Qual è il futuro dei BRICS?

Il 22 agosto si terrà a Johannesburg il 15° vertice annuale dei BRICS, un gruppo che comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Per la prima volta uno dei leader del blocco sarà assente. In qualità di padrone di casa, il presidente del Sudafrica, Cyril Ramaphosa, ha ritenuto di avere la responsabilità di accogliere il suo omologo russo, Vladimir Putin. Ma in quanto firmatario dello Statuto di Roma, il trattato che ha istituito la Corte penale internazionale, il suo dovere è stato quello di detenere Putin in base al mandato di arresto della Corte e di inviarlo all’Aia per essere processato per crimini di guerra. Il leader russo ha dichiarato che si terrà alla larga. Ma il dilemma di Ramaphosa fa parte di una più ampia lotta tra i membri dei BRICS su come rendere il gruppo geopoliticamente rilevante. Cosa unisce i BRICS e quanto conta il gruppo?

Le alleanze di solito nascono dagli interessi comuni dei loro membri. Non è così per i BRICS. L’acronimo è stato coniato nel 2001 dalla banca Goldman Sachs come strumento di marketing per attrarre investimenti in quattro dei più grandi Paesi a medio reddito in rapida crescita del mondo (il Sudafrica non faceva inizialmente parte del club). Nel 2006 la banca ha aperto un fondo azionario per gli investitori nei BRIC.

I membri del gruppo differiscono profondamente. Brasile, India e Sudafrica sono democrazie. Russia e Cina non lo sono. Russia, Cina e India hanno armi nucleari. Brasile e Sudafrica no. Brasile e Russia esportano prodotti di base. La Cina li importa. L’economia cinese è più grande di quella degli altri paesi messi insieme. Ha una lunga disputa di confine con l’India, che è esplosa nel 2020 uccidendo 24 soldati. Nel 2015 Goldman ha chiuso il suo fondo BRIC. Tre anni dopo l’Economist si è chiesto: “A qualcuno interessano ancora i BRICS?”.

Ai suoi leader sicuramente sì. Per Brasile, India e Sudafrica, il gruppo è un modo per ottenere un accesso privilegiato alla Cina, che non potrebbero avere, ad esempio, al G20 (il gruppo delle 20 maggiori economie). Per la Russia, il club è una difesa contro lo status di paria. La Cina era adatta a un club di grandi Paesi in via di sviluppo non allineati, almeno fino a quando Xi Jinping, il suo presidente, non ha reso la sua politica estera più apertamente conflittuale e antiamericana. Tutti e cinque ritengono auspicabile un mondo multipolare, meno dominato dall’America.

Nel 2009 i leader hanno tenuto il loro primo vertice. Nel 2014 hanno creato un istituto di credito multilaterale chiamato Nuova Banca di Sviluppo (NDB), con sede a Shanghai. Benché modesta (nel 2022 aveva un patrimonio di 25 miliardi di dollari, meno di un decimo del totale della Banca Mondiale), la NDB fa parte di un tentativo di sfidare il dominio globale del dollaro; mira a erogare il 30% dei prestiti nelle valute dei suoi mutuatari. Nel 2020 i BRICS supereranno i maggiori Paesi industriali del Gruppo dei Sette (G7) in termini di dimensioni economiche misurate in parità di potere d’acquisto.

Tutto ciò ha suscitato l’interesse di altri Paesi. Secondo l’ambasciatore del Sudafrica presso l’organizzazione, decine di paesi si sono candidati o stanno pensando di aderire. Un consigliere del presidente iraniano definisce l’adesione ai BRICS “il prossimo passo” nella politica estera del suo Paese. Anche Argentina, Indonesia, Arabia Saudita, Siria, Turchia e Venezuela sarebbero in lizza. Bangladesh, Egitto ed Emirati Arabi Uniti hanno già aderito alla NDB (che è formalmente separata). Se tutti questi Paesi si unissero, i BRICS rappresenterebbero la metà della popolazione mondiale.

I fondatori dei BRICS sono divisi sulla prospettiva di espansione. Cina e Russia vogliono nuovi membri. I criteri e le procedure di espansione sono stati all’ordine del giorno del vertice dello scorso anno. I nuovi membri, soprattutto i candidati apertamente antiamericani come l’Iran, aumenterebbero l’influenza della Cina e renderebbero i BRICS più un accordo antiamericano. Putin vede in un BRICS più grande un modo per compensare l’alleanza occidentale contro la Russia. Ma per le stesse ragioni, l’espansione è meno gradita a Brasile e India. Non vogliono che il club sia più centrato sulla Cina, né che diventi un rivale palese dell’Occidente, con il quale hanno rapporti migliori rispetto a Cina e Russia. Il vertice di Johannesburg difficilmente potrà evitare di discutere dell’espansione. Quale opinione prevarrà determinerà la forma futura del blocco.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito