Lunga strada per la DRC per rinegoziare l’accordo sui minerali con la Cina

Un massiccio accordo “risorse in cambio di infrastrutture” tra la Cina e la Repubblica Democratica del Congo è stato criticato da Kinshasa perché troppo favorevole a Pechino. Il Presidente Felix Tshisekedi si è recato sul posto a maggio per riequilibrare il contratto. Tre mesi dopo, i gruppi della società civile congolese sono arrabbiati per quella che definiscono una mancanza di trasparenza sui negoziati in corso.

“È inaccettabile che si siano concessi così tanti vantaggi mentre il Paese non ottiene nulla in cambio”, ha dichiarato Jules Alingete Key, revisore dei conti dell’ispettorato delle finanze congolese.

Egli si riferisce a un accordo firmato tra la Cina e la Repubblica Democratica del Congo (RDC), nel 2008, che è stato rinegoziato su richiesta del governo congolese per riflettere un più equo riequilibrio dei profitti.

L’accordo Sino-Congolais des Mines (Sicomines), un accordo di risorse in cambio di infrastrutture, è una sorta di baratto stipulato tra la RDC e la Cina, che consente a quest’ultima di estrarre cobalto, rame e altri minerali in cambio di investimenti infrastrutturali nel Paese.

Definito “l’affare del secolo”, è il più grande contratto che la Cina abbia mai stipulato con un partner africano. In cambio dello sviluppo di infrastrutture – dagli ospedali alle strade – per un ammontare di 3 miliardi di dollari, ai partner cinesi è stato concesso l’accesso minerario a depositi di cobalto e rame, valutati circa 93 miliardi di dollari, intorno a Kolwezi, nel sud-est della RDC.

La RDC possiede le maggiori riserve mondiali di cobalto, un componente essenziale utilizzato per le auto elettriche.

La joint-venture Sicomines è composta da una quota del 68% per il Gruppo di imprese cinesi (GEC) e dal 32% per Gécamines, la società mineraria nazionale congolese.

L’accordo è stato firmato sotto la presidenza di Joseph Kabila e, già all’epoca, ha sollevato preoccupazioni tra le organizzazioni della società civile e le istituzioni finanziarie internazionali come il Fondo Monetario Internazionale (FMI). L’intenzione di Kabila era quella di portare investimenti nella RDC senza aumentare il debito estero.

Dopo l’elezione del Presidente Etienne Tshisekedi, nel maggio 2021 ha deciso di rivalutare completamente l’Accordo di Sicomines.

Audit statale schiacciante

Il 15 febbraio 2023, Jules Alingete Key, capo dell’Inspection générale des finances (IGF) congolese, ha pubblicato un rapporto di revisione contabile da cui risulta che negli ultimi 15 anni sono stati effettivamente spesi solo 822 milioni di dollari per lo sviluppo degli investimenti, a fronte dei 3 miliardi di dollari promessi.

“Il modo in cui è stato elaborato questo accordo è simile a un’inaccettabile colonizzazione economica. Pertanto, è necessario un risarcimento”, ha dichiarato Alingete.

“Chiediamo alla Sicomines di dare, nel 2023, almeno un miliardo di dollari ai suoi partner congolesi per risolvere i ritardi negli investimenti infrastrutturali concordati nel contratto”.

L’ambasciata cinese a Kinshasa ha respinto il rapporto di audit, sostenendo che non corrisponde alla realtà. Ha aggiunto che la joint-venture è un partenariato vantaggioso per tutti. Anche la Sicomines ha espresso obiezioni sul contenuto del rapporto.

In occasione della sua prima visita ufficiale in Cina nel maggio 2023, Tshisekedi ha proposto di rivedere l’accordo con Sicomines per renderlo più favorevole agli interessi del Congo.

Per la RDC, la rinegoziazione del contratto comporta un aumento delle quote di Sicomines dal 32% al 70% e una riduzione delle quote della Cina dal 68% al 30%.

“Chiediamo che le opere infrastrutturali siano realizzate in egual misura sia dalle imprese congolesi che da quelle cinesi. È inaccettabile che tutti i lavori siano affidati a società cinesi che applicano tariffe eccessive e intascano profitti significativi”, ha dichiarato Alingete.

La RDC intende chiedere un risarcimento.

“I minerali estratti da Sicomines sono venduti a metà prezzo a società cinesi che sono anche azioniste di Sicomines. Ciò ha comportato una perdita di 7 miliardi di dollari per Gécamines, il partner congolese dell’accordo”, ha aggiunto Alingete.

Negoziati opachi

Ma la società civile congolese non è soddisfatta dei progressi compiuti finora.

“Il governo è in questa commissione con la controparte cinese e sta negoziando da tre mesi. Ma il popolo congolese non ha idea di cosa si stia discutendo, né di cosa ne uscirà”, ha dichiarato Florimond Muteba, responsabile di Odep, una ONG congolese che si occupa di finanza pubblica.

Muteba ha detto a Pascal Mulegwa di RFI a Kinshasa che i politici che hanno negoziato il contratto nel 2008 sono responsabili del suo esito disastroso.

“C’era un presidente coinvolto, un primo ministro e anche dei ministri. Dovrebbero essere citati in giudizio e pagare per i torti subiti dal popolo congolese”, ha detto.

Quanto è stato fatto

Nel suo audit, Alingete ha sottolineato che gli 822 milioni di dollari attribuiti dalla Sicomines allo sviluppo delle infrastrutture sono stati ampiamente gonfiati e non riflettono quanto è stato realizzato sul campo.

Cita come esempio l’ospedale Cinquentenaire di Kinshasa e i 114 milioni di dollari spesi per la sua ristrutturazione. Ma questo significherebbe un investimento di 200 mila dollari per letto, ha detto l’associazione per i diritti umani Asadho.

Dieci milioni di dollari sono stati destinati alla costruzione dello stadio di Bukavu a Nyatende. L’audit statale ha dichiarato che, in effetti, sono stati spesi 3 milioni di dollari per lo stadio che, oggi, è ancora in costruzione mentre avrebbe dovuto essere pronto nel 2019.

Gli aeroporti di Goma e Bukavu non sono mai stati ristrutturati. Le dighe idroelettriche di Kakobola e Ketende non sono mai state costruite. E dei 3.656 chilometri di strade promesse, solo 536 chilometri sono stati costruiti.

Nel 2011, un consulente del Ministero delle Finanze congolese ha dichiarato all’organizzazione di advocacy Global Witness che la RDC era in una posizione di grande debolezza quando è stato negoziato l’accordo, “come un uomo malato”.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito