Gazprom Russia guarda all’Africa per la produzione di gas

Gazprom è pronta ad aiutare i paesi africani a produrre gas naturale, hanno dichiarato i rappresentanti del gigante russo del gas durante un incontro con i funzionari dei paesi africani a Johannesburg, questa settimana…
“Credo che l’esperienza di Gazprom nell’implementazione di progetti di gas naturale liquefatto e di costruzione di gasdotti possa essere interessante per i partner sudafricani”, ha dichiarato l’ambasciatore russo in Sudafrica, Ilya Rogachev, secondo quanto riportato da Interfax, durante la tavola rotonda per discutere dei benefici del gas naturale per l’Africa.
.
All’incontro hanno partecipato i rappresentanti di nove Paesi africani: Algeria, Angola, Ghana, Egitto, Kenya, Mozambico, Nigeria, Tanzania e Sudafrica.
Mentre l’Occidente ha evitato le risorse energetiche russe e ha chiuso la maggior parte degli spazi aerei agli aerei e ai voli commerciali russi dopo l’invasione russa dell’Ucraina, i Paesi africani hanno continuato a mantenere stretti legami con la Russia.
“Gazprom è aperta a discutere proposte costruttive e reciprocamente vantaggiose che faciliterebbero lo sviluppo economico e migliorerebbero la vita delle popolazioni dei Paesi africani”, ha dichiarato Dmitry Khandoga, capo del dipartimento per le attività economiche estere di Gazprom.
L’aumento della produzione di gas naturale in Africa aiuterà a soddisfare la crescente domanda di energia, hanno dichiarato i partecipanti alla tavola rotonda…
Tuttavia, la maggior parte del gas prodotto in Africa viene esportato, hanno detto i rappresentanti di Gazprom. .
“Ad esempio, un abitante su tre della Nigeria, il più grande esportatore di GNL dell’Africa, non ha accesso all’energia”, secondo l’azienda russa.
Ironia della sorte per la Russia, la maggior parte del gas naturale prodotto in Africa finisce in Europa, che sta acquistando più gasdotti e GNL dall’Africa per sostituire le forniture dei gasdotti della russa Gazprom.
Le major del petrolio e del gas stanno ora cercando di siglare altri accordi nel Mediterraneo e in Africa per fornire gas all’Europa, che vuole abbandonare il gas russo entro il 2027.
Claudio Descalzi, amministratore delegato dell’Eni, ha dichiarato al Financial Times all’inizio di quest’anno che l’Europa dovrebbe guardare all’Africa per un asse energetico “sud-nord” per le forniture di gas.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito