La Belt and Road Initiative cinese riprende slancio e si concentra su progetti più piccoli e di alta qualità

Secondo un nuovo rapporto, nella prima metà del 2023 i progetti cinesi della Belt and Road hanno registrato una ripresa con una forte attenzione agli investimenti in metallo nell’Africa subsahariana.

L’iniziativa, che quest’anno compie 10 anni, sembra aver ripreso slancio dopo che la pandemia di Covid-19 ha rallentato le attività per tre anni.

Nei primi sei mesi di quest’anno sono stati firmati 103 accordi per un valore di 43,3 miliardi di dollari, rispetto ai 35 miliardi dello stesso periodo del 2022, secondo un rapporto del Centro per la finanza verde e lo sviluppo dell’Università di Fudan.

Avete domande sui temi e le tendenze più importanti di tutto il mondo? Trova le risposte con SCMP Knowledge, la nostra nuova piattaforma di contenuti curati con spiegazioni, FAQ, analisi e infografiche realizzate dal nostro pluripremiato team.

Il valore medio delle operazioni è sceso dai 617 milioni di dollari dell’anno scorso ai 392 milioni di quest’anno, il che significa che la media è quasi dimezzata rispetto al picco del 2018.

La Cina si è allontanata dai giganteschi progetti infrastrutturali che si sono rapidamente espansi nei primi cinque anni dell’iniziativa, e gli alti funzionari hanno dichiarato di volersi concentrare su operazioni di “alta qualità” e “piccole ma belle”. L’importo medio dei finanziamenti per i progetti di costruzione ha toccato il minimo di 327 milioni di dollari.

Il settore minerario e metallurgico è quello che ha registrato l’aumento maggiore dell’impegno, con investimenti e costruzioni nel settore che sono passati da una stima di 6,8 miliardi di dollari l’anno scorso a 10,5 miliardi di dollari quest’anno.

Secondo il rapporto, l’impegno è stato particolarmente forte in Africa e in America Latina. Bolivia, Tanzania, Namibia ed Eritrea sono stati tra i Paesi che hanno attratto il maggior numero di investimenti e costruzioni della Belt and Road nel periodo in questione.

La Cina è il più grande mercato al mondo per i veicoli elettrici e il più grande produttore di batterie agli ioni di litio. Per diversificare la sua catena di approvvigionamento, sta guardando attivamente all’Africa per metalli come il litio, il cobalto e il nichel, componenti fondamentali per le batterie.

Tra gli investimenti più importanti effettuati quest’anno nel continente figurano l’acquisizione da parte di Hainan Mining di una quota di maggioranza di una miniera di litio in Mali, la messa in funzione da parte di Huayou Cobalt di un impianto di lavorazione del litio del valore di oltre 300 milioni di dollari in Zimbabwe e una joint venture Cina-Namibia del valore di 94 milioni di dollari per lo sviluppo di una centrale eolica.

La Cina ospiterà il suo terzo Belt and Road Forum alla fine di quest’anno, dopo una pausa di quattro anni. Si prevede la partecipazione di decine di leader mondiali, in particolare dei Paesi in via di sviluppo.

La Cina ha ricevuto quasi 10 leader africani da quando il presidente Xi Jinping ha ripreso la diplomazia di persona lo scorso settembre, e la maggior parte di loro si è impegnata a rafforzare i partenariati della Belt and Road con Pechino. A maggio, inoltre, il Paese ha ospitato un’esposizione commerciale Cina-Africa nella provincia di Hunan, che ha portato a più di 150 accordi firmati o potenziali per un valore di circa 10 miliardi di dollari.

In totale, 52 Paesi africani e la Commissione dell’Unione Africana hanno firmato documenti di cooperazione con la Cina nell’ambito della Belt and Road.

Tuttavia, i critici hanno avvertito che l’iniziativa li rende vulnerabili alla trappola del debito, con molti Paesi che faticano a rimborsare i prestiti presi per finanziare i progetti infrastrutturali.

La Cina ha respinto queste accuse e l’anno scorso ha accettato di cancellare i prestiti senza interessi per 17 Paesi africani. A giugno ha inoltre concluso un importante accordo di ristrutturazione del debito con lo Zambia.

Anche l’ambasciatore della Tanzania in Cina, Mbelwa Kairuki, ha respinto la tesi della “trappola del debito” in un’intervista rilasciata a giugno al tabloid statale Global Times, affermando che la maggior parte dei debiti africani sono dovuti ad altri Paesi e istituzioni.

Il rapporto del Fudan ha anche rilevato un calo dell’impegno della Belt and Road in 26 Paesi, tra cui Russia e Pakistan.

Per il secondo anno la Russia continua a non vedere alcun impegno pubblico nell’ambito della Belt and Road Initiative, mentre l’importante Corridoio economico Cina-Pakistan ha registrato un calo di impegno del 74%.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito