La Tanzania annuncia misure più severe in vista della carenza di dollari

Appena un paio di mesi dopo che la Presidente della Tanzania Samia Suluhu ha dichiarato con coraggio che il Paese si trovava in una buona situazione economica, ora sembra che abbia parlato troppo presto e potrebbe essere costretta ad ammettere le sue parole.

“Fratelli e sorelle, voglio dirvi che la Tanzania sta andando bene dal punto di vista economico. In tutta la regione dell’Africa orientale, siamo migliori di altri Paesi, nessuno vi menta. In questo momento, tutti i Paesi si lamentano della mancanza di dollari, mentre noi ne abbiamo abbastanza per quattro mesi”, ha detto Suluhu.

“Andate dai nostri vicini, non hanno nemmeno una scorta di due settimane. Ci chiedono di garantire le loro forniture di petrolio, ma noi facciamo finta che la situazione sia negativa anche per noi. Stiamo andando bene e la nostra economia sarà ancora più forte se rimarremo uniti”.

Tuttavia, le nuove misure adottate dalla Banca di Tanzania (BoT) hanno suggerito che il Paese potrebbe non trovarsi nella situazione migliore dal punto di vista economico e che potrebbe trovarsi ad affrontare anche un’incombente carenza di dollari.

In una dichiarazione rilasciata dal governatore Emmanuel Tutuba, la Banca di Tanzania ha dichiarato che queste nuove norme includono il divieto per i broker internazionali senza licenza di acquistare o vendere valuta estera nel Paese.

Il governatore Tutuba ha inoltre dichiarato che, d’ora in poi, tutte le transazioni in valuta estera superiori a 1 milione di dollari sul mercato al dettaglio dovranno essere negoziate sul mercato interbancario dei cambi al tasso prevalente.

La Banca Centrale ha aggiunto che le nuove misure entreranno in vigore a partire da giovedì 1 giugno 2022, sottolineando inoltre che esse mirano a salvaguardare la stabilità del sistema finanziario del Paese.

Il governatore Tutuba ha inoltre rivelato che le riserve valutarie della Tanzania sono scese da 5,5 miliardi di dollari nell’aprile dello scorso anno a 4,9 miliardi di dollari quest’anno, ma ha affermato che potrebbero durare altri 4-5 mesi.

Il Kenya è tra gli altri Paesi, come la Nigeria, il Malawi e lo Zimbabwe, che stanno lottando contro un’acuta carenza di dollari USA, attribuita alla pressione dei rimborsi del debito estero.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito