L’Europa ha bisogno di energia. L’energia solare marocchina potrebbe essere una soluzione pulita

L’abbondante sole dell’Africa settentrionale potrebbe presto alimentare le case e le aziende europee, in quanto i leader europei stanno valutando la possibilità di collegare massicci progetti solari nordafricani a cavi elettrici sottomarini per liberare il loro continente dall’energia russa.

I progetti sfrutterebbero la stranezza del clima, secondo cui una sponda del Mediterraneo è molto più cupa e nuvolosa dell’altra, sebbene l’Europa e il Nord Africa siano geograficamente vicini. L’abbondanza di terreni desertici rende i megaprogetti nordafricani molto più facili che in Europa, dove gli spazi aperti tendono ad essere agricoli o montuosi.

L’improvvisa necessità di energia alternativa dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia fa sì che i progetti solari nordafricani destinati a inviare elettricità all’Europa siano oggetto di discussione attiva, dicono funzionari ed esperti, in quanto i leader europei vedono un modo semplice per assicurarsi grandi quantità di energia verde. Proposte passate hanno suggerito che i progetti energetici nordafricani potrebbero soddisfare fino al 15 percento della domanda di elettricità dell’Europa.

L’interesse è particolarmente alto in Marocco, dove i cavi elettrici sottomarini attraversano già la distanza di 10 miglia fino alla Spagna, presso lo Stretto di Gibilterra.

I leader marocchini – che non hanno mai avuto combustibili fossili da esportare – vedono la possibilità di promuovere il loro Paese come un gigante delle energie rinnovabili. L’Europa, nel frattempo, vuole raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi climatici e allo stesso tempo soddisfare il suo bisogno di energia non russa. Il risultato è una confluenza di interessi che potrebbe portare a un improvviso balzo in avanti per l’adozione delle energie rinnovabili in Europa. Più in generale, si tratta di un test per il concetto di trasporto di energia verde dalle zone soleggiate del mondo alle regioni in cui il sole non brilla altrettanto intensamente.

“La questione della sicurezza energetica, o la questione della sovranità energetica, è più che mai una considerazione importante. L’affidabilità è fondamentale”, ha dichiarato il Ministro degli Esteri marocchino Nasser Bourita alla fine dello scorso anno, dopo la firma di un “partenariato verde” in cui l’Unione Europea si è impegnata a investire in progetti energetici marocchini.

L’Europa da sola non ha “il potenziale di scala per creare le dimensioni dell’energia rinnovabile di cui abbiamo bisogno”, ha detto il Vicepresidente della Commissione Europea Frans Timmermans, parlando con Bourita.

Il più grande impianto solare a concentrazione del mondo

Il Marocco ospita già un importante impianto di energia solare, con piani in corso per costruirne altri. Quindi i leader europei lo vedono come un partner naturale.

“L’Europa è davvero nel mezzo di un profondo esame di coscienza nel settore energetico. Si tratta di una vera e propria crisi”, ha dichiarato Laura El-Katiri, borsista dell’European Council on Foreign Relations, specializzata in energie rinnovabili del Nord Africa. La separazione dall’energia russa “sarà il catalizzatore che farà cambiare rotta verso un’energia più pulita, più di tutti i negoziati sul clima e altre cose”.

Negli ultimi anni, il Marocco ha costruito un enorme progetto solare nel deserto vicino alla città di Ouarzazate, installando specchi che si estendono per più di cinque miglia e che focalizzano i raggi del sole su una torre centrale piena di tubi di sali fusi che assorbono il calore e funzionano come un’enorme batteria. Il calore riflesso – una tecnica solare nota come impianto solare a concentrazione – può aiutare a generare energia per ore dopo il tramonto.

L’impianto solare a concentrazione, il più grande al mondo, assomiglia un po’ a un tempio dell’energia rinnovabile, con un faro etereo e luminoso che si erge sopra l’arida pianura desertica. Si stima che l’installazione, visibile dallo spazio, sia in grado di generare circa 1.500 gigawattora all’anno, poco meno di un terzo della produzione della più piccola centrale nucleare degli Stati Uniti.

Gli esperti del settore affermano che ci sono poche barriere pratiche per espandere in modo significativo i progetti solari in Marocco, dal momento che ci sono ampie distese di terreno che non vengono utilizzate dagli agricoltori e non hanno un valore economico significativo. Inoltre, i cavi sottomarini non sono tecnicamente difficili o proibitivi, date le distanze relativamente brevi da percorrere sotto il Mediterraneo.

Il Nord Africa ha una capacità installabile di 2.792 gigawatt di energia solare e 223 gigawatt di energia eolica, secondo le stime dell’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili. El-Katiri ha detto che potrebbe generare più di 2½ volte la produzione di elettricità dell’Europa nel 2021.

‘Potenziale solare illimitato’

Non è la prima volta che l’Europa guarda all’energia solare del Nord Africa: Un progetto non realizzato più di dieci anni fa, chiamato Desertec, mirava a fornire circa il 15% del fabbisogno energetico europeo con un investimento di 436 miliardi di dollari nell’energia solare della regione. Alla fine è crollato a causa della crisi economica in Europa e dell’afflusso di combustibile fossile a basso costo dalla Russia.

Il materiale promozionale di Desertec collocava un piccolo quadrato rosso su una parte del Sahara, affermando che quella massa di terra era sufficiente a soddisfare l’intero fabbisogno mondiale di energia elettrica con l’energia solare. Alcuni analisti dicono che il quadrato non era realisticamente abbastanza grande. Ma il vasto potenziale del solare del deserto rimane, ha detto El-Katiri.

Più di un decennio dopo, l’economia di progetti ambiziosi ha molto più senso, hanno detto gli analisti, con il costo dell’energia solare in calo e il costo dell’energia fossile più alto rispetto a prima dell’invasione dell’Ucraina.

“Il vantaggio comparativo è piuttosto semplice, a patto che le politiche non lo discriminino”, ha detto Jonathan Walters, economista energetico specializzato nel Mediterraneo ed ex direttore della Banca Mondiale.

La quantità di elettricità che potrebbe essere generata in Nord Africa e in Medio Oriente “dipende quasi interamente dalla velocità con cui l’Europa vuole rendere più ecologica la sua offerta energetica”, ha detto Walters. “Il potenziale è quasi illimitato”.

Le sfide rimangono: I parchi solari su larga scala hanno bisogno di acqua per funzionare, che può essere difficile da reperire nel deserto. I sostenitori dei progetti affermano che il fabbisogno idrico sta diminuendo e che una parte dell’acqua potrebbe essere fornita da impianti di desalinizzazione che funzionano con energia rinnovabile.

Alcuni attivisti sociali hanno anche sollevato dubbi sul fatto che i grandi progetti replichino alcune delle relazioni coloniali dei secoli precedenti, quando le potenze europee sfruttavano le nazioni africane per le loro risorse, ma offrivano poco in cambio. I leader europei ora dicono di volersi assicurare che l’industria energetica nazionale del Nord Africa si sviluppi nello stesso momento in cui procedono i megaprogetti per l’Europa.

Il Marocco rimane anche una monarchia dove le opportunità di esprimere il dissenso sono limitate al massimo, anche se i sostenitori di legami più profondi notano che la stessa sfida esiste in molte superpotenze dei combustibili fossili.

Per molti marocchini coinvolti nell’industria, la vendita di energia all’Europa è un percorso per costruire la forza del proprio Paese.

“Altri Paesi fanno leva sul fatto che hanno il petrolio. Noi no. Noi sfruttiamo l’eolico e il solare”, ha detto Mohamed Alaoui, amministratore delegato di Africa Climate Solutions, una società di consulenza per lo sviluppo sostenibile con sede a Casablanca. “In Marocco la vediamo come un’enorme opportunità”.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito