMI hanno sollecitato il passaggio a un tasso di cambio fluttuante per smantellare efficacemente il mercato parallelo e stabilire un regime di cambio stabile. Secondo un articolo pubblicato sul sito ufficiale della Banca Mondiale nel gennaio 2023, Dilip Ratha, economista capo della Banca Mondiale, e i suoi colleghi hanno identificato le restrizioni sui capitali esistenti e la prevalenza di tassi di cambio multipli come fattori che contribuiscono alla diminuzione del flusso di capitali in Etiopia attraverso i canali formali.
Secondo Tewodros, è fondamentale agire rapidamente. “Poiché il divario tra il mercato ufficiale e quello parallelo continua ad aumentare, le opzioni disponibili per il governo stanno diventando scarse.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito