Kamala Harris inizia il tour in Africa con un impegno di 100 milioni di dollari, mentre gli Stati Uniti cercano di contrastare l’influenza di Cina e Russia.

La Vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris è arrivata in Ghana domenica sera per dare il via a un tour di tre nazioni in Africa, la sua prima visita nel continente da quando ha assunto l’incarico. È stata accolta da scolari che sventolavano bandiere ghanesi e americane quando è scesa dall’aereo ad Accra, e ha subito annunciato un nuovo significativo pacchetto di sostegno finanziario degli Stati Uniti per il Ghana e una manciata di altre nazioni della regione.

Harris ha sorriso ai ballerini e ha detto che “non vede l’ora di fare questo viaggio come un’ulteriore affermazione della lunga, duratura e importantissima relazione e amicizia tra il popolo degli Stati Uniti e coloro che vivono nel continente africano”.

La Vicepresidente ha detto di essere “molto entusiasta” del futuro del continente e “dell’impatto del futuro dell’Africa sul resto del mondo, compresi gli Stati Uniti d’America”.

Harris ha avuto un incontro bilaterale con il Presidente Nana Akufo Addo ad Accra, nel suo primo incontro di alto profilo mentre inizia il tour di nove giorni nelle nazioni dell’Africa centrale.

“Gli Stati Uniti stanno rafforzando i nostri partenariati in tutto il continente africano, e non sono guidati da ciò che possiamo fare per l’Africa, ma con l’Africa e i nostri partner africani in questo continente”, ha detto Harris in una conferenza stampa con il leader ghanese dopo il loro incontro, lodando la sua leadership per aver reso il Ghana un “faro di democrazia”.

Harris ha annunciato un nuovo sostegno di 100 milioni di dollari per Benin, Ghana, Guinea, Costa d’Avorio e Togo, per aiutare le nazioni ad affrontare i problemi di sicurezza, governance e sviluppo nella regione. I funzionari della Casa Bianca hanno detto che il viaggio e gli incontri di Harris si concentreranno su democrazia, cambiamento climatico, sicurezza, economia e impatto dell’invasione della Russia in Ucraina.

Il tour di Harris fa parte degli sforzi dell’amministrazione Biden per rafforzare i legami nel continente. È il quinto alto funzionario dell’amministrazione a visitare l’Africa quest’anno, dopo il Segretario del Tesoro Janet Yellin e il Segretario di Stato Antony Blinken.

La raffica di visite ufficiali segue il vertice dei leader USA-Africa di dicembre, dove il Presidente Biden ha annunciato un impegno di 55 miliardi di dollari per il continente nei prossimi tre anni.

Harris è stato citato al vertice per aver detto che le partnership degli Stati Uniti con le nazioni africane sarebbero state guidate non da ciò che l’America fa “per il continente”, ma da ciò che fa “con l’Africa”. Questa frase è stata una battuta molto poco velata alla Cina e alla Russia, che da anni investono pesantemente nel continente per acquisire influenza.

Alcuni analisti sostengono che gli Stati Uniti hanno tardato a montare il loro approccio africano, mentre Pechino ha speso somme enormi per sviluppare le infrastrutture, prestando denaro e, in alcuni Paesi, persino costruendo una rete di telecomunicazioni. Spesso gli investimenti vengono effettuati in cambio dell’accesso a risorse minerarie vitali.

Il Ghana ha già un accordo infrastrutturale da 2 miliardi di dollari con un’azienda cinese per contribuire allo sviluppo di strade e altri progetti, in cambio dell’accesso al minerale di alluminio.

Il viaggio di Harris arriva mentre la maggior parte delle nazioni africane lotta per riprendersi dagli effetti combinati della pandemia globale di coronavirus e dell’invasione russa dell’Ucraina. Il Ghana, uno dei Paesi politicamente più stabili e sicuri del continente, sta soffrendo per un’inflazione che ha superato il 50% e per una crisi del debito nazionale sulla scia della pandemia.

Anche la Russia ha riacceso le sue relazioni con molti Paesi africani. I movimenti di liberazione in tutto il continente sono stati sostenuti con armi, addestramento militare e aiuti finanziari dall’ex Unione Sovietica, e Mosca sta ora sfruttando queste relazioni storiche in tutto il continente per aumentare il commercio e l’influenza, anche attraverso l’impiego di mercenari del gruppo Wagner in almeno quattro Paesi africani.

Il Burkina Faso e il Mali hanno visto due colpi di stato negli ultimi anni, tutti inscenati da gruppi locali allineati con gli estremisti islamici. I disordini hanno creato delle opportunità per la Russia di fornire forze mercenarie in entrambi i Paesi, oltre che nella Repubblica Centrafricana e in Sudan.

Ci si aspetta che Harris discuta a lungo con Afuko-Addo dei problemi di sicurezza della regione lunedì.

Un funzionario statunitense ha detto a CBS News che la posta in gioco per Harris in questo viaggio è alta. Il suo compito è quello di convincere i Paesi africani che gli Stati Uniti credono nel loro futuro e vogliono investire, in quanto la percezione nel continente è che Washington sia sempre meno interessata e veda il continente solo come un caso di carità.

Questa percezione è stata in parte alimentata dall’apparente mancanza di interesse della precedente amministrazione Trump e dai commenti denigratori dello stesso Trump, che nel 2018 ha definito alcune nazioni africane come “Paesi di merda”.

Un voto dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite su una risoluzione che condannava l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha focalizzato l’attenzione sull’Africa l’anno scorso, dato che la metà di tutte le astensioni provenivano da Paesi africani, tra cui la Tanzania, che Harris visiterà questa settimana dopo il Ghana.

Richard Gowan, Direttore delle Nazioni Unite per l’International Crisis Group, ha dichiarato a Pamela Falk di CBS News, dopo che la Yellen ha visitato il continente all’inizio di quest’anno, che l’avvicinamento americano di alto livello rappresenta un importante sforzo diplomatico, e ha detto che l’amministrazione Biden sembra prendere sul serio l’iniziativa.

“Ma alla fine della giornata”, ha detto Gowan a CBS News, “i leader africani si chiederanno se si tratta di un corteggiamento a breve termine o dell’inizio di un tentativo più sostenuto da parte degli Stati Uniti di ricostruire i legami nel continente, perché la Cina sta conquistando influenza in Africa attraverso accordi commerciali a lungo termine… Se gli Stati Uniti non sono in grado di contrastare le iniziative economiche della Cina, le iniziative diplomatiche americane non cambieranno le carte in tavola”.

Accompagnata nel viaggio dal marito, Doug Emhoff, Harris dovrebbe tenere un discorso martedì al castello di Cape Coast, dove gli africani schiavizzati venivano caricati sulle navi dirette negli Stati Uniti durante la tratta transatlantica degli schiavi.

Dopo la Tanzania, la Vicepresidente concluderà il suo tour in Africa con una tappa in Zambia.

In tutto il continente si è parlato molto del fatto che il viaggio di Harris potrebbe essere seguito da un tour in più Paesi da parte del Presidente Biden nei prossimi mesi, ma la Casa Bianca non ha ancora confermato alcun piano del capo dell’esecutivo per visitare il continente.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito