Sanzioni alla Russia: Aumentano i flussi di prodotti petroliferi russi verso l’Africa

Tunisia, Nigeria, Marocco, Libia ed Egitto vedono un massiccio aumento delle importazioni La Russia punta a mercati alternativi dopo l’invasione dell’Ucraina Il taglio delle esportazioni olandesi in Africa favorisce l’aumento delle forniture russe Dopo l’invasione dell’Ucraina, le esportazioni di prodotti raffinati della Russia verso l’Africa, colpita dalle sanzioni, sono salite alle stelle, aumentando di 14 volte in poco più di un anno, a seguito di un attacco diplomatico al continente da parte dei funzionari russi.
Prima della guerra, la Russia esportava 33.000 b/g di prodotti raffinati in Africa, in gran parte benzina.
A marzo 2023, le esportazioni erano salite a 420.000 b/g. A dimostrazione della geopolitica in atto, le spedizioni verso Paesi come Nigeria, Tunisia e Libia hanno subito un’impennata a febbraio, quando l’Unione Europea ha imposto un embargo sui prodotti russi.
L’embargo ha fatto seguito alle decisioni indipendenti di molti Paesi occidentali di bloccare le importazioni di petrolio russo. Queste sanzioni hanno costretto la Russia a reindirizzare volumi significativi di esportazioni di petrolio verso mercati alternativi, tra cui l’Africa. Anche India, Cina e Turchia stanno diventando mercati di esportazione sempre più importanti.
Secondo gli esperti, dall’inizio dell’invasione dello scorso anno si è sviluppata una nuova “corsa all’Africa”, con Russia, Cina, Stati Uniti, Turchia, Paesi del Golfo ed ex potenze coloniali, Gran Bretagna e Francia, che si contendono l’influenza sul continente in più rapida crescita del mondo.
Offensiva di fascino L’anno scorso Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha visitato sette Paesi africani nell’arco di un mese nel tentativo di rafforzare i legami con i Paesi chiave e aprire nuovi mercati per i prodotti petroliferi russi, ha dichiarato Timur Kulakhmetov, analista indipendente della Russia, a S&P; Global Commodity Insights.
Nel frattempo, i mercenari russi del Gruppo Wagner hanno fornito sicurezza ai governanti africani in cambio di lucrosi contratti minerari e le compagnie energetiche russe hanno puntato a investire nel continente. All’Assemblea generale delle Nazioni Unite di marzo, 22 Paesi africani si sono rifiutati di condannare l’invasione su larga scala di Vladimir Putin.
Forse la prova più evidente del rafforzamento dei legami è rappresentata dalle esportazioni di prodotti raffinati russi da quando il 5 febbraio è entrato in vigore un embargo dell’UE sulle importazioni della maggior parte dei prodotti petroliferi russi. Contemporaneamente è stato introdotto un tetto massimo di prezzo di 100 dollari al metro cubo per i prodotti russi che di solito vengono commercializzati a un prezzo superiore a quello del greggio, come la benzina e il gasolio.
Questo ha lasciato Mosca “in difficoltà nel mantenere un punto d’appoggio nella scala delle materie prime, cercando nuovi mercati per le esportazioni di prodotti di base”, ha detto Kulakhmetov.
Nella stessa data è entrato in vigore un tetto massimo di prezzo di 45 dollari al barile per i prodotti petroliferi scambiati a sconto rispetto al greggio.
Sebbene i flussi di prodotti raffinati russi siano leggermente diminuiti dopo l’invasione del febbraio 2022, hanno raggiunto un massimo di sette anni di 1,9 milioni di b/d nel marzo 2023.
E mentre le spedizioni verso i Paesi europei, come Francia e Belgio, si sono ridotte negli ultimi mesi, quelle verso i Paesi africani, in particolare quelli settentrionali, sono salite alle stelle, soprattutto dopo l’entrata in vigore dell’embargo UE sulle importazioni di prodotti.
La Russia era “un fornitore di prodotti chiave per il mercato europeo prima delle sanzioni, soprattutto per quanto riguarda il diesel, l’olio combustibile e la nafta”, ha dichiarato Rebeka Foley, analista senior dei mercati petroliferi a breve termine, presso S&P; Global.
Ma il mercato si è riequilibrato: alla luce delle sanzioni, più gasolio russo si è diretto verso l’Africa, la Turchia, il Medio Oriente e l’America Latina”.
Nel primo trimestre del 2022, la Tunisia ha importato solo 2.700 b/g di prodotti russi, ma la cifra è salita a 66.300 b/g nel primo trimestre di quest’anno, secondo i dati di S&P; Global Commodities at Sea, mentre la Nigeria – il più grande produttore di petrolio dell’Africa e la nazione più popolosa – ha visto le importazioni aumentare di quasi cinque volte rispetto all’anno precedente, fino a 57.400 b/g nel primo trimestre del 2023.
Anche Marocco, Libia ed Egitto hanno registrato un forte aumento delle importazioni russe. “La raffica di attività diplomatiche di Lavrov lo dimostra chiaramente. Questi passi riguardano la Russia che cerca percorsi alternativi per le sue esportazioni di materie prime”, ha aggiunto Kulakhmetov. Pertanto, gli Stati nordafricani stanno svolgendo un ruolo significativo per la Russia nel mitigare le implicazioni del divieto di esportazione di petrolio e prodotti petroliferi”.
Al centro dei nuovi flussi c’è Litasco, il braccio commerciale con sede a Ginevra della compagnia petrolifera russa Lukoil, attiva in Africa da decenni. Anche Vitol e Guvnor, di proprietà occidentale, hanno continuato a spedire prodotti russi. Inoltre, negli ultimi mesi sono sorte entità commerciali negli Emirati Arabi Uniti, a Hong Kong e a Singapore.
Il riorientamento dei flussi di prodotti è stato favorito dal calo delle importazioni in Africa di benzina olandese, dopo che le autorità di regolamentazione dei Paesi Bassi hanno imposto nuove regole sul contenuto di zolfo, benzene e manganese per le esportazioni di carburante. A loro volta, alcuni Paesi africani, come il Marocco, hanno visto aumentare le proprie esportazioni di prodotti raffinati, alimentando le accuse di riesportare i prodotti russi in Europa. “I destinatari africani dei combustibili fossili russi li hanno miscelati con altri prodotti petroliferi e li hanno riesportati in altri Stati, principalmente in Europa”, ha dichiarato Kulakhmetov.
Prima della guerra, il Marocco non esportava benzina, gasolio o nafta, ma nel 2023 ne ha fornito quantità piuttosto elevate in Europa. Il Marocco sarebbe l’unico Paese africano ad aver fornito armi all’Ucraina. Secondo i dati, a giugno il Paese nordafricano ha spedito 61.400 b/g alla Spagna.
I numeri reali potrebbero essere ancora più alti, a causa dell’aumento dei trasferimenti da nave a nave.
Un’indagine di S&P; Global Market Intelligence ha rilevato un aumento del 225% a livello globale della pratica oscura di spegnere i sistemi di identificazione automatica delle navi, che tracciano le spedizioni di petrolio, da prima delle sanzioni alla Russia.
La Russia è riuscita a trovare nuovi mercati per le sue principali esportazioni di prodotti raffinati e questi nuovi flussi commerciali rappresentano cambiamenti strutturali del mercato che sono destinati a rimanere”, ha dichiarato Foley, che però ha ammonito: “Da quando sono iniziate le sanzioni, il mercato è certamente diventato più oscuro e difficile da tracciare”.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito