India e Cina ammorbidiscono i toni sui confini in vista di possibili incontri tra Modi e Xi ai BRICS e al G20

I comandanti delle forze armate indiane e cinesi hanno concordato di lavorare rapidamente per risolvere una disputa di confine, ponendo le basi per un potenziale incontro tra il Primo Ministro Narendra Modi e il Presidente Xi Jinping in occasione di vertici chiave nelle prossime settimane.

I vicini asiatici dotati di armi nucleari, che condividono un confine conteso lungo 3.488 km (2.167 miglia), sono bloccati nella peggiore disputa territoriale degli ultimi quarant’anni a causa di uno scontro mortale avvenuto nel 2020. Diverse tornate di colloqui tra le due parti hanno fatto pochi progressi per ritirare le migliaia di soldati, missili e jet da combattimento posizionati vicino al confine himalayano.

Per le ultime notizie, seguite il nostro canale Google News online o tramite l’app.

L’ultimo round di colloqui militari è avvenuto pochi giorni prima che Modi e Xi si incontrassero di persona alla riunione dei capi di Stato di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica e alla riunione dei leader del Gruppo dei Venti che si terrà a settembre e che Nuova Delhi ospiterà. È stata rilasciata una dichiarazione congiunta, cosa che è accaduta solo otto volte su 19 colloqui.

Secondo la dichiarazione rilasciata dopo l’incontro del 13-14 agosto, entrambe le parti hanno concordato di risolvere le questioni rimanenti lungo la linea di controllo effettiva nel settore occidentale in modo rapido e di mantenere la pace al confine nel frattempo. Anche se non si tratta di una svolta, il cambiamento di linguaggio segnala una maggiore apertura a negoziare.

I comandanti di India e Cina hanno avuto una “discussione positiva, costruttiva e approfondita sulla risoluzione delle questioni rimanenti lungo la Linea di controllo effettiva, che si riferisce al confine conteso”, si legge nel comunicato.

Un gruppo di pressione statunitense con interessi commerciali in India ha affermato che Nuova Delhi deve bilanciare le sue relazioni con la Cina, poiché lo stallo del confine sta distraendo l’amministrazione di Modi dagli investimenti nelle infrastrutture e nell’istruzione.

Il mese scorso, il governo indiano ha riconosciuto che Modi e Xi hanno discusso di legami bilaterali in occasione del vertice del G20 dello scorso anno, il loro primo contatto ufficiale dopo lo scontro sul confine. I commenti andavano oltre la precedente dichiarazione di Nuova Delhi, secondo cui i leader si erano scambiati dei convenevoli.

L’ammissione è arrivata dopo una lettura cinese di una discussione tra il consigliere per la sicurezza nazionale indiano Ajit Doval e il suo omologo cinese durante una conferenza BRICS a Johannesburg il mese scorso. La dichiarazione di Pechino sembra essere una reazione ai commenti fatti da Doval durante l’incontro, secondo cui la disputa sui confini avrebbe “eroso la fiducia strategica” tra i due vicini dotati di armi nucleari.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito