Il Gruppo Wagner sta davvero tramando per creare una ‘confederazione di Stati’ in Africa?

Il 24 aprile, il Washington Post ha pubblicato un’importante storia sulla nazione dell’Africa centrale del Ciad. Citando documenti governativi statunitensi trapelati e diplomatici occidentali anonimi, il Post ha riferito che la stabilità del Ciad è minacciata da più parti dal Gruppo Wagner, legato al Cremlino, un importante vettore dell’influenza russa in Africa.

Un presunto complotto di Wagner contro il governo del Ciad era già stato riportato dal Wall Street Journal a febbraio.

Tuttavia, i documenti di intelligence trapelati a cui fa riferimento il Post descrivono un livello ancora più alto delle presunte ambizioni di Wagner. Un documento descrive Wagner che trama per creare una “confederazione unificata di Stati africani” che si estende su un territorio contiguo dalla Guinea all’Eritrea.

La storia del Post è incorniciata da un dilemma: gli Stati Uniti dovrebbero sostenere il regime militare autoritario del Ciad, che è disposto a uccidere i manifestanti pro-democrazia (soprattutto in un bagno di sangue nell’ottobre 2022), o dovrebbero fare pressione per una maggiore responsabilità in Ciad e potenzialmente rischiare di far cadere un alleato africano chiave?

Tuttavia, ci sono altre domande da porre. In particolare, il Post non ha indagato se i funzionari statunitensi stiano esagerando la minaccia di Wagner al Ciad, o all’Africa più in generale. È vero che Wagner si è inserito in modo aggressivo e talvolta molto efficace in diversi teatri del continente africano, in particolare nel Mali, in Libia e nella Repubblica Centrafricana. Eppure Wagner non è invincibile – ne è testimonianza il recente attacco jihadista a quello che alcuni locali hanno descritto come un campo russo in Mali.

Anche alcuni Governi che sembrano curiosi di Wagner si sono comunque mossi con cautela, ben consapevoli della reputazione nefasta del gruppo; ad esempio, non è ancora chiaro se l’ultima generazione di governanti militari del Burkina Faso abbia intenzione di invitare o meno la forza mercenaria, anche dopo più di un anno di voci in tal senso.

A Washington c’è una marcata tendenza a sopravvalutare il ruolo di Wagner nei conflitti. Ad esempio, mentre dal 15 aprile è scoppiata una guerra tragica e terrificante in Sudan, che ha contrapposto l’esercito del Paese a una potente forza paramilitare, i resoconti senza fiato [jl1] hanno suggerito che Wagner è un elemento importante nel conflitto. Tuttavia, alcuni dei maggiori esperti del Sudan e della vicina Libia (da cui provengono alcuni dei presunti coinvolgimenti di Wagner) hanno messo in dubbio l’idea che Wagner sia la storia principale, o anche che ci siano prove solide per le affermazioni specifiche sulle azioni di Wagner.

L’angolazione di Wagner riscrive la guerra del Sudan – un conflitto in corso da anni e la cui causa scatenante è stata un piano di riorganizzazione delle forze armate sostenuto dall’Occidente – come una storia generica di conflitto nella “nuova Guerra Fredda”. Questa riscrittura oscura sia gli errori diplomatici dell’Occidente che hanno contribuito a creare le premesse per il conflitto in Sudan, sia lo spettacolo dei Paesi occidentali che hanno cacciato i propri diplomatici e cittadini dal Sudan, facendo molto meno di quanto avrebbero potuto per aiutare il popolo sudanese.

Tornando al tema del Ciad – un altro presunto teatro della “nuova Guerra Fredda” – i documenti trapelati e i diplomatici anonimi citano una serie di minacce al regime di Mahamat Deby, un colpo di stato dall’interno o l’arrivo di ribelli in Ciad da uno dei suoi vicini, in particolare dalla Libia, dalla Repubblica Centrafricana o dal Sudan. Secondo il Post, “il gruppo paramilitare Wagner ha legami con le forze armate o le milizie di ognuno di questi Paesi”.

Il senso della storia, qui, è sottile; il Ciad ha affrontato ondate ricorrenti di ribellioni che risalgono agli anni ’60, per non parlare dei colpi di stato periodici a partire dagli anni ’70; lo stesso Deby è salito al potere con un colpo di stato, aggirando le procedure costituzionali per imporsi subito dopo che suo padre, il Presidente di lunga data Idriss Deby (anch’egli salito al potere con la forza, nel 1990), è morto per ferite di battaglia nel 2021. Ora c’è il rischio che i governi e i media occidentali inquadrino l’eventuale instabilità politica del Ciad come il risultato dell’ingerenza di Wagner, ignorando la storia di disordini del Paese che precede di molto Wagner.

Washington sta anche continuando a elaborare un messaggio irrimediabilmente incoerente quando si tratta di Wagner, della democrazia e dei colpi di Stato in Africa. I colpi di Stato sono negativi perché sovvertono la democrazia? Oppure i colpi di Stato sono allarmanti solo quando creano opportunità per Wagner? Il tormento per il Ciad da parte dei funzionari occidentali appare poco convincente: il dado è già stato tratto, ed era chiaro fin dall’inizio che i Paesi occidentali, con la Francia in testa, avrebbero appoggiato il nuovo regime di Deby.

Oppure Washington si preoccupa dei colpi di stato, a un livello significativo? Dopo tutto, gli Stati Uniti hanno più o meno fatto spallucce di fronte a un colpo di Stato in Sudan solo un anno e mezzo fa. Tra tutti i discorsi sulla “nuova Guerra Fredda”, ciò che suona più vero è l’idea che la politica degli Stati Uniti per l’Africa rimane un mosaico, con Washington che abbraccia alcuni dittatori, ne evita altri, si concentra occasionalmente su minacce percepite e spesso esagerate, dipinge gran parte del continente con un pennello ampio e ideologico che distorce le realtà locali, e nel contempo ignora la maggior parte delle sfide più pressanti del continente, comprese le predazioni e gli abusi commessi da alcuni dei principali alleati dell’America.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito