Il presidente tedesco Scholz è alla ricerca di accordi per l’energia pulita in Kenya

Il Cancelliere Olaf Scholz si recherà in Africa Orientale, alla ricerca di partnership per l’energia pulita, in particolare con il Kenya “pioniere”, dove il 90 percento del fabbisogno energetico è coperto da energie rinnovabili.
Il governo di Scholz vede un grande potenziale nella realizzazione di partnership energetiche e climatiche con Nairobi, ha detto una fonte governativa. Il Kenya è già il principale partner commerciale della Germania nell’Africa orientale e sta pianificando di coprire completamente il suo fabbisogno energetico con le energie rinnovabili entro il 2030.
L’energia geotermica è fondamentale nel mix energetico del Kenya e offre “condizioni eccellenti” per la produzione di idrogeno verde. “La speranza è che l’idrogeno verde possa essere importato dal Kenya”, ha aggiunto la fonte governativa tedesca. Sabato Scholz visiterà una centrale geotermica sul lago Naivasha.
Negli ultimi mesi, i leader tedeschi hanno siglato accordi energetici con un’ampia varietà di Paesi, dopo che il Paese è stato costretto a staccarsi rapidamente dalle importazioni di energia russa a basso costo in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.
Per il Governo di Scholz, il Kenya svolge un ruolo di “importante partner economico e di valore”. Il rapporto è più complesso con l’Etiopia, dove Scholz inizierà il suo viaggio di tre giorni. Il Paese è scivolato in una guerra civile nel 2020, quando il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray (TPLF) ha attaccato le installazioni militari nel Tigray, scatenando una grande controffensiva. Scholz, che incontrerà il Primo Ministro etiope Abiy Ahmed giovedì, intende “riconoscere e sostenere i progressi compiuti nel processo di pace iniziato a novembre, ma allo stesso tempo chiedere ulteriori passi”.
In particolare, l’attenzione si concentrerà sulle “gravi violazioni dei diritti umani” che Scholz cercherà di sollevare. Ad Addis Abeba, il Cancelliere tedesco visiterà anche la sede dell’Unione Africana, che attualmente sta mediando nella crisi del Sudan.
Il viaggio di questa settimana segna la seconda visita del Cancelliere in Africa da quando ha assunto l’incarico nel dicembre 2021. Il tour sottolinea l’importanza strategica del continente e gli sforzi intrapresi dagli Stati occidentali per contrastare le mire di Cina e Russia sulla regione. Scholz cercherà di correggere la propaganda russa che giustifica la sua guerra contro l’Ucraina come conseguenza dello zelo di espansione della NATO.
Con un occhio agli enormi investimenti economici della Cina in Africa, Scholz cercherà anche di “offrire una cooperazione politica ed economica a parità di condizioni”, ha detto la fonte governativa.

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram 

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito