Il Mozambico è pronto a riavviare i suoi progetti di GNL?

L’azienda energetica francese Total ha ritirato i suoi lavoratori da un progetto multimiliardario di gas naturale liquefatto (LNG) nel 2021 a causa del peggioramento della situazione della sicurezza nella provincia di Cabo Delgado in Mozambico.
Nel 2023, due anni dopo, l’Amministratore Delegato di TotalEnergies Patrick Pouyanne si è recato in visita nella nazione dell’Africa meridionale per discutere le condizioni di un possibile riavvio.
L'”ambiente” nella provincia ricca di gas è migliorato e “l’azienda può riprendere l’attività in qualsiasi momento”, ha detto il Presidente del Mozambico Filipe Nyusi in occasione di una recente conferenza sul settore minerario ed energetico nella capitale del Mozambico, Maputo.
TotalEnergies dovrebbe ora riavviare il suo progetto sul gas da 20 miliardi di dollari (circa 18 miliardi di euro), ha aggiunto Nyusi. Una campagna militante di cinque anni nella provincia di Cabo Delgado in Mozambico ha costretto circa 1 milione di persone a fuggire dalle loro case.
Escalation della violenza estremista Ma Cabo Delgado sta lottando con un’insurrezione militante che, negli ultimi cinque anni, ha causato almeno 4.683 vittime – quasi la metà delle quali civili – e ha costretto circa 1 milione di persone a fuggire dalle loro case.
Quando le attività jihadiste sono iniziate nel 2017, il governo mozambicano è stato lento a reagire. La situazione si è aggravata ed è diventato chiaro che le forze di sicurezza locali non erano in grado di gestire il problema dell’insurrezione senza l’assistenza internazionale.
Nel luglio 2021, il Ruanda ha offerto il suo aiuto, che Nyusi ha accettato con entusiasmo. Il Ruanda non è stato solo il primo Paese a inviare truppe a Cabo Delgado, ma ha anche fornito il più grande contingente di truppe straniere nella provincia in crisi, con circa 1.000 soldati.
Dalla fine del 2021, anche altri Paesi – come Sudafrica, Angola, Tanzania, Zimbabwe e Botswana – hanno partecipato alla Missione della Comunità di Sviluppo dell’Africa Meridionale in Mozambico (SAMIM), i cui 3.000 soldati garantiscono la sicurezza nel nord del Mozambico.
Anche l’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno inviato consiglieri militari. Il più grande investimento in Africa Il piano di investimento internazionale per Cabo Delgado prevede la costruzione di un enorme impianto GNL onshore.
Gli investitori guadagnerebbero probabilmente influenza in una regione che potrebbe potenzialmente acquisire una posizione chiave nell’economia dell’Africa. Le autorità mozambicane hanno dichiarato che è prevista la produzione di quasi 13 milioni di tonnellate di GNL all’anno. Gli investimenti nel progetto dovrebbero superare i 20 miliardi di dollari e generare un profitto di 60 miliardi di dollari nel medio termine.
I principali investitori sono la francese TotalEnergies, la statunitense Anadarko e l’italiana Eni. Altre società più piccole provenienti da Europa, Cina, Brasile, India, Giappone e Australia hanno annunciato il loro coinvolgimento finanziario.
L’inizio dell’esplorazione era inizialmente previsto per il 2023. Ma la partenza di Total ha dato un duro colpo al piano.
La situazione della sicurezza nella regione è migliorata? Mancano informazioni affidabili sulla situazione della sicurezza nella regione, secondo Delfim Anacleto, corrispondente di DW a Cabo Delgado. “Il Governo ha detto che la situazione si sta normalizzando”. “Le persone sul posto che ho intervistato dicono che le aziende energetiche come TotalEnergies dovrebbero aspettare prima di rimandare i loro dipendenti a Cabo Delgado”, ha osservato Anacleto. “La situazione si è calmata, ma è possibile che si tratti solo di un ritiro tattico dei jihadisti”.
Anacleto ha detto di non potersi muovere liberamente nella provincia e di essere invitato solo raramente a ispezioni sul posto, ma di non poter uscire da un raggio specificato dai capi militari. Ci sono meno attacchi e anche meno rifugiati che arrivano nella capitale Pemba, e alcuni tornano addirittura ai loro villaggi”, ha detto Anacleto. Questa è la nostra impressione, ma non è certa perché non abbiamo quasi accesso alle aree”. Anchina Abdul dell’ONG Kwendeleya: “Aiutare gli sfollati dovrebbe essere la priorità del governo”.
Privat È sicuro il ritorno di TotalEnergies? DW ha parlato con alcuni degli operatori umanitari che si recano regolarmente nelle aree in difficoltà di Cabo Delgado. “Le persone devono poter tornare nelle aree da cui sono fuggite”, ha detto Anchina Abdul di Kwendeleya, una ONG che aiuta gli sfollati interni a Cabo Delgado. “Il governo e le forze di sicurezza devono garantire che le persone possano tornare nelle loro terre d’origine”, ha detto. “Al momento ci sono altre priorità rispetto al ritorno dei dipendenti delle aziende energetiche internazionali”. Aly Caetano, che si reca spesso nella regione, è d’accordo. “La situazione è ancora caotica”, ha detto Caetano. “La priorità non è che TotalEnergies riprenda i progetti sul gas, ma che la gente comune, i piccoli commercianti possano riprendere le loro attività, i pescatori possano riprendere a pescare, gli agricoltori possano piantare le colture senza pericoli, e i giovani abbiano accesso alle loro scuole e alla loro istruzione, in modo che possano presto prendersi cura di se stessi”. “In molte aree, non è ancora possibile viaggiare da A a B senza personale di sicurezza armato”, ha detto Abudo Gafuro, che ha aggiunto che ci sono attacchi occasionali da parte di jihadisti che prendono di mira i veicoli che trasportano cibo. “Se fossi il capo di TotalEnergies, aspetterei sicuramente un po’ di più, due o tre mesi”, ha suggerito. “Sarebbero necessarie garanzie più chiare da parte delle forze di sicurezza che la sicurezza sia davvero assicurata. Forse il lavoro potrebbe essere ripreso parzialmente, passo dopo passo”.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito