Il gruppo di mercenari russi Wagner mantiene un basso profilo in Sudan per preservare i propri interessi

L’organizzazione mercenaria russa Wagner è presente in Sudan da anni, ma ha mantenuto un basso profilo durante i recenti scontri per preservare i suoi interessi nel Paese ricco di oro, dicono gli esperti.

Ecco cosa sappiamo sui rapporti del capo di Wagner, Yevgeny Prigozhin, nella travagliata nazione africana:

Legami con la Russia
La Russia ha fornito armi al Sudan durante i tre decenni di governo dell’ex presidente Omar al-Bashir, soprattutto dopo che le Nazioni Unite hanno imposto sanzioni al Paese nel 2005 per il conflitto del Darfur.
Dopo che l’esercito lo ha rovesciato nel 2019 a seguito di mesi di proteste, i legami tra Khartoum e Mosca sono sembrati allentarsi.

Ma dopo che il capo dell’esercito Abdel Fattah al-Burhan ha preso il potere nell’ottobre 2021, il suo vice Mohamed Hamdan Daglo ha segnalato l’apertura a una cooperazione continua.

Il Sudan è pronto a cooperare “con qualsiasi Paese, a condizione che sia nel nostro interesse e non minacci la nostra sicurezza nazionale”, ha detto Daglo, noto anche come Hemeti.

Dopo che i due generali hanno litigato, l’esercito di Burhan e i paramilitari delle Forze di Supporto Rapido (RSF) di Daglo si stanno combattendo da sabato, in una violenza che, secondo le ambasciate a Khartoum, ha ucciso più di 270 persone.

L’oro
Il Sudan è ricco di oro, la maggior parte del quale esce illegalmente dal Paese.

Si dice che l’RSF di Daglo controlli diverse miniere.

Una società di proprietà o gestita da Prigozhin chiamata M Invest e la sua filiale Meroe Gold agiscono come copertura per Wagner in Sudan, secondo il Tesoro degli Stati Uniti.

Nel 2017, quando Bachir era ancora al potere, il Sudan ha concesso a M Invest accordi di concessione per esplorare siti di estrazione dell’oro nel Paese.

Poco dopo, Meroe ha firmato un accordo di cinque anni con un’azienda sudanese chiamata Aswar, che sembra essere controllata dall’intelligence militare sudanese, per assicurarsi la posizione nel settore dell’oro del Paese, come ha riferito l’Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) nel novembre dello scorso anno.

Nel 2018, il Sudan ha poi rinunciato a una tassa sull’oro del 30 percento per Meroe, ha affermato.

Nel 2020, il Tesoro degli Stati Uniti ha imposto sanzioni sia a M Invest che alla sua filiale Meroe Gold.

“Prigozhin e la sua rete stanno sfruttando le risorse naturali del Sudan a scopo di guadagno personale”, ha dichiarato all’epoca l’allora Segretario del Tesoro statunitense Steven Mnuchin.

Negli ultimi anni, dopo la caduta di Bashir, “Wagner ha continuato ad espandere il suo portafoglio minerario in Sudan”, ha affermato Catrina Doxee, del Center for Strategic and International Studies con sede negli Stati Uniti.

Lo ha fatto rimanendo “relativamente opportunista in Sudan, piuttosto che fedele a una particolare fazione politica”, ha detto all’AFP.

Disinformazione, formazione
Oltre all’oro, Wagner ha anche fornito un’influenza politica strategica in Sudan.

“Le campagne di disinformazione rivolte agli utenti sudanesi dei social media sono state una parte consistente del loro libro di gioco dal 2017”, ha scritto a febbraio la Global Initiative Against Transnational Organized Crime.

All’inizio del 2022, un membro dei servizi di sicurezza sudanesi ha dichiarato all’AFP: “Gli esperti russi proteggono le comunicazioni e analizzano i social media per le istituzioni legate allo Stato”.

Si ritiene che Wagner abbia anche addestrato membri dei servizi di sicurezza.

“La presenza di personale paramilitare russo in Sudan è fuori discussione”, ha scritto l’esperto russo Sergey Shukankin nel 2020.

Fonti locali sudanesi hanno detto che “i mercenari si trovavano a Khartoum e stavano addestrando le forze per le operazioni speciali dei Servizi di Intelligence e Sicurezza Nazionale”, ha aggiunto.

Scegliere da che parte stare?
Prigozhin martedì ha negato che alcuni agenti Wagner si trovassero in Sudan.

“Per due anni, nessun combattente Wagner è stato presente in Sudan. E oggi non ce n’è nessuno”, ha detto su Telegram.

La maggior parte degli analisti concorda sul fatto che probabilmente sta aspettando di vedere l’esito dei combattimenti prima di scegliere da che parte stare.

Doxee ha detto che Wagner “probabilmente adotterà una posizione opportunistica nell’attuale conflitto”.

“Per Wagner è molto importante proteggere i propri interessi commerciali… a prescindere dalla fazione che trionferà”, ha detto.

Roland Marchal, esperto del Centro di Ricerca Internazionale di Parigi, è d’accordo.

“Finché gli affari continuano e la loro influenza rimane, che vinca il migliore”, ha detto, riassumendo l’atteggiamento del gruppo.

Colin Clarke, del Soufan Center di New York, ha detto che Wagner era probabilmente più incline a propendere per Daglo, “a causa del suo accesso alle miniere d’oro in Sudan”.

“Ma come in ogni gruppo mercenario, la lealtà e la fedeltà è verso chi sta firmando gli assegni”, ha detto.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito