China Energy progetta un impianto solare galleggiante da 1000 MW in Zimbabwe

China Energy Engineering Corp. (China Energy) ha proposto la costruzione di un impianto solare galleggiante da 1.000 megawatt a Karibadam, in Zimbabwe, ad un costo di quasi 1 miliardo di dollari, come risulta dai documenti presentati lunedì.

Il Paese dell’Africa meridionale sta attualmente generando meno della metà della sua domanda di energia da 1.700 MW, a causa delle prestazioni insufficienti delle sue vecchie centrali a carbone e dei bassi livelli d’acqua che incidono sulla generazione della sua centrale idroelettrica da 1.050 MW a Kariba.

Le centrali solari galleggianti stanno diventando un’opzione sempre più attraente, in quanto gli sviluppatori cercano di evitare l’utilizzo di grandi spazi e interessi di utilizzo del territorio in competizione.

La proposta di China Energy, fatta alla società statale Zimbabwe Power Company e a un consorzio privato di consumatori industriali di energia elettrica del Paese, prevede l’installazione di circa 1,8 milioni di pannelli solari a un costo di 987 milioni di dollari, come risulta dai documenti visionati da Reuters.

“L’ambito di lavoro del progetto comprende la progettazione, l’approvvigionamento, la costruzione e la messa in funzione di un parco solare galleggiante da 1000 MW AC e di una stazione di rilancio da 330kV/33kV”, si legge nel documento.

Includerebbe anche una linea di trasmissione dalla stazione di rilancio a una sottostazione a Kariba. China Energy ha recentemente completato due progetti solari galleggianti nella provincia cinese di Shandong e in Tailandia, secondo i documenti.

La settimana scorsa lo Zimbabwe ha iniziato a generare energia dal primo dei due nuovi impianti a carbone da 300 MW finanziati dalla Cina a Hwange, ma prevede di passare alle fonti di energia rinnovabile per la fornitura di elettricità a lungo termine.

Lo scorso dicembre, il Governo ha presentato degli incentivi per aiutare a rendere operativi 1.100 MW di progetti solari entro il 2025.

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram 

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito