Sinomine sospende le operazioni di litio in Zimbabwe per le preoccupazioni delle autorità

L’unità cinese di Sinomine Resource Group per il litio dello Zimbabwe lunedì ha dichiarato di aver interrotto le operazioni per una settimana a seguito di non meglio specificate preoccupazioni amministrative sollevate dalle autorità.
Sinomine ha rilevato Bikita Minerals, che all’epoca era l’unica miniera di litio dello Zimbabwe e una delle più antiche dell’Africa, in un accordo da 180 milioni di dollari lo scorso anno.
“Questo avviso serve a informare i nostri stakeholder e partner che abbiamo sospeso le nostre operazioni per 7 giorni per affrontare le preoccupazioni amministrative sollevate dalle autorità presso il nostro impianto”, ha dichiarato Bikita Minerals in un comunicato.
L’azienda non ha specificato quali fossero le preoccupazioni, ma ha detto che stava lavorando a stretto contatto con tutte le autorità competenti per garantire che la questione fosse risolta.
“Come azienda rispettosa della legge, rimaniamo impegnati a rispettare pienamente tutti i requisiti della legge e ci aspettiamo di riprendere le operazioni una volta che tutte le questioni in sospeso saranno state affrontate”, ha aggiunto Bikita Minerals.
Il Ministero delle Miniere dello Zimbabwe non è stato immediatamente disponibile a commentare.
Il Paese dell’Africa meridionale spera che i suoi grandi depositi di litio contribuiscano a posizionarsi per una spinta economica dalla spinta globale verso l’energia a batteria.
Il minatore cinese ha investito altri 200 milioni di dollari per espandere le attività esistenti a Bikita, compresa la costruzione di due impianti di lavorazione del litio per produrre 250.000 tonnellate di concentrato di spodumene e 480.000 tonnellate di petalite all’anno. Lo spodumene è un altro minerale chiave per le batterie, mentre la petalite è un minerale di litio utilizzato nell’industria del vetro e della ceramica.
La messa in funzione dei due impianti è prevista per luglio di quest’anno. Bikita Minerals impiega 860 lavoratori.
Lo Zimbabwe possiede alcuni dei più grandi depositi di litio in roccia dura del mondo e recentemente ha attirato investimenti per oltre 700 milioni di dollari da parte di aziende cinesi, tra cui Zhejiang Huayou Cobalt e Chengxin Lithium Group.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito