ENI acquista asset di gas in Algeria ed Egitto, rinuncia al “Pure Oil Play” in Congo

Nella stessa settimana, l’ENI ha annunciato la vendita di giacimenti petroliferi a Perenco in Congo per 300 milioni di dollari e l’acquisizione di una parte di Neptune Energy, che detiene grandi risorse di gas in Algeria e in Egitto, per 4,9 miliardi di dollari.
Quest’ultima è considerata più critica per il futuro a medio termine dell’azienda italiana, che punta a liberare l’Europa dalla dipendenza dal gas russo.
L’azienda non ha fatto il nome dei giacimenti congolesi, che aveva in vendita da tempo prima di trovare un acquirente nella Perenco, il più grande produttore indipendente di idrocarburi in Africa.
Gli asset gestiti dall’ENI in Congo includono Néné-Banga Marine e Litchendjili (Blocco Marine XII, 65%), Zatchi (55,25%), Loango (42,5%), Ikalou (85%), Djambala (50%), Foukanda (58%), Mwafi (58%), Kitina (52%), Awa Paloukou (90%), M’Boundi (83%) e Kouakouala (75%). Le partecipazioni non operative dell’esploratore italiano includono Yanga Sendji (29,75%) e Likouala (35%).
L’acquisto dell’indipendente Neptune Energy, con sede a Londra, porta con sé una partecipazione del 35% e la gestione del progetto Touat da 400 milioni di piedi cubici standard al giorno (400MMscf/d). Inoltre, l’acquisizione di Neptune Energy comporta la partecipazione in giacimenti di idrocarburi nel deserto egiziano e la gestione di una licenza di esplorazione nel Golfo di Suez.
Sebbene la transazione di Neptune comprenda proprietà nei Paesi Bassi, nel Mare del Nord britannico e norvegese (che è l’asset più importante dell’acquisto), oltre che in Indonesia e in Australia, Claudio Descalzi, amministratore delegato dell’ENI, ha tenuto a sottolineare che gli asset algerini erano fondamentali per la logica dell’accordo.
Neptune produce gas dall’impianto di Touat nell’ambito di una joint venture con Sonatrach ed ENGIE, che rappresenta un’importante fonte di approvvigionamento per l’Europa continentale. Groupement Touat Gaz è composto da Neptune Energy Touat (65%) e Sonatrach (35%). All’interno di Neptune Energy Touat, ENGIE detiene il 46% e Neptune il 54%. Operatori Groupement Touat Gaz Il giacimento di Touat è stato chiuso per tutto il 2022 per consentire l’aggiornamento degli impianti di lavorazione.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito