I BRICS si riuniranno in Sudafrica; Putin non parteciperà

I leader di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica (BRICS) si riuniranno in Sudafrica la prossima settimana per discutere della creazione di una forza globale di nazioni che rappresentano un quarto dell’economia del Paese per sfidare il dominio dell’Occidente.

Il Presidente russo Vladimir Putin non parteciperà all’incontro. La Corte penale internazionale (CPI) ha emesso un mandato di arresto contro Putin. Nel frattempo, i leader dei BRICS stanno valutando la possibilità di ampliare l’adesione al blocco per includere diverse nazioni del “Sud globale” disposte ad aderire.

Il vertice dei BRICS si terrà in Sudafrica dal 22 al 24 agosto e vedrà la partecipazione del presidente cinese Xi Jinping, del presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva e del primo ministro indiano Narendra Modi.

Il fattore fondamentale che unisce i BRICS, altrimenti molto distanti geograficamente e con economie distinte, è la sfiducia verso un ordine globale che essi percepiscono come al servizio degli interessi degli Stati Uniti e dei loro alleati dei Paesi ricchi, che approvano standard internazionali che applicano ma che occasionalmente disattendono.

Non ci sono molte informazioni su ciò di cui si parlerà, ma secondo il Sudafrica, oltre 40 Paesi hanno espresso interesse a partecipare, in modo formale o informale. Tra questi, Arabia Saudita, Argentina ed Egitto.

Il Brasile si oppone all’allargamento dei BRICS perché teme che possa indebolire il prestigio del già ingombrante club. La Cina vuole ampliare rapidamente il blocco nel tentativo di aumentare il proprio potere geopolitico in lotta con gli Stati Uniti.

Il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato, in una risposta scritta alle domande della Reuters, di “sostenere i progressi nell’espansione dell’adesione e di accogliere altri partner che condividono le stesse idee per unirsi alla ‘famiglia BRICS’ in tempi brevi”.

Il Sudafrica, il più importante alleato della Russia in Africa, è desideroso di accogliere nuovi membri mentre la Russia cerca alleati per superare l’isolamento diplomatico sull’Ucraina.

L’India è indecisa.

BRICS – Obiettivo della riforma della governance globale
Questo è il 15° vertice del blocco con il tema “BRICS e Africa”, un omaggio ai suoi ospiti africani. Il tema sottolinea come il gruppo possa stringere relazioni con un continente che si sta rapidamente trasformando in un campo di battaglia per il dominio globale.

In un apparente attacco all’egemonia occidentale, il ministro degli Esteri sudafricano Naledi Pandor ha dichiarato la scorsa settimana che i Paesi BRICS vogliono dimostrare “una leadership globale nell’affrontare i bisogni… della maggior parte del mondo, in particolare… lo sviluppo e l’inclusione del Sud globale nei sistemi multilaterali”.

I Paesi BRICS sono desiderosi di posizionarsi come partner di sviluppo alternativi all’Occidente. Il Ministero degli Esteri cinese ha dichiarato che l’obiettivo dei BRICS è quello di “riformare i sistemi di governance globale (per) aumentare la rappresentanza… dei Paesi in via di sviluppo e dei mercati emergenti”.

La Nuova Banca di Sviluppo (NDB) del blocco, dedollarizzando il settore bancario e fornendo un’alternativa alle istituzioni di Breton Woods, pesantemente condannate, mira a rispondere alle critiche rivolte al dollaro.

Tuttavia, in oltre dieci anni, ha concesso solo 33 miliardi di dollari in prestiti, ovvero circa un terzo dell’importo che la Banca Mondiale aveva promesso di erogare solo l’anno scorso. Inoltre, di recente è stata limitata dalle sanzioni imposte alla Russia, suo membro.

Secondo i funzionari sudafricani, la moneta dei BRICS, proposta dal Brasile all’inizio dell’anno come possibile alternativa all’egemonia del dollaro, non è in programma.

Con il 40% della popolazione mondiale, i Paesi BRICS ad alta intensità di carbonio sono responsabili di circa la stessa quantità di emissioni di gas serra. Il cambiamento climatico potrebbe essere affrontato, ma i funzionari di Brasile, Cina e Sudafrica hanno dichiarato di non volerne dare la priorità.

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito