Nigeria e Angola sono ora i maggiori mercati di perforazione petrolifera dell’Africa subsahariana

Secondo un rapporto di Hawilti e Caverton Offshore Support Group Plc, quest’anno la Nigeria ha eguagliato l’Angola come principale mercato di perforazione petrolifera della regione subsahariana. La trivellazione petrolifera prevede l’estrazione di petrolio attraverso la perforazione di un pozzo nella crosta terrestre per raggiungere i depositi di combustibile fossile. Secondo il rapporto “Offshore Rigs Tracker” pubblicato lunedì, quest’anno sono stati messi sotto contratto 38 impianti di trivellazione al largo dell’Africa subsahariana. Questo dato segna un aumento rispetto al ritmo di attività registrato nel 2022 e all’inizio del 2023. Il rapporto rileva che da gennaio sono stati assegnati nuovi contratti di trivellazione in tutti i mercati consolidati e di frontiera, “confermando che il 2023 sarà uno degli anni più importanti per l’attività di trivellazione offshore nel continente da un decennio a questa parte”. “La Nigeria ha raggiunto l’Angola e ha conquistato la posizione di mercato più importante per le trivellazioni di quest’anno, con un totale di otto campagne di perforazione offshore confermate in entrambi i Paesi”, si legge nel rapporto. “Tuttavia, è probabile che l’attività rimanga più elevata in Angola, dato che la maggior parte delle campagne di trivellazione sono confermate fino alla seconda metà del 2024 per sostenere le trivellazioni esplorative, di riempimento e di sviluppo”. Il rapporto sottolinea che l’esplorazione costituisce una parte importante delle campagne di perforazione in corso e di quelle programmate per il 2023. “Mentre si attendono ancora i risultati delle campagne chiave in Gabon e Congo, sono stati firmati nuovi contratti da Eni per la perforazione della prospettiva Raia al largo del Mozambico e da Galp per unirsi alla frenesia del bacino di Orange al largo della Namibia e perforare due pozzi alla fine dell’anno”, si legge ancora nel rapporto. “TotalEnergies ha inoltre esteso il contratto della piattaforma Baltic al largo della Nigeria per la perforazione della prospettiva Ntokon Central nell’OML 102, mentre Shell ha scelto la Noble Voyager per la perforazione di un wildcat nella sua licenza C-10 al largo della Mauritania alla fine di quest’anno”. Mentre il settore attende i risultati delle campagne concluse e lo spudding dei tanto attesi pozzi, il rapporto afferma che “voci positive” stanno già circolando dalla Namibia, dove TotalEnergies ha valutato la sua scoperta Venus. Secondo il documento, la campagna sembra aver soddisfatto le aspettative e sarà seguita dalla perforazione di una nuova prospettiva – Nara – appena a ovest della scoperta esistente. “La major francese ha inoltre dichiarato che quest’anno trivellerà la prospettiva Niamou al largo del Congo-Brazzaville, in una mossa che potrebbe aprire una nuova provincia di acque profonde in Africa centrale”, si legge nel documento. Fonte

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito