Come la Tanzania può diventare la locomotiva dell’Africa

Per secoli, il commercio attraverso l’Oceano Indiano ha collegato l’Africa orientale, la penisola arabica e l’Asia.
Nell’ultimo decennio, l’espansione economica di Cina e India e i consistenti investimenti di Paesi arabi come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno fatto sì che questa rotta commerciale crescesse ulteriormente in modo esponenziale.
Tuttavia, emerge una domanda cruciale: quale Paese africano guiderà la carica dal continente nei prossimi anni?
Questa opportunità è rappresentata dalla Tanzania. Con un numero maggiore di Paesi confinanti e una popolazione più numerosa di qualsiasi altra nazione africana lungo l’Oceano Indiano, la Tanzania è ben posizionata per estendere ulteriormente la propria influenza.
Attualmente, i maggiori partner commerciali della Tanzania in termini di valore delle importazioni sono già la Cina, gli Emirati Arabi Uniti, l’India e l’Arabia Saudita. Le proiezioni indicano che la popolazione della Tanzania aumenterà di oltre il doppio, raggiungendo i 135 milioni di abitanti entro il 2050.
Sebbene la rapida crescita demografica possa porre sfide significative, l’impressionante crescita del PIL pro capite della Tanzania, pari a oltre il 40% nell’ultimo decennio, indica che il Paese sta riuscendo a incrementare la produttività complessiva dei lavoratori.
Al contrario, Paesi come la Nigeria hanno registrato alti tassi di crescita della popolazione, ma hanno visto il PIL pro capite diminuire del 30% nello stesso periodo.
La stabilità di governo della Tanzania, unita alla sua rapida espansione economica e demografica, posiziona saldamente la nazione a diventare una superstar panafricana, superando Paesi regionali più riconosciuti a livello globale come il Kenya e il Sudafrica, che attualmente stanno affrontando significative battute d’arresto economiche e politiche.
Tuttavia, per raggiungere lo status di superstar panafricana, la Tanzania deve compiere passi coraggiosi. Riconoscendo i sostanziali guadagni che la Tanzania può generare nel rifornire i suoi otto Paesi limitrofi, dovrebbe essere il leader nel sostenere e implementare l’Accordo di libero scambio continentale dell’Africa (AfCFTA).
Per attrarre gli investimenti internazionali necessari al potenziamento delle infrastrutture e alla crescita del settore privato, la Tanzania deve ridurre le barriere agli investimenti nel Paese.
Si potrebbe cominciare con misure semplici come l’allineamento del visto per visite d’affari di 250 dollari con la tassa di 50 dollari per un visto ordinario, che altrimenti scoraggia fortemente le visite di investitori e imprenditori internazionali.
Ma soprattutto, la Tanzania dovrebbe dare seguito all’attuazione del Protocollo dell’Unione Africana sulla libera circolazione delle persone, che ha firmato nel 2018.
Questo garantisce ai cittadini africani l’ingresso senza visto in tutti i Paesi africani, pari opportunità di lavoro senza discriminazioni e il diritto di residenza a lungo termine in qualsiasi Paese africano.
Sebbene ciò possa sembrare estremamente ambizioso e irrealistico, l’Unione Europea fornisce un esempio tangibile.
Nonostante le notevoli differenze culturali e di reddito tra i suoi 27 Paesi membri, l’UE è riuscita ad attuare con successo libertà simili per i suoi cittadini.
Questo approccio ha creato un bacino dinamico di talenti che va a beneficio di tutti i Paesi dell’UE, consentendo anche a nazioni relativamente meno ricche come la Polonia di beneficiare di imprese e servizi in tutta Europa, pur vantando un tasso di disoccupazione inferiore al 3%.
Se la Tanzania guidasse l’attuazione del protocollo, potrebbe rapidamente attrarre talenti eccezionali da tutta l’Africa per potenziare le imprese locali e generare un numero significativamente maggiore di posti di lavoro per i propri cittadini.
Infine, la Tanzania deve sfruttare il potenziale della sua diaspora. È sorprendente che la Tanzania sia uno dei soli sette Paesi africani a non consentire la doppia cittadinanza.
Si tratta di uno svantaggio autoimposto che limita la Tanzania dal beneficiare delle competenze e delle risorse di alcuni dei suoi individui più ricchi e di successo, che potrebbero aver ottenuto il passaporto dai loro Paesi di residenza.
Permettendo la doppia cittadinanza, la Tanzania potrebbe ricevere rapidamente miliardi di dollari di investimenti aggiuntivi e un afflusso di talenti di livello mondiale dalla diaspora di ritorno, pronti a svolgere un ruolo centrale nell’aiutare la nazione a raggiungere il suo potenziale di leadership panafricana.
La Tanzania ha l’opportunità unica di diventare un leader nella regione in rapida crescita dell’Oceano Indiano. Grazie alla sua posizione strategica, alla popolazione in crescita, alla governance stabile e all’impressionante crescita economica, ha il potenziale per emergere come una vera e propria potenza panafricana.
Adottando iniziative come l’AfCFTA, il Protocollo dell’Unione Africana sulla libera circolazione delle persone e la doppia cittadinanza, la Tanzania può attrarre investimenti internazionali, promuovere l’integrazione regionale e sfruttare i talenti della sua diaspora.
Il percorso verso la leadership richiede azioni coraggiose e l’impegno a creare un ambiente che attragga gli stakeholder nazionali e internazionali.
Con le giuste strategie, la Tanzania può aprire la strada a un futuro prospero, posizionandosi come forza dinamica che guida la trasformazione economica e sociale dell’intero Sud globale.
Daniel Yu è fondatore e CEO di Wasoko, la più grande rete di e-commerce B2B dell’Africa, e ambasciatore ufficiale del settore privato per Silicon Zanzibar.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito