Il Kenya e la Tanzania rinnovano la spinta a vendere le aziende statali in passivo

Il Kenya e la Tanzania hanno rinnovato la spinta alla vendita di enti parastatali inefficienti e in perdita, nell’ambito di un piano per evitare il prosciugamento dell’erario e domare le perdite di entrate.

Questi piani sono stati sostenuti dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), che ha sollevato preoccupazioni sulle aziende statali sottoperformanti.

La Tanzania sta spingendo per ottenere prestazioni nei suoi parastatali commerciali e di servizio, con un piano di ristrutturazione delle istituzioni che non sono riuscite a ottenere profitti.

La scorsa settimana, il Cancelliere del Tesoro Nehemia Mchechu ha ordinato ai responsabili delle istituzioni pubbliche di rivalutare le loro prestazioni e di formulare piani di successione che aiutino il Governo a realizzare i profitti dei suoi enormi investimenti.

Mchechu ha emesso la direttiva durante il secondo giorno del suo incontro con i presidenti dei consigli di amministrazione e gli amministratori delegati delle agenzie pubbliche, delle istituzioni e di altre società statutarie, tenutosi a Dar es Salaam.

Inefficienze
L’ultima mossa è motivata dalle inefficienze e dal basso contributo delle istituzioni pubbliche al PIL della Tanzania.

Il Governo della Tanzania possiede 298 società parastatali commerciali e di servizi, per un valore di 70.000 miliardi di Tsh (30 miliardi di dollari) di investimenti.

L’ufficio del cancelliere del Tesoro sta per istituire un comitato consultivo nazionale per gli investimenti, per consigliare il governo su come investire al meglio e trasformare la gestione delle istituzioni pubbliche e parastatali.

La Tanzania aveva l’obiettivo di aumentare le entrate non fiscali delle sue entità commerciali da Tsh637,64 miliardi (271 milioni di dollari) a Tsh1,2 trilioni (509 milioni di dollari) entro il 2025.

Le statistiche mostrano che tra il 2019 e il 2021, un totale di 236 entità hanno contribuito con Tsh696 miliardi (296 milioni di dollari).

Il Governo ha investito in 298 istituzioni, di cui 248 sono agenzie pubbliche e le restanti 50 operano attraverso partenariati pubblico-privati.

Modifiche alla legge
Il Kenya ha emendato la sua legge per conferire al Tesoro Nazionale il potere di effettuare privatizzazioni senza l’approvazione del Parlamento.

La nuova legge conferisce al Segretario di Gabinetto per il Tesoro Nazionale il potere, in consultazione con l’Autorità per la Privatizzazione, di determinare quali beni statali devono essere venduti e il processo.

Il 12 aprile, il Primo Segretario di Gabinetto del Kenya, Musalia Mudavadi, ha ribadito l’invito a ristrutturare e, ove possibile, a fondere le aziende statali non performanti, sollevando il timore di perdite di posti di lavoro tra i dipendenti pubblici.

Il Governo del Kenya ha osservato che delle 349 imprese statali, solo il cinque percento stava versando entrate all’erario, mentre 79 avrebbero dovuto essere imprese commerciali.

Mudavadi ha detto che la maggior parte delle imprese si affidava ai finanziamenti dello Stato, il che era “inaccettabile”.

Nel mese di ottobre 2022, il Presidente William Ruto ha dichiarato che almeno 10 imprese statali sarebbero state quotate alla Nairobi Securities Exchange nei prossimi 12 mesi, per rinvigorire le attività della borsa.

Scioglimento e fusione
Nell’ottobre 2013, una Task Force presidenziale sulle riforme parastatali aveva raccomandato lo scioglimento e la fusione di 75 aziende statali, riducendone il numero a 187 da 262.

L’ex Presidente Uhuru Kenyatta aveva ordinato che le raccomandazioni fossero attuate in tre mesi, poiché solo 51 aziende statali erano autosufficienti.

Tuttavia, il programma si è arenato, con fonti che accennano alla mancanza di volontà politica.

L’anno scorso, l’FMI ha raccomandato riforme drastiche alle imprese statali del Kenya in difficoltà finanziarie, tra cui Kenya Power e Kenya Airways.

Anche il Presidente ruandese Paul Kagame ha spinto per la vendita delle imprese statali inefficienti, dopo la creazione del Ministero degli Investimenti Pubblici e delle Privatizzazioni. Ha esortato il nuovo ministero a lavorare urgentemente per mettere alcune aziende statali in mani private.

In Uganda, una riunione di Gabinetto presieduta dal Presidente Yoweri Museveni nel settembre 2018 ha deciso di sciogliere alcuni parastatali e di fonderne altri nell’ambito di riforme volte a prevenire la duplicazione dei ruoli e lo spreco di risorse pubbliche.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito