Cina e Wagner in Africa: Amici o nemici?

L'”amicizia senza limiti” della Cina con la Russia potrebbe essere messa alla prova in Africa, dove gli interessi economici di lunga data di Pechino rischiano di scontrarsi con la crescente impronta del gruppo paramilitare Wagner di Mosca.

Il più recente punto di potenziale attrito è il Niger, dove i leader di un colpo di Stato militare del 26 luglio, secondo quanto riportato dall’Associated Press, avrebbero chiesto aiuto a Wagner per consolidare il loro potere.

È improbabile che questa notizia sia stata accolta con favore a Pechino, dove la settimana scorsa un portavoce del ministero degli Esteri ha descritto il presidente deposto, Mohamed Bazoum, come “un amico della Cina” e ha detto che il Paese sperava in una soluzione politica della crisi.

Gli interessi divergenti si estendono ben oltre il Niger, dato che il Gruppo Wagner sta espandendo il suo raggio d’azione in tutto il Sahel, spesso scambiando i suoi servizi di sicurezza con l’accesso ai ricchi giacimenti minerari e ad altre risorse della regione.

Il Niger, ad esempio, è tra i maggiori produttori mondiali di uranio.

Anche la Cina ha ingenti investimenti nella regione e gli analisti sono divisi su come i cinesi vedono i mercenari. Se da un lato Wagner potrebbe rafforzare la sicurezza permettendo ai cinesi di fare affari in Paesi pericolosi, dall’altro Pechino apprezza la stabilità e compete per alcune delle stesse risorse.

Pro e contro
“I progetti cinesi possono aver beneficiato della sua presenza. Ma in alcuni altri casi, la Cina ne ha anche sofferto”, ha detto Yun Sun, direttore del programma Cina dello Stimson Center, a proposito di Wagner in Africa.

Ha osservato che è stato ampiamente ipotizzato che Wagner sia responsabile della morte di nove cittadini cinesi in una miniera nella Repubblica Centrafricana, o RCA, all’inizio di quest’anno. Dopo l’incidente, gruppi di ribelli della RCA e diversi funzionari occidentali hanno dichiarato al New York Times di ritenere che dietro l’attacco armato ci fosse Wagner o persone locali sostenute da Wagner.

Il mese scorso, però, Wagner ha pubblicato sul suo canale Telegram un messaggio in cui affermava di aver salvato un gruppo di minatori cinesi in RCA su richiesta dell’ambasciata cinese.

Alessandro Arduino, docente affiliato al Lau China Institute e al King’s College di Londra, ha osservato che la sicurezza è essenziale per l’iniziativa infrastrutturale Belt and Road della Cina in Africa.

“Il coinvolgimento di Wagner potrebbe fornire una breve parentesi di stabilità rafforzata da mezzi militari – una soluzione intrinsecamente delicata e transitoria per la Cina. In realtà, potrebbe potenzialmente trasformarsi in una minaccia, soprattutto se dovessero sorgere conflitti sui diritti minerari”, ha dichiarato a VOA.

“In questo contesto, le imprese cinesi impegnate nel settore minerario potrebbero stipulare accordi provvisori per salvaguardare la loro forza lavoro e i loro beni, ma gli accordi con i mercenari potrebbero subire un’improvvisa inversione di rotta, e persino il presidente russo Vladimir Putin ha imparato questa lezione”.

Darren Olivier, direttore della società di ricerca sui conflitti African Defense Review, ha dichiarato a VOA: “È difficile sapere con certezza cosa la Cina pensi di Wagner”.

A lungo termine, ha detto, è probabile che Pechino veda la Wagner “come un ostacolo alle proprie ambizioni e allo stesso tempo preferisca che rimanga in vigore in alcuni Paesi ad alto rischio per ora, in modo da continuare a proteggere gli interessi stranieri, compresi quelli della Cina, fino a quando non sarà possibile implementare approcci alternativi”.

Paul Nantulya, ricercatore associato presso l’Africa Center for Strategic Studies, ha affermato che non c’è il rischio che la Cina crei una propria versione di Wagner.

“La Cina vuole dimostrare che le sue attività sono al di sopra delle regole, che rispettano le leggi e i regolamenti locali”, ha affermato. “La Cina è molto più sensibile alla sua reputazione in Africa rispetto alla Russia”.

Nantuyla ha osservato che le imprese di sicurezza cinesi che operano nel continente offrono servizi di consulenza, vendono attrezzature e addestrano le forze di sicurezza locali, ma non sono così operative come i gruppi come Wagner che sono coinvolti in pesanti combattimenti.

“Solo in pochi casi, ad esempio in Sudan, sono state coinvolte nel salvataggio di ostaggi e cose del genere”, ha proseguito, aggiungendo che alcune si occupano di scorte marittime antipirateria.

Gli analisti non vedono alcuna indicazione che i mercenari Wagner si ritirino presto dall’Africa. Nonostante il suo apparente esilio in Bielorussia, il capo della Wagner Yevgeny Prigozhin – il cui ammutinamento abortito a fine giugno ha messo in discussione il comando militare russo, innervosendo il Cremlino – è stato visto partecipare al vertice Russia-Africa di Putin a San Pietroburgo il mese scorso, intrattenendosi con funzionari africani.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito